neq-header.jpg
Stampa
30
Dic

Crescita 2017: per Unimpresa il Pil non andrà oltre l’1%

Ferrara: «il Governo abbia il coraggio di sostenere maggiormente il “Made in Italy”»

 

Italia tricolore PILCrescita ancora stentata se non insufficiente per il Pil del paese Italia, non superiore all'1% nel 2017. Il prossimo anno, anche se sarà confermata la tendenza alla crescita, resterà caratterizzato da incertezza e l'economia del Paese non subirà auspicate accelerazioni.

Secondo una previsione del Centro studi di Unimpresa sulle prospettive dell'economia italiana, a pesare sulla lentezza ormai cronica del Pil italiano saranno sia fattori esterni sia ragioni interne. Sull'andamento dell'economia italiana incideranno negativamente il quadro congiunturale internazionale incerto, le tensioni politiche in alcune aree del pianeta, i bassi tassi di interesse che non favoriscono la salita dell'inflazione, i consumi stagnanti, la pressione fiscale ancora troppo alta, la difficoltà di accesso al credito da parte delle imprese aggravata dalla crisi del sistema bancario italiano. 

Secondo il Centro studi dell'associazione, i prossimi 12 mesi proseguiranno sulla tendenza del 2016 caratterizzato da un periodo di ripresa assai lenta. Se quest'anno la crescita del Pil italiano è attesa attorno allo 0,9%, per il 2017 ci si attende un livello analogo e comunque non superiore all'1%; nel biennio successivo potrebbero essere raggiunti livelli lievemente più alti ovvero dell'1,2-1,4%. In ogni caso, un ritorno di crescita assai più scarso rispetto alla media dell'Unione europea a 28 e dell'area euro, a conferma della stagnazione imperante determinata da una politica largamente incapace di prendere scelte strategiche e di largo respiro. 

L'area euro ha beneficiato e beneficerà ancora nel 2017 delle misure straordinarie di politica monetaria adottate dalla Banca centrale europea. In particolare, proseguirà il “Quantitative easing” e il connesso programma di acquisti di titoli di Stato oltre che di obbligazioni emesse da soggetti privati da parte della Bce. Gli effetti positivi finora registrati in particolare sul versante della finanza pubblica, specie per quanto riguarda l'Italia, non sono stati adeguatamente sfruttati per attuare un rigoroso piano volto alla riduzione del debito pubblico. Il basso livello dei tassi di interesse, favorito appunto dalla Bce, ha sensibilmente ridotto il costo delle nuove emissioni di Bot e Btp. In questo contesto, sarebbe stato auspicabile assistere a interventi per far calare la spesa pubblica. Ciò soprattutto con l'attuazione della revisione della spesa pubblica (sostanzialmente mancata) e con la lotta agli sprechi (sparita a favore di provvedimenti clientelari ed improduttivi). Secondo Unimpresa, è prevedibile un’ulteriore crescita del debito pubblico a un ritmo non inferiore ai 5 miliardi mensili; su base annua, pertanto, il debito potrebbe incrementarsi di circa 60 miliardi, che andrebbero ad aggiungersi ai 120 miliardi di euro eredità dei 1.000 giorni di governo di Matteo Renzi.

Anche sul fronte delle banche, le misure della Bce non sono state capaci di imprimere una svolta per la riapertura dei rubinetti del credito. Peraltro, lo stato di salute del settore bancario italiano - che ha imposto al governo la creazione di un fondo emergenziale da 20 miliardi - lascia intravedere un 2017 all'insegna delle ristrutturazioni e degli interventi per evitare crisi sistemiche. Se da un lato la creazione del fondo non era procrastinabile, proprio per gli effetti a catena di eventuali fallimenti di singoli istituti di credito, dall'altro non può non essere sottolineata la necessità di trovare analoghe risorse per abbattere la pressione fiscale soprattutto a carico delle micro, piccole e medie imprese.

