neq-header.jpg
Stampa
09
Nov

Per un vizio di forma, stoppato alla Camera il passaggio di Sappada dal Veneto al Friuli Venezia Giulia

Manca il parere della regione Veneto. De Menech:«necessario trasformare questo caso da problema in occasione per migliorare la vita di tutti i comuni di montagna del NordEst»

comuni montagna protesta sindaciDovrà aspettare ancora la bellunese Sappada per entrare nei confini della regione autonoma Friuli Venezia Giulia. La legge per il distacco del centro montano dal Veneto si è fermata sul filo di lana, il giorno prima dell’inizio della discussione per il voto finale alla Camera.

Un vizio di forma - un mancato parere del Consiglio regionale del Veneto - ha fermato il il processo di addio alla Serenissima. Il relatore Andrea Mazziotti ha annunciato che l'esame del ddl è stato aggiornato a martedì prossimo, per dare il tempo alla presidente Laura Boldrini di verificare i fatti attinenti alla procedura tecnico-legislativa. 

Dopo il referendum del 2008 che aveva visto i sappadini dire “Sì” al distacco per approdare al Friuli Venezia Giulia, l'assemblea veneta aveva approvato una mozione - atto di indirizzo politico - che invitava a fare la legge conseguente. Ma non ha mai dato il parere definitivo sul referendum, che spetta alle due Regioni coinvolte nella “separazione”. Sono stati alcuni deputati veneti del Pd, che si oppongono al distacco, a sollecitare il pronunciamento del presidente del Consiglio veneto, Roberto Ciambetti (Lega). Che è arrivato con una lettera alla presidente Laura Boldrini. 

Secondo la deputata Dem Simonetta Rubinato, manca «il parere che l'articolo 132, comma 2, della Costituzione prescrive. E questo può rappresentare un vizio nella procedura assai grave, unito ai dubbi sulla necessità di una legge costituzionale e non ordinaria per il passaggio di un comune da una regione ordinaria ad una regione speciale». 

Ciambetti sostiene che la richiesta sarebbe dovuta arrivare dal Parlamento. «La mia - spiega - è stata una risposta tecnica alle sollecitazioni giunte dal Bellunese e dal Sappadino: ho scritto alla presidente della Camera che nessun ramo del Parlamento ha chiesto, come prevede la norma, il parere del Consiglio regionale del Veneto sul caso Sappada. Da un punto di vista tecnico - aggiunge Ciambetti -, la mozione approvata a suo tempo dal Consiglio, per quanto atto di rilevanza politica, non ha né la valenza né caratteristiche di un parere, atto formale completamente diverso e con un iter complesso che non è stato svolto». Ora saranno gli uffici legislativi della Camera ad approfondire il caso e ad esprimersi sul “vizio di forma”. Un intoppo che potrebbe essere di non poco conto, considerando che il Senato ha intanto già approvato la legge per “Sappada friulana” senza avere in mano il prescritto parere della regione Veneto.

Il “caso” Sappada è commentato dal deputato Bellunese Dem e presidente del Comitato comuni di Confine, Roger De Menech, cheparla della necessità di «trasformare frustrazione e rancore in un'occasione vincente per la montagna. Così come è, la vicenda Sappada lascerà sconfitti tutti i protagonisti: una comunità divisa tra passato e presente, rimarrà incapace di fare leva sui propri valori per abbracciare il futuro, rifugiandosi nella rabbia e nel rancore, poco importano a quel punto i confini geografici; una provincia pronta a disgregarsi, dove già si vanno preannunciando altre iniziative per il passaggio di regione». 

