neq-header.jpg
Stampa
13
Lug

Regione del Veneto: parificato il rendiconto 2016 da parte della Corte dei Conti

Zaia: «bene per le tante indicazioni su come migliorare ancora»

corte conti veneto zaiaLa Sezione regionale di controllo per il Veneto della Corte dei Conti, riunitasi a Ca’Corner a Venezia, presieduta da Diana Calaciura Traina, dopo la relazione del magistrato istruttore Giampiero Pizziconi e la requisitoria del Procuratore regionale, Paolo Evangelista, ha parificato il rendiconto generale della Regione del Veneto per l’esercizio finanziario 2016, con la sola eccezione dell’imputazione contabile del canone di locazione finanziaria relativa all’acquisto del Palazzo cosiddetto “Grandi Stazioni”, ex Palazzo compartimentale delle ferrovie dello Stato.

«Emerge anche da questa udienza – ha detto il Governatore Luca Zaia – un quadro virtuoso della nostra operatività. Un’azione positiva che deriva certamente dal proficuo rapporto instaurato tra la Regione e la Sezione della Corte dei Conti del Veneto, impegnate entrambe, nel rispetto dei propri compiti e responsabilità, con assoluta trasparenza, a garantire il miglior utilizzo possibile delle risorse pubbliche, nell’interesse fondamentale dei cittadini. Per questo sono grato al Presidente, al Procuratore e a tutti magistrati per il prezioso e certosino lavoro di analisi che hanno condotto sui nostri conti: considero questo il metodo più efficace per migliorare ulteriormente la gestione dell’Ente, in un quadro di oggettive difficoltà per le amministrazioni pubbliche che emergono anche dalla relazione della Corte. Non è facile far buona amministrazione in un contesto nel quale le regole cambiano ogni giorno».

Per Zaia «queste relazioni ci restituiscono un’immagine, l’istantanea di una macchina complessa, che gestisce un bilancio di oltre 14 miliardi di euro, ma che siamo costretti a condurre in condizioni di estrema difficoltà, praticamente in contromano e non certo per responsabilità nostre. Ciononostante, nel 2016 abbiamo rispettato l’obiettivo programmatico di equilibrio di bilancio richiesto dalle regole di finanza pubblica, aspetti positivi emergono dalla gestione del personale e un percorso virtuoso abbiamo imboccato per quanto concerne il complesso sistema di ricognizione dello stato patrimoniale».

«I rilievi dei magistrati contabili – ha assicurato il Governatore – non rimarranno parole al vento e rappresentano un pungolo per migliorarci. Confrontando il giudizio sul rendiconto di oggi a quello dello scorso anno, emergono numerosi passi in avanti e situazioni più stagnanti sulle quali siamo chiamati a intervenire con più determinazione. Lo faremo, ma non posso non esprimere soddisfazione quando si confrontano taluni dati del Veneto con quelli delle altre Regioni: la nostra spesa corrente pro-capite è di 2.138 euro, contro una media nazionale di 2.311 euro e la spesa di funzionamento pro-capite è di 125 contro una media di 196 euro; in tema di personale, la Regione spende 24 euro pro-capite contro i 37 euro di media italiana; il Veneto è la Regione che spende meno in termini di interessi passivi pro-capite con 12 euro, contro una media di 33 euro. E sottolineo che siamo l’unica Regione a Statuto ordinario a non applicare la maggiorazione regionale sull’addizionale regionale Irpef».

Per Zaia «è grazie anche a queste scelte di politica fiscale se si sta gradualmente realizzando un recupero della nostra economia, sottolineata anche dalla Presidente Calaciura Traina nella sua introduzione, ma confermare tali scelte è sempre di più un’impresa in presenza di manovre statali di finanza pubblica ormai insostenibili per le Regioni. Diversamente da altre Regioni, è dal 2010 che manteniamo inalterata la pressione fiscale, senza provocare scadimento nella qualità dei servizi e, come ha detto nella sua requisitoria il Procuratore, riuscendo a diminuire il disavanzo dell’Ente di ben 316 milioni. La strada da fare rimane molta, ma la promozione in questa tappa ce la siamo sicuramente meritata». 