Il 2017, secondo Unimpresa, non sarà caratterizzato da una spinta della fiducia soprattutto sul fronte degli imprenditori. Ne deriverà una scarsa propensione agli investimenti con conseguenze che si avvertiranno anzitutto sull'occupazione; peraltro, la riduzione degli incentivi contributivi per le nuove assunzioni non porterà all'aumento di nuovi contratti. Analoghi timori si vanno delineando sul fronte delle famiglie, sempre preoccupate per l'arrivo di nuove tasse e per incrementi tariffari a cui non corrispondono analoghi incrementi dei salari: ne deriva una maggiore propensione al risparmio e una minore spinta ai consumi.

«Il “Made in Italy” ha bisogno di più. Come rappresentanti delle micro, piccole e medie imprese, la spina dorsale dell'economia italiana, sentiamo ancora di più l'obbligo di chiedere sforzi importanti al governo per rimettere il Paese nelle condizioni di agganciare una ripresa più stabile e soprattutto più robusta - dichiara il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara -. Non possiamo rassegnarci, non possiamo credere che l'Italia sia capace di far crescere il suo Pil di appena l'1% annuo. Le energie, le eccellenze e le qualità non mancano. Ma serve coraggio per scommettere sulle nostre imprese - aggiunge Ferrara -. Abbiamo detto che il decreto cosiddetto salva-risparmio è giusto, perché non stabilizza solo le banche, tuttavia il governo e il Parlamento devono dimostrare di trovare fondi analoghi anche per tagliare le tasse a chi fa impresa».

 

POLITICA NEWS

Anche presidente consiglio provincia di Bolzano Bizzo dà l’addio al PD

L’area dei dissidenti del PD altoatesino acquista il suo rappresentante più in vista. Pöder (Bürgerunion) chiede elezioni anticipate in provincia di Bolzano

Pab Roberto BizzoEra nell’aria e alla fine anche il presidente del Consiglio provinciale di Bolzano, Roberto Bizzo, ha varcato il Rubicone dopo una serie di «strazianti riflessioni» confermando la sua uscita dal Partito democratico altoatesino.

Leggi tutto...

Trento Rise: dopo la condanna penale, la Corte Conti chiede danni erariali ai due ex dirigenti

Lo scandalo si allarga anche al livello politico: per il deputato M5S Fraccaro «pesantissime ed inquietanti responsabilità politiche dell’ex presidente della provincia Dellai»

tnrise logoL’inchiesta sulle consulenze del consorzio Trentino Rise (uno dei tanti bracci operativi della Provincia di Trento) affidate alla società di consulenza Deloitte sale nuovamente di livello, dopo le condanne ad un anno per turbativa d’asta dell’ex dirigente generale della Provincia, Ivano Dalmonego e al dirigente trentino della Deilotte, Massimo Bonacci che ha patteggiato un anno e sei mesi. Ora tocca alla Corte dei conti.

Leggi tutto...

Autonomia regioni: a fine mese firma dell’accordo a Roma

Il 28 febbraio Zaia. Maroni e Bonaccini si firma la preintesa con il governo. Accolte gran parte delle richieste delle regioni

zaia maroni bonacciniMercoledì 28 febbraio, i governatori di Veneto (Luca Zaia), Emilia Romagna (Stefano Bonaccini) e Lombardia (Roberto Maroni) si recheranno a Roma a Palazzo Chigi per la firma della preintesa con il governo in tema dell’accordo per la concessione di maggiore autonomia alle tre regioni. L’annunicio lo ha dato lo stesso Maroni: «da mercoledì con la forma del patto per l'autonomia con il Governo si conclude la fase 1, quella del post referendum, e inizia un percorso».

Leggi tutto...

Crisi delle banche venete: prima riunione della nuova Commissione speciale d’inchiesta regionale

Negro: «dobbiamo dare una risposta a risparmiatori e imprenditori»

consiglio regione veneto giovanna negro veneto del fare presidente commissione speciale banchePrima riunione a Palazzo Ferro Fini della Commissione speciale d'inchiesta istituita in seno al Consiglio regionale del Veneto sui fatti riguardanti il sistema bancario locale.