Per De Menech «sarà perdente, forse più di tutti, il Friuli Venezia Giulia che ha bisogno oggi più che mai di elaborare un progetto autonomista moderno, aperto e inclusivo. Che lo vogliamo o no è questo lo spazio in cui ci muoviamo. A poco serve ricordare i tentativi, andati a vuoto, di convincere la classe politica friulana a ragionare su soluzioni di lungo periodo e improntate alla logica vincente, dove tutti i soggetti ricevono vantaggi e benefici. Con il Trentino e Alto Adige abbiamo avviato proprio questo tipo di ragionamento. Abbiamo riattivato il fondo di perequazione e l'abbiamo assicurato fino al 2018. Le province di Belluno e di Sondrio - conclude De Menech - sono già nel comitato di gestione del Fondo, hanno un ruolo attivo. Sempre più sono le cabine di regia della progettazione territoriale. Possiamo trasformare un potenziale disastro in una grande occasione per la montagna. Perché l'occasione si concretizzi, tuttavia, dobbiamo riuscire a coinvolgere quel pezzo fondamentale del NordEst costituito dal Friuli Venezia Giulia. L'invito è a contribuire alla costruzione di un paese migliore, di un NordEst solido, aperto al mondo e inclusivo, rafforzato nei suoi territori e nelle sue strutture, coinvolgendo anche il Friuli Venezia Giulia nell’organismo già attivato con il Trentino Alto Adige». 

De Menech conclude affermando che «per la montagna non è l’autonomia speciale a fare la differenza, ma i contenuti e le modalità con cui quest’autonomia la si esercita. Nonostante la sua autonomia, anche il Friuli ha problemi con lo spopolamento della Carnia, mentre il Trentino Alto Adige è molto più avanti nella tutela delle popolazioni di montagna. Ecco, vorrei che per una volta non si guardasse ai confini di regione o di provincia e si avesse il coraggio di fare una politica omogenea ed unitaria per tutte le zone di montagna del NordEst».

POLITICA NEWS

Autonomia regioni: a fine mese firma dell’accordo a Roma

Il 28 febbraio Zaia. Maroni e Bonaccini si firma la preintesa con il governo. Accolte gran parte delle richieste delle regioni

zaia maroni bonacciniMercoledì 28 febbraio, i governatori di Veneto (Luca Zaia), Emilia Romagna (Stefano Bonaccini) e Lombardia (Roberto Maroni) si recheranno a Roma a Palazzo Chigi per la firma della preintesa con il governo in tema dell’accordo per la concessione di maggiore autonomia alle tre regioni. L’annunicio lo ha dato lo stesso Maroni: «da mercoledì con la forma del patto per l'autonomia con il Governo si conclude la fase 1, quella del post referendum, e inizia un percorso».

Leggi tutto...

Crisi delle banche venete: prima riunione della nuova Commissione speciale d’inchiesta regionale

Negro: «dobbiamo dare una risposta a risparmiatori e imprenditori»

consiglio regione veneto giovanna negro veneto del fare presidente commissione speciale banchePrima riunione a Palazzo Ferro Fini della Commissione speciale d'inchiesta istituita in seno al Consiglio regionale del Veneto sui fatti riguardanti il sistema bancario locale.

Leggi tutto...

Elezioni politiche: in Alto Adige cresce il malcontento verso i paracadutati Boschi e Bressa

L’invito a votare scheda bianca di Suedtiroler Freiheit e dei Freiheitlichen fa infuriare la SVP. I fuoriusciti del PD si costituiscono in gruppo autonomo. Ironia di Zeller: «la Boschi è più tedesca di noi sudtirolesi»

bandiera provincia bolzanoIl paracadutismo politico in Alto Adige riscalda la contesa politica anche tra battute che scatenano l’ironia, come quella del senatore SVP Karl Zeller secondo cui «Maria Elena Boschi è più tedesca di noi sudtirolesi». Boom!

Leggi tutto...

Firmato a Venezia l’accordo tra Regione Veneto e Anas per lo sviluppo infrastrutturale e la gestione del sistema stradale regionale

Zaia: «la proprietà delle strade rimane alla Regione». Armani: «investimenti per 420 milioni di euro e la strada per Cortina sarà la prima “smart road”» 

Accordo tra anas e regione veneto lAmministratore Delegato di Anas Gianni Vittorio Armani con luca zaia 1A Palazzo Balbi a Venezia si è svolta la firma dell’accordo programmatico e di un protocollo di intesa tra Regione Veneto e Anas, che rafforzano la reciproca collaborazione in materia di infrastrutture viarie, sottoscritto tra il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, e l’amministratore delegato di Anas, Gianni Vittorio Armani.

