neq-header.jpg
Stampa
04
Dic

“Startup Friuli Venezia Giulia”: a Pordenone la prima edizione

Prima edizione di ³Startup FVG² Antonietta Zancan preside istituto Kennedy e studenti 1Evento promosso da Confindustria e Regione. Per le nuove iniziative imprenditoriali disponibili 6 milioni di euro

Aprendo i lavori della prima edizione di “Startup Friuli Venezia Giulia” a Pordenone, Matteo Di Giusto, presidente del Comitatoregionale Giovani Imprenditori di Confindustria, dopo aver ringraziato ipresidenti delle GGI di Pordenone e Udine, Marco Camuccio e MassimilianoZamò per la felice intuizione, ha richiamato un passaggio di FedericoRampini secondo il quale “una buona idea vale più di una fabbrica”.

Citandoal proposito l’ascesa di Apple, valutata attualmente alla borsa di New York 700 miliardi di dollari, più di qualsiasi altra azienda, DiGiusto ha aggiunto che essa è un concentrato di idee e brevetti, «miauguro – è stato l’inciso – che oggi ci siano sedici idee in gradodi creare altrettante Apple».

GiuseppeBono, presidente di Confindustria Friuli Venezia Giulia, ha commentato con un messaggio l’iniziativa parlando di «positivocontributo all’innovazione in un momento così difficile perl’economia. Il lavoro di squadra è fondamentale – ha detto ancora –e mia auguro che questa possa essere la prima di una lunga e fruttuosaserie».

Dal vice presidente della Regione Sergio Bolzonello, una fortesottolineatura alla validità di queste iniziative «poiché – haspiegato – abbiamo bisogno di credere, immaginare scenari, di guardareoltre l’attualità. Sappiamo che tra quindici anni il mondo sarà diversoe sappiamo anche che una delle maggiori problematicità che riscontriamooggi è quella di non riuscire a pensare a fare nuova impresa secondomodalità non parallele alle tracce consolidate. Un principio in qualchemodo mutuato dalla Regione, impegnata nella scrittura della nuova riformasul manifatturiero». Per Bolzonello il settore pubblico deve avere ilcoraggio di seguire nuove strade, di puntare su nuovi schemi e visioni.Ripercorrendo la storia industriale della Destra Tagliamento, Bolzonello hadetto che «questo territorio è la prova vivente che c’è la necessitàdi “filiare”, di creare startup che derivino dal mondo imprenditoriale e nonsolo da quello universitario». Il vice presidente della Regione,soffermandosi sulla prossima programmazione comunitaria, ha annunciato«una misura interessante sulle startup con sei milioni di euro, sei lineedi bando per essere più incisivi garantendo una miglior razionalizzazionedei processi».



Prima edizione di ³Startup FVG² Premiazioni start up 1Marco Camuccio, presidente del GGI di Pordenone, ha detto che “Startup FVG” «vuol dire nuova imprenditoria, è uno sforzo per ora ben riuscito per farcomprendere che questa regione è terreno fertile per fare impresa nuova estimolare al contempo quella che già c’è. Abbiamo deciso di fondere idue eventi che prima avvenivano a Pordenone e Udine e l’esperienza staandando bene visto che oggi ci sono sì 16 finaliste ma sono arrivate 87proposte. Partiamo da Pordenone – ha aggiunto Camuccio – per dareimpulso positivo a un territorio colpito in maniera pesante dalla crisi,pensiamo a legno, edilizia e metalmeccanica. Il futuro sarà itinerante».Massimiliano Zamò, omologo a Udine, ha sottolineato la valenza del bando“Startup FVG” come anche «la capacità di fare sistema nel sistemaConfindustria Giovani FVG, segnale di assoluta maturità e antesignano inqualche modo dell’auspicato, maggior compattamento interno». Parlandodelle imprese selezionate, Zamò ha posto l’accento sugli aspetticreativi, «la creatività – ha detto – va però coltivata affinchépossa crescere e dare riscontri sul e al territorio. Noi abbiamo laresponsabilità affinché questa creatività non resti imbrigliata, semmaipossa crescere e offrire un contributo allo sviluppo del nostro Paese».



Tanti gli spunti dalla tavola rotonda conDario Di Vico svoltasi durante la premiazione della prima edizione di“Startup FVG”. 

Marco Gay, presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria ha sottolineatola necessità di individuare investimenti strutturali per le «aziende chepotrebbero essere i campioni nazionali del domani», individuando nellestart-up questo specifico ruolo. «È fondamentale garantire alle impresedenaro per crescere ma anche spazi per progredire, altrimenti sicalcificherà la tendenza per cui una volta nata da un incubatore o da ungruppo di ricercatori, per potersi sviluppare, la startup dovrà andare acercarsi i finanziamenti all’estero. E quando, per svilupparsi, si èobbligati a girare il mondo, significa aver già perso l’azienda. Lestartup – ha detto ancora Gay - dovrebbero nascere con una fortepropensione non tanto a fare fund raising, quanto a diventare industria. Sela ricerca è la monetizzazione dell’idea, dell’impresa resterà benpoco, anzi nulla». Il presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustriaha detto anche che la nascita di nuove imprese che restano radicate sulterritorio è antidoto alla fuga di cervelli.

Giuseppe Graffi Brunoro, presidente Federazione regionale delle banche di credito cooperativo ha parlato di«idee, qui oggi, che possono diventare imprese, industrie, sul nostroterritorio e nei confronti delle quali il sistema delle BCC è strumentoideale per il finanziamento che è cosa differenterispetto all’investimento. Spesso gli imprenditori pensano all’istitutodi credito differentemente rispetto a ciò che le banche possono, perfortuna, fare. Il ragionamento di Gay è apprezzabile sul concettodifferente tra fare impresa o affari. Soprattutto, dopo tanti anni dimoria, c’è bisogno di uno sguardo che vada oltre il breve termine, lanostra tipologia di sostegno va proprio in questa direzione anche perchénon abbiamo l’esigenza di remunerare i nostri azionisti. Valutare lacomplessità di business nuovi e l’imprenditore nella sua capacità divalutare cose che non esistono – ha aggiunto Graffi Brunoro - non è facile per nessuno.La banca deve arrivare quando l’imprenditore ha messo a disposizione delvalutare gli elementi necessari, quando il business plan è maturo».



Per Guido Nassimbeni, presidente di Friuli Innovazione, «in ambitofarmaceutico lo sviluppo autonomo non è praticabile, però se l’exitfosse domestico allora sarebbe il mercato interno a poter godere diquest’uscita. Il nostro sistema industriale dovrebbe meglio ibridarsi colsistema dei Park Science e degli Incubatori, se ciò avvenisse la strategiadi uscita sarebbe accettabile».

Del ruolo del CRO di Aviano ha parlato Piero Cappelletti, direttore generaledell’Istituto: «la nostra missione è la medicina traslazionale,trasportare cioè i contenuti di conoscenza nell’industria. Produciamouna conoscenza che può diventare un elemento di innovazione