Leggi tutto...

Elezioni politiche: in Alto Adige cresce il malcontento verso i paracadutati Boschi e Bressa

L’invito a votare scheda bianca di Suedtiroler Freiheit e dei Freiheitlichen fa infuriare la SVP. I fuoriusciti del PD si costituiscono in gruppo autonomo. Ironia di Zeller: «la Boschi è più tedesca di noi sudtirolesi»

bandiera provincia bolzanoIl paracadutismo politico in Alto Adige riscalda la contesa politica anche tra battute che scatenano l’ironia, come quella del senatore SVP Karl Zeller secondo cui «Maria Elena Boschi è più tedesca di noi sudtirolesi». Boom!

Leggi tutto...

Firmato a Venezia l’accordo tra Regione Veneto e Anas per lo sviluppo infrastrutturale e la gestione del sistema stradale regionale

Zaia: «la proprietà delle strade rimane alla Regione». Armani: «investimenti per 420 milioni di euro e la strada per Cortina sarà la prima “smart road”» 

Accordo tra anas e regione veneto lAmministratore Delegato di Anas Gianni Vittorio Armani con luca zaia 1A Palazzo Balbi a Venezia si è svolta la firma dell’accordo programmatico e di un protocollo di intesa tra Regione Veneto e Anas, che rafforzano la reciproca collaborazione in materia di infrastrutture viarie, sottoscritto tra il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, e l’amministratore delegato di Anas, Gianni Vittorio Armani.

Leggi tutto...

Elezioni Consulta stoppa per un cavillo ricorso sulle modalità elettorali dall’estero salva legge Tremaglia

Rigettato il ricorso del ribunale di Venezia sollecitato dall’esposto del consigliere regionale di “Siamo Veneto”, Antonio Guadagnini

Plico elettorale ItaliaLa Corte Costituzionale chiude la querelle sul voto degli italiani all'estero, disinnescando una mina a pochi giorni dal voto e con le operazioni dei cittadini che vivono oltre confine ormai praticamente concluse: la questione è inammissibile, ma non per il fatto in sé, ma per un cavillo procedimentale. 

Leggi tutto...

Alto Adige, il PD si spacca sui candidati paracadutati Bressa e Boschi

Esce la minoranza che fa riferimento al presidente del Consiglio provinciale Bizzo: «non è un passaggio leggero». Biancofiore (FI): «questo è uno degli effetti della politica SVP-PD del “do ut des”»

boschi bressaCome una bomba ad orologeria il cui innesco è stato il pacadutamento di un politico bellunese e di una discussa ex ministra e sottosegretaria uscente toscana nel collegio elettorale di Bolzano, il PD altoatesino, a dieci giorni dalle elezioni politiche, si è spaccato con una rumorosissima deflagrazione politica che ora trasforma i due collegi alla Camera e Senato di Bolzano da blindatissimi a contendibili.

Leggi tutto...

Euregio “Senza Confini”: il Friuli venezia Giulia propone la Regione Istriana come osservatore permanente

Il presidente della regione croata Flego ha incontrato a Trieste Serracchiani 

Valter Flego Regione Istriana Debora Serracchiani Regione Friuli Venezia Giulia e Ivan Jakovcic Comitato Cooperazione internazionale Regione IstrianaLa presidente uscente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ha proposto che la Regione Istriana della repubblica di Croazia entri nel Gect Euregio “Senza Confini” come osservatore permanente trovando l’immediata adesione da parte degli istriani.

Leggi tutto...

Tratta del Brennero: Hofer spinge sull’Alto Adige per incrementare i costi di passaggio per i Tir

Il ministro austriaco ai Trasporti ad Innsbruck ribadisce la linea dura: «non dobbiamo cedere». Favorevole il governatore Kompatscher

tir camion passo del brenneroIl nuovo governo austriaco di centro destra è deciso a seguire la linea dura per ridurre il traffico merci su gomma lungo la tratta Nord-Sud attraverso il Brennero tramite un deciso rincaro dei costi di pedaggio per i Tir.