Leggi tutto...

Elezioni Consulta stoppa per un cavillo ricorso sulle modalità elettorali dall’estero salva legge Tremaglia

Rigettato il ricorso del ribunale di Venezia sollecitato dall’esposto del consigliere regionale di “Siamo Veneto”, Antonio Guadagnini

Plico elettorale ItaliaLa Corte Costituzionale chiude la querelle sul voto degli italiani all'estero, disinnescando una mina a pochi giorni dal voto e con le operazioni dei cittadini che vivono oltre confine ormai praticamente concluse: la questione è inammissibile, ma non per il fatto in sé, ma per un cavillo procedimentale. 

Leggi tutto...

Alto Adige, il PD si spacca sui candidati paracadutati Bressa e Boschi

Esce la minoranza che fa riferimento al presidente del Consiglio provinciale Bizzo: «non è un passaggio leggero». Biancofiore (FI): «questo è uno degli effetti della politica SVP-PD del “do ut des”»

boschi bressaCome una bomba ad orologeria il cui innesco è stato il pacadutamento di un politico bellunese e di una discussa ex ministra e sottosegretaria uscente toscana nel collegio elettorale di Bolzano, il PD altoatesino, a dieci giorni dalle elezioni politiche, si è spaccato con una rumorosissima deflagrazione politica che ora trasforma i due collegi alla Camera e Senato di Bolzano da blindatissimi a contendibili.

Leggi tutto...

Euregio “Senza Confini”: il Friuli venezia Giulia propone la Regione Istriana come osservatore permanente

Il presidente della regione croata Flego ha incontrato a Trieste Serracchiani 

Valter Flego Regione Istriana Debora Serracchiani Regione Friuli Venezia Giulia e Ivan Jakovcic Comitato Cooperazione internazionale Regione IstrianaLa presidente uscente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ha proposto che la Regione Istriana della repubblica di Croazia entri nel Gect Euregio “Senza Confini” come osservatore permanente trovando l’immediata adesione da parte degli istriani.

Leggi tutto...

Tratta del Brennero: Hofer spinge sull’Alto Adige per incrementare i costi di passaggio per i Tir

Il ministro austriaco ai Trasporti ad Innsbruck ribadisce la linea dura: «non dobbiamo cedere». Favorevole il governatore Kompatscher

tir camion passo del brenneroIl nuovo governo austriaco di centro destra è deciso a seguire la linea dura per ridurre il traffico merci su gomma lungo la tratta Nord-Sud attraverso il Brennero tramite un deciso rincaro dei costi di pedaggio per i Tir.

Leggi tutto...

Sanità Italia: oltre un italiano su due si cura a proprie spese, mentre cresce la spesa per l’assistenza agli immigrati

Causa le lunghe liste d’attesa e i tagli alle prestazioni, la salute di qualità è in gran parte solo a pagamento. I poveri italiani penalizzati rispetto agli immigrati nell’accesso alle cure

basta tagli salute sanitàNegli ultimi anni, la quadratura dei conti della sanità è stata realizzata solo tagliando sui costi e sulle prestazioni, aumentando al contempo gli oneri a carico dei cittadini, i quali spesso pagano due volte il servizio sanitario nazionale: una volta con le tasse e l’altra con il pagamento diretto della spesa con ticket o delle prestazioni in regime di libera professione per accorciare sensibilmente i tempi d’attesa per la visita in regime assistenziale pubblico.

Leggi tutto...

