neq-header.jpg
Stampa
31
Dic

Garanzia fideiussoria da 220 milioni nell'interesse di Astaldi per la galleria ferroviaria del Brennero

Un consorzio guidato dal gruppo Reale Mutua ha rilasciato una garanzia fideiussoria, per un valore pari a 220 milioni di euro, nell'interesse di Astaldi, a capo del raggruppamento di imprese costituito da Ghella, Oberosler, COGEIS e P.A.C., a favore di BBT SE (Brenner Basistunnel) a margine del contratto per la realizzazione del lotto «Mules 2-3» della Galleria di Base del Brennero, una delle maggiori opere oggi in costruzione in Europa, del valore di circa 1 miliardo di euro.

Il contratto prevede la realizzazione di tutte le opere in sotterraneo della sezione di maggior rilievo del tratto italiano della galleria ferroviaria del Brennero.

Le opere principali prevedono il completamento del cunicolo esplorativo e delle 2 gallerie di linea principali, per complessivi 23 chilometri di gallerie. La durata dei lavori è stimata in 7 anni.

Le opere saranno eseguite dal raggruppamento di imprese costituito da Astaldi (42,51%, mandataria) e dalle imprese italiane Ghella (42,49%), COGEIS (5%), Oberosler Cav. Pietro (5%) e P.A.C. (5%).

La Galleria di Base del Brennero ha un costo complessivo di 8,8 miliardi di euro, finanziati al 40% dall’UE e per il restante 60% da fondi resi disponibili da Italia e Austria (con 2,65 miliardi di euro a carico dell'Italia).

Lo studio Gitti and Partners ha agito in qualità di deal counsel, con un team guidato dal socio Vincenzo Giannantonio insieme a Gloria Manunza, Nicola Malta, Giacomo Pansolli, Irina Gherca e Alessandro Medolago Albani.

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.