 

POLITICA NEWS

Missione in Cina della regione Emilia Romagna

Accordo a Canton sulla sicurezza alimentare, le fiere regionali fanno sistema. Crescita e sviluppo, rinsaldata l'intesa con il Guandong. Bonaccini invita il governatore Ma Xingrui a Bologna per il vertice con i partner internazionali dell'ottobre 2018

bonaccini in cina cantonPromozione delle eccellenze agroalimentari, internazionalizzazione e sistema fieristico, ricerca e innovazione. Ma anche un accordo sulla sicurezza e la tracciabilità agroalimentare. L’Emilia-Romagna rafforza la propria posizione sullo scenario cinese, in particolare la collaborazione con la regione del Guangdong su alcuni temi strategici per i due territori, nell’ambito di relazioni internazionali sempre maggiori con le aree più avanzate e dinamiche del pianeta.

Leggi tutto...

Elezioni comunali, a Bronzolo il centro destra batte la sinistra

Giorgia Mongillo è il nuovo sindaco. Spaccatura tra il centro destra centrista di Mongillo e Urzì e Forza Italia di Biancofiore che lancia l’appello all’unitarietà in vista delle elezioni politiche e provinciali

urzì biancofioreA Bronzolo, comune alla periferia sud di Bolzano a forte presenza italiana così come il confinante Laives, la candidata del centrodestra Giorgia Mongillo è stata eletta sindaco alle elezioni di domenica scorsa dopo il commissariamento dell’uscente amministrazione di centrosinistra. 

Leggi tutto...

Sanità Emilia Romagna: per i vertici delle Ausl nel 2016 spesi 2,2 milioni

Gibertoni: «serve una sforbiciata ai compensi, azzerare almeno i premi»

logo aziende sanitarie emilia romagna ausl«Più di 2,2 milioni di euro: è la cifra che la Regione Emilia-Romagna ha sborsato nel 2016 per gli stipendi e i premi dei 14 direttori generali della sanità». Lo rende noto la consigliera regionale Giulia Gibertoni (M5s) in una nota, diffusa dopo aver ricevuto risposta a una interrogazione dei mesi scorsi sui compensi dei direttori generali di Ausl e aziende ospedaliere-universitarie.

Leggi tutto...

Autonomia Emilia Romagna e Lombardia: a Bologna il primo dei due “Tavoli”

Bonaccini: «tre incontri subito dimostrano serietà. Obiettivo è accordo con Governo entro fine legislatura». Maroni: «tutte le condizioni per fare buon lavoro. Spero che la trattativa si allarghi subito anche al Veneto»

Autonomia lombardia emiglia romagna 1 tavolo bologna Stretta di mano Maroni Bressa e BonacciniInsediato a Bologna il primo “tavolo” sull’autonomia per l’Emilia Romagna e la Lombardia, cui prossimamente s’unirà anche il Veneto.

Leggi tutto...

Autonomia del Veneto: il Consiglio regionale approva a larga maggioranza il disegno di legge

Astenuto il PD. Zaia: «ora siamo pronti per incardinare una seria trattativa con il Governo, dal quale attendiamo una controproposta»

consiglio regionale veneto dibattito autonomia luca zaiaIl Consiglio regionale del Veneto ha approvato a larga maggioranza il disegno di legge relativo alla maggiore autonomia della Regione. Un voto che, nonostante l’astensione finale del PD, ha lasciato soddisfatto il governatore Luca Zaia: «ora abbiamo il mandato. Al Governo e al sottosegretario Bressa chiediamo di attivare subito il tavolo della trattativa. Questo dibattito e questa iniziativa legislativa non ci sarebbero stati se non ci fosse stato il referendum, il voto di 2.300.000 Veneti e in percorso che dura da 5 anni».

Leggi tutto...

Autonomia Emilia Romagna, prosegue il lavoro di definizione dell’accordo Stato-Regione

Bonaccini: «lavoriamo per tenere nostre risorse sul territorio partendo inizialmente da 5 competenze»

bonaccini parlamento«Il problema non è avere più soldi da Roma ma di trattenere alcune risorse che vanno verso la fiscalità generale. In questo momento stiamo affrontando proprio questo tema e una volta che saranno individuate le competenze chiederemo allo Stato di trasferire la loro gestione». Lo ha riferito in commissione bicamerale per il federalismo il presidente della regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, parlando dell'iter scelto dalla sua regione per ottenere una maggiore autonomia da Roma.

Leggi tutto...