Firmato protocollo d’intesa tra il Veneto e la regione armena di Armavir

Oggetto dell’accordo la valorizzazione culturale, religiosa e storica tra le due realtà

Ashot Ghahramanyan governatore regione Armavir Repubblica di Armenia e Luca Zaia con gofalone venetoUn protocollo d’intesa tra le regioni del Veneto e di Armavir (Repubblica di Armenia) è stata firmata a Palazzo Balbi a Venezia dai due rispettivi Governatori, Ashot Ghahramanyan e Luca Zaia, per rafforzare gli scambi in campo economico e produttivo, per consolidare le relazioni culturali e turistiche, per promuovere progetti di cooperazione internazionale.

Leggi tutto...

Il Pil 2016 del Trentino è cresciuto al 1,1% o crollano allo 0,5%?

Querelle tra gli istituti di statistica delle due province, con quello dell’Alto Adige che corregge al ribasso, ma quello del Trentino rilancia al rialzo. Le economie di Trento e Bolzano continuano a marciare a velocità differenti

grafico statistica pil crescitaNel 2016 l’economia del Trentino è cresciuta più della media nazionale attestandosi al+1,1%, oppure è crollata sotto attestandosi ad un misero +0,6%? La domanda se la sono chiesti in molti vedendo i dati diffusi dall’Istituto di statistica della provincia di Bolzano che aveva diffuso dati comparati tra le due province e i territori confinanti, facendo emergere il Trentino come l’ultimo in fatto di crescita.

Leggi tutto...

Autostrada del Brennero (e Autovie Venete): la concessione “in house” non è cosa scontata

Malan: «mi risultano forti problematiche giuridiche all’interno del ministero concedente. Una cosa è certa: con il centro destra al Governo rivedremo tutte le posizioni aperte per superare l’attuale sistema»

Autostrada A4 serenissima intersezione A31 trafficoIl mondo delle concessioni autostradali potrebbe essere prossimo ad una profonda rivisitazione, ad iniziare dalle concessioni ancora aperte, come quelle di Autobrennero e di Autovie Venete, la cui trasformazione in società “in house” non è affatto scontata. Secondo il senatore azzurro Lucio Malan che durante la scorsa legislatura ha sempre denunciato le storture del settore, la prossima legislatura potrebbe vedere profondi cambiamenti, specie se il centro destra avrà la maggioranza per governare.

Leggi tutto...

In Alto Adige lo Stato italiano ha una sovranità limitata?

Se lo domandano Fratelli d’Italia dopo le dichiarazioni del governatore Kompatscher su un presunto assenso preliminare dell’Austria sulle modifiche allo Statuto speciale di autonomia

Sebastian Kurz Paolo Gentiloni«Il Governo Gentiloni intende unilateralmente limitare la sovranità italiana sull’Alto Adige introducendo la prassi della richiesta formale di assenso da parte dell’Austria sulle modifiche dello Statuto di Autonomia per la regione Trentino Alto Adige?» Lo chiederà al presidente del Consiglio italiano la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, interessata su un caso emerso a sorpresa nei giorni scorsi a Bolzano.

Leggi tutto...

Dalla fusione tra Trentino Network e Informatica Trentina nasce Trentino Digitale Spa

Rossi: «una squadra più forte per vincere la sfida della competitività tecnologica»

digitale mano multischermo webMigliorare l’efficienza dei servizi a favore di cittadini ed imprese e garantire l’interconnessione del territorio: questa la missione di Trentino Digitale Spa, la nuova società della provincia di Trento che nascerà a luglio 2018, al termine di un percorso di fusione fra le due odierne società attive nella digitalizzazione, Trentino Network ed Informatica Trentina.

Leggi tutto...

Autonomia del Veneto, la trattativa con il Governo è in discesa

Zaia: «c'è volontà di arrivare firma con Governo». Bonomo: «bene il superamento dei costi storici» 

autonomia veneto zaia commissioneSull'intesa con il Governo per l'autonomia al Veneto, il governatore Luca Zaia sottolinea che «non c'è la volontà di fare risse, bensì l'obiettivo di arrivare alla firma di una pre-intesa quadro che sia rispettosa delle indicazioni dei Veneti, con tempistiche rapide, tra la fine di questa settimana e l'inizio della prossima».