Leggi tutto...

Sanità Italia: oltre un italiano su due si cura a proprie spese, mentre cresce la spesa per l’assistenza agli immigrati

Causa le lunghe liste d’attesa e i tagli alle prestazioni, la salute di qualità è in gran parte solo a pagamento. I poveri italiani penalizzati rispetto agli immigrati nell’accesso alle cure

basta tagli salute sanitàNegli ultimi anni, la quadratura dei conti della sanità è stata realizzata solo tagliando sui costi e sulle prestazioni, aumentando al contempo gli oneri a carico dei cittadini, i quali spesso pagano due volte il servizio sanitario nazionale: una volta con le tasse e l’altra con il pagamento diretto della spesa con ticket o delle prestazioni in regime di libera professione per accorciare sensibilmente i tempi d’attesa per la visita in regime assistenziale pubblico.

Leggi tutto...

Firmato protocollo d’intesa tra il Veneto e la regione armena di Armavir

Oggetto dell’accordo la valorizzazione culturale, religiosa e storica tra le due realtà

Ashot Ghahramanyan governatore regione Armavir Repubblica di Armenia e Luca Zaia con gofalone venetoUn protocollo d’intesa tra le regioni del Veneto e di Armavir (Repubblica di Armenia) è stata firmata a Palazzo Balbi a Venezia dai due rispettivi Governatori, Ashot Ghahramanyan e Luca Zaia, per rafforzare gli scambi in campo economico e produttivo, per consolidare le relazioni culturali e turistiche, per promuovere progetti di cooperazione internazionale.

Leggi tutto...

Il Pil 2016 del Trentino è cresciuto al 1,1% o crollano allo 0,5%?

Querelle tra gli istituti di statistica delle due province, con quello dell’Alto Adige che corregge al ribasso, ma quello del Trentino rilancia al rialzo. Le economie di Trento e Bolzano continuano a marciare a velocità differenti

grafico statistica pil crescitaNel 2016 l’economia del Trentino è cresciuta più della media nazionale attestandosi al+1,1%, oppure è crollata sotto attestandosi ad un misero +0,6%? La domanda se la sono chiesti in molti vedendo i dati diffusi dall’Istituto di statistica della provincia di Bolzano che aveva diffuso dati comparati tra le due province e i territori confinanti, facendo emergere il Trentino come l’ultimo in fatto di crescita.

Leggi tutto...

Autostrada del Brennero (e Autovie Venete): la concessione “in house” non è cosa scontata

Malan: «mi risultano forti problematiche giuridiche all’interno del ministero concedente. Una cosa è certa: con il centro destra al Governo rivedremo tutte le posizioni aperte per superare l’attuale sistema»

Autostrada A4 serenissima intersezione A31 trafficoIl mondo delle concessioni autostradali potrebbe essere prossimo ad una profonda rivisitazione, ad iniziare dalle concessioni ancora aperte, come quelle di Autobrennero e di Autovie Venete, la cui trasformazione in società “in house” non è affatto scontata. Secondo il senatore azzurro Lucio Malan che durante la scorsa legislatura ha sempre denunciato le storture del settore, la prossima legislatura potrebbe vedere profondi cambiamenti, specie se il centro destra avrà la maggioranza per governare.

Leggi tutto...

In Alto Adige lo Stato italiano ha una sovranità limitata?

Se lo domandano Fratelli d’Italia dopo le dichiarazioni del governatore Kompatscher su un presunto assenso preliminare dell’Austria sulle modifiche allo Statuto speciale di autonomia

Sebastian Kurz Paolo Gentiloni«Il Governo Gentiloni intende unilateralmente limitare la sovranità italiana sull’Alto Adige introducendo la prassi della richiesta formale di assenso da parte dell’Austria sulle modifiche dello Statuto di Autonomia per la regione Trentino Alto Adige?» Lo chiederà al presidente del Consiglio italiano la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, interessata su un caso emerso a sorpresa nei giorni scorsi a Bolzano.