Austria rafforza controlli anti clandestini al Brennero

Intensificata la prevenzione sui treni, specie quelli merci, già in territorio italiano con agenti della polizia austriaca. Biancofiore: «ancora un esempio di cessione di sovranità dall'Italietta di Alfano & C»

controlli polizia austria anti clandestini brenneroMentre l’Italietta cincischia con il solito “volemose bene”, l’Austria fa sul serio e rafforza i controlli anti clandestini al Brennero già in territorio italiano.

Leggi tutto...

Pensplan Invest diventa società “in house” delle due province autonome di Trento e Bolzano

La Regione Trentino Alto Adige dismette l’investimento. Kompatscher: «si potrano creare strumenti finanziari molto importanti per lo sviluppo economico del territorio»

Pensplan InvestPensplan Invest Sgr Spa, si trasforma. Su proposta del presidente Arno Kompatscher, la Giunta regionale ha approvato la delibera che ne sancisce la trasformazione in società “in house” a capitale interamente pubblico il cui controllo passa dalla Regione alle due province autonome di Bolzano e Trento.

Leggi tutto...

Bilancio di previsione 2018 del Friuli Venezia Giulia: la Giunta approva il documento da oltre 4 miliardi di euro

Ora la proposta di legge passa alle commissioni consiliari per la discussione e l’approvazione entro la metà di dicembre 

friuli venezia giulia riunione di giunta regionaleAmmonteranno a oltre 4 miliardi di euro le risorse complessive a disposizione dell'amministrazione regionale del Friuli Venezia Giulia nel 2018 per l'attuazione delle politiche di intervento nei diversi settori.

Leggi tutto...

Interreg V-A Italia-Austria, approvati 29 progetti per 21 milioni di euro di investimenti

Ricadute su Salisburgo, Tirolo, Carinzia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Alto Adige. Fino al 2020 disponibili 180 milioni di euro

mappa Interreg V A Italia AustriaDalla riunione del Comitato direttivo del programma Interreg V-A Italia-Austria via libera al finanziamento di 29 progetti di cooperazione transfrontaliera. Le proposte progettuali riguardano le assi tematiche “Natura e cultura” e “Competenza istituzionale”, a disposizione per questo avviso 21 milioni di euro dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr).

Leggi tutto...

Alto Adige: approvato il piano RAS 2017-2018 per lo spegnimento graduale degli impianti radio in FM

Spazio al digitale DAB+, copertura già al 99,3%. Per la prima volta in Italia si disattiva il segnale analogico della radio, risparmiando energia e limitando emissioni radioelettriche

DAB logoDa anni la RAS-Radiotelevisione Azienda speciale della Provincia di Bolzano che gestisce due reti di trasmissione DAB+ che irradiano 22 programmi radio digitali con una copertura che raggiunge il 99,3% dell’utenza grazie a 82 postazioni. Lo standard DAB+ (Digital Audio Broadcasting) sostituisce la tradizionale radio in FM (modulazione di frequenza) e assicura un salto di qualità con la tecnologia di radio digitale: miglioramenti nella qualità del suono, nella ricezione (priva di interferenze, sia a casa che in viaggio) e nella varietà di programmi radio disponibili. 

Leggi tutto...

Slovenia: con 53% consensi, Pahor si conferma presidente della Repubblica

Sconfitto al ballottaggio lo sfidante Marjan Sarec. Molto bassa l’affluenza con il 41,7%, il dato peggiore registrato di sempre

borut pahor presidente repubblica di sloveniaBorut Pahor è stato confermato presidente della Repubblica slovena con il 52,94% dei voti. «La mia rielezione è il segnale che i cittadini vogliono forze e idee politiche che uniscono. Questo risultato è uno dei pochi in Europa, nel quale viene confermata la fiducia a chi ha già svolto un mandato, gli elettori cercano stabilità», sono state le sue prime parole dopo la vittoria al ballottaggio.

Leggi tutto...

Bye Bye Debora: Serracchiani lascia la presidenza della regione Friuli Venezia Giulia e si candida per le politiche

Bolzonello dato per naturale successore in casa PD. Critiche feroci da tutte le opposizioni

debora serracchiani caschettoBye Bye, Debora. Adieu Serracchiani. Il Friuli Venezia Giulia ti saluta. Così si potrebbe riassumere la conferma pubblica della decisione della presidente della Regione di abbandonare il timone del governo locale per un futuro da parlamentare romano.

Leggi tutto...