Leggi tutto...

Provincia di Bolzano, bilancio dei primi due anni della nuova legge sugli appalti

Aumentano le assegnazioni ad operatori locali e si dimezzano i ricorsi. Soddisfatte le imprese 

PAB legge appalti da sx Luca Bondini Thomas Mathà il presidente Arno Komptascher Claudia Flaim Alfred Valentin Markus PertollVolume degli appalti in crescita a quota 1,18 miliardi, l’82,7% delle aggiudicazioni a operatori economici con sede in Alto Adige, drastico calo dei ricorsi, passati dai 39 del 2014 ai 19 del 2016. Questi alcuni numeri forniti dal presidente della giunta, Arno Kompatscher, tracciando il bilancio dei primi due anni di applicazione della legge sugli appalti. «Questi risultati sono stati ottenuti grazie alla nostra legge e grazie al grande apporto dato dall’Agenzia per gli appalti», ha sottolineato Kompatscher.

Leggi tutto...

Regione Veneto via libera ai piani di prestazione e anticorruzione

La Giunta vara le azioni per qualificare il personale regionale

gianluca forcolinAl 31 dicembre 2017 risultavano in servizio presso gli uffici della Giunta regionale del Veneto 2.675 dipendenti (di cui 186 dirigenti), suddivisi tra le segreterie e le aree previste dalla riorganizzazione effettuata nel corso del 2016 e del 2017. In tempi record la giunta veneta ha ora provveduto ad approvare l'aggiornamento 2018 del Piano della performance, definendo gli obiettivi dell'organizzazione nel suo complesso e gli obiettivi individuali assegnati ai dirigenti regionali e assicurando il buon funzionamento della macchina amministrativa.

Leggi tutto...

Rilevazione Istat, il Pil cresce meno del previsto e conferma l’Italia in coda all’Europa

Secondo Unimpresa l’Italia è indietro 13 punti rispetto area euro. Per la Cgia la crescita nazionale è la più bassa in Europa. Intanto, si prefigura all’orizzonte una nuova manovra fiscale subito dopo le elezioni

italia tricolore 3dL’Italia, pur segnano a gennaio 2018 la crescita più elevata negli ultimi sette anni, rimane sempre il fanalino d’Europa in fatto di crescita, rimanendo sotto di almeno 13 punti rispetto alla media Euro, mentre all’orizzonte si prefigura l’ennesima manovra finanziaria ad urne elettorali appena chiuse per chiudere l’ennesimo buco nei conti pubblici.

Leggi tutto...

Brennero: il Tirolo decide unilateralmente nuovi blocchi al traffico Tir

Protesta delle categorie dell’autotrasporto italiano e del ministro Delrio

incolonnamento tir trafficoNonostante le ripetute bacchettate ricevute dall’Unione Europea per il danneggiamento alla libera circolazione delle merci e alla concorrenza tra le imprese, il Tirolo austriaco riprova a mettere limiti al numero massimo di camion in circolazione sulla propria rete autostradale, in particolare sulla tratta del Brennero.

Leggi tutto...

Voucher per la digitalizzazione: ennesima presa in giro per le imprese dal Governo Gentiloni

Il grande successo di adesioni falcidia il contributo atteso per le singole aziende. Vaccarino (CNA): «servono più risorse per sostenere lo sforzo di ammodernamento delle piccole imprese”

voucher digitalizzazione impreseEra prevedibile: le adesioni al bando voucher per la digitalizzazione delle imprese emesso dal ministero dello Sviluppo economico è stato decisamente superiore alle attese, con oltre 90.000 domande, finendo con lo scontentare tutte le aziende, perché i fondi che saranno effettivamente disponibili calano vistosamente da 10.000 a soli 1.000 euro a domanda ammessa. Di fatto, una solenne presa in giro da parte del Governo Gentiloni per tutte le imprese che vogliono modernizzarsi.

Leggi tutto...

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.