Leggi tutto...

Dalla fusione tra Trentino Network e Informatica Trentina nasce Trentino Digitale Spa

Rossi: «una squadra più forte per vincere la sfida della competitività tecnologica»

digitale mano multischermo webMigliorare l’efficienza dei servizi a favore di cittadini ed imprese e garantire l’interconnessione del territorio: questa la missione di Trentino Digitale Spa, la nuova società della provincia di Trento che nascerà a luglio 2018, al termine di un percorso di fusione fra le due odierne società attive nella digitalizzazione, Trentino Network ed Informatica Trentina.

Leggi tutto...

Autonomia del Veneto, la trattativa con il Governo è in discesa

Zaia: «c'è volontà di arrivare firma con Governo». Bonomo: «bene il superamento dei costi storici» 

autonomia veneto zaia commissioneSull'intesa con il Governo per l'autonomia al Veneto, il governatore Luca Zaia sottolinea che «non c'è la volontà di fare risse, bensì l'obiettivo di arrivare alla firma di una pre-intesa quadro che sia rispettosa delle indicazioni dei Veneti, con tempistiche rapide, tra la fine di questa settimana e l'inizio della prossima».

Leggi tutto...

Provincia di Bolzano, bilancio dei primi due anni della nuova legge sugli appalti

Aumentano le assegnazioni ad operatori locali e si dimezzano i ricorsi. Soddisfatte le imprese 

PAB legge appalti da sx Luca Bondini Thomas Mathà il presidente Arno Komptascher Claudia Flaim Alfred Valentin Markus PertollVolume degli appalti in crescita a quota 1,18 miliardi, l’82,7% delle aggiudicazioni a operatori economici con sede in Alto Adige, drastico calo dei ricorsi, passati dai 39 del 2014 ai 19 del 2016. Questi alcuni numeri forniti dal presidente della giunta, Arno Kompatscher, tracciando il bilancio dei primi due anni di applicazione della legge sugli appalti. «Questi risultati sono stati ottenuti grazie alla nostra legge e grazie al grande apporto dato dall’Agenzia per gli appalti», ha sottolineato Kompatscher.

Leggi tutto...

Regione Veneto via libera ai piani di prestazione e anticorruzione

La Giunta vara le azioni per qualificare il personale regionale

gianluca forcolinAl 31 dicembre 2017 risultavano in servizio presso gli uffici della Giunta regionale del Veneto 2.675 dipendenti (di cui 186 dirigenti), suddivisi tra le segreterie e le aree previste dalla riorganizzazione effettuata nel corso del 2016 e del 2017. In tempi record la giunta veneta ha ora provveduto ad approvare l'aggiornamento 2018 del Piano della performance, definendo gli obiettivi dell'organizzazione nel suo complesso e gli obiettivi individuali assegnati ai dirigenti regionali e assicurando il buon funzionamento della macchina amministrativa.

Leggi tutto...

Rilevazione Istat, il Pil cresce meno del previsto e conferma l’Italia in coda all’Europa

Secondo Unimpresa l’Italia è indietro 13 punti rispetto area euro. Per la Cgia la crescita nazionale è la più bassa in Europa. Intanto, si prefigura all’orizzonte una nuova manovra fiscale subito dopo le elezioni

italia tricolore 3dL’Italia, pur segnano a gennaio 2018 la crescita più elevata negli ultimi sette anni, rimane sempre il fanalino d’Europa in fatto di crescita, rimanendo sotto di almeno 13 punti rispetto alla media Euro, mentre all’orizzonte si prefigura l’ennesima manovra finanziaria ad urne elettorali appena chiuse per chiudere l’ennesimo buco nei conti pubblici.

Leggi tutto...

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.