Rinnovo “in house” concessioni A22 e A4/A28: tecnici al lavoro per superare i problemi

La Ragioneria dello Stato alle prese con la quadratura tra quadro giuridico e promesse politiche. L’occasione (non ancora perduta) di creare una holding autostradale unica del NordEst

autostrada brennero autovie veneteIl rinnovo trentennale delle concessioni autostradali ampiamente scadute (A22) o in procinto di esserlo (A4/A28) con la tecnica dell’affido diretto “in house” a una nuova società interamente posseduta dagli enti locali interessati sta procedendo tra mille difficoltà in seno alla Ragioneria generale dello Stato.

Leggi tutto...

Nella località di Vaccamozzi di Erbezzo, paesino di dell’alta Lessinia veronese di 10 abitanti, il ministero dell’Intero destina 80 immigrati

Bassi: «non si potevano trovare altre soluzioni?»

immigrati seduti attesaContrada Vaccamozzi, frazione del comune di Erbezzo posto a 1.100 metri di altidudine nella Lessinia veronese, raggiungibile attraverso una tortuosa strada di montagna, abitata stabilmente da una decina di abitanti, il ministero dell’Interno ha destinato un contingente di ben 80 immigrati africani, che andranno a sconvolgere la vita della località.

Leggi tutto...

Provincia Trento bilancio 2018 in crescita a 5.329 milioni di euro

La crescita del Pil locale incrementa il gettito delle casse locali

provincia trento pat bandiere gonfalone trentino sede centraleBilancio 2018 con tanti segni positivi quello che la Giunta provinciale di Trento propone e che ora inizia l'iter preliminare alla discussione in aula prevista a dicembre. Sono 5.329 i milioni di euro (4.743 milioni al netto di partite di giro e poste che si compensano in entrata e in uscita) messi in campo.

Leggi tutto...

Autonomia regionale: a Roma partito ufficialmente il negoziato col Governo di Emilia Romagna e Lombardia

Al Dipartimento per gli Affari regionali, l'insediamento del tavolo paritetico fra l'esecutivo nazionale e i presidenti Bonaccini e Maroni. Prima riunione venerdì 17 novembre a Bologna e poi a Milano il 21 novembre; le altre, a seguire, nella Capitale

autonomie tavolo a roma bonaccini maroniE’ ufficialmente partito a Roma il negoziato con il Governo per il riconoscimento di una maggiore autonomia all’Emilia-Romagna e alla Lombardia. La prima seduta del tavolo paritetico di confronto, comune con la Lombardia, si farà a Bologna venerdì 17 novembre, la seconda martedì 21 a Milano; le altre, a seguire, a Roma.

Leggi tutto...

Per un vizio di forma, stoppato alla Camera il passaggio di Sappada dal Veneto al Friuli Venezia Giulia

Manca il parere della regione Veneto. De Menech:«necessario trasformare questo caso da problema in occasione per migliorare la vita di tutti i comuni di montagna del NordEst»

comuni montagna protesta sindaciDovrà aspettare ancora la bellunese Sappada per entrare nei confini della regione autonoma Friuli Venezia Giulia. La legge per il distacco del centro montano dal Veneto si è fermata sul filo di lana, il giorno prima dell’inizio della discussione per il voto finale alla Camera.

Leggi tutto...

Autonomia: Bressa convoca a Roma Emilia Romagna e Lombardia

Si apre il tavolo tra le regioni e il Governo centrale

bonaccini maroniIl sottosegretario agli Affari regionali, Gianclaudio Bressa, ha fissato per giovedì 9 novembre, alle ore 16, nella sede del Dipartimento per gli Affari regionali, la convocazione dei presidenti della regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, e del presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni.

Leggi tutto...

Autonomia del Veneto: audizione di Zaia alla Commissione bicamerale per il federalismo

Zaia: «si apre una nuova stagione per la devoluzione». Bertolussi: “è destabilizzante il Veneto che chiede la propria autonomia e i 9/10 delle sue risorse, o il Trentino Alto Adige che già gode da decenni del medesimo sistema?»

luca zaia gonfalone veneto«Si apre una stagione nuova, di devoluzione. Einaudi ha detto che ad ogni territorio sarebbe stata data la giusta autonomia e questo noi vogliamo fare» ha detto il presidente della regione Veneto, Luca Zaia, ascoltato in commissione bicamerale per il federalismo per illustrare il progetto di autonomia del Veneto. «L'Italia deve fare una scelta di campo - ha aggiunto Zaia - in senso federalista».

Leggi tutto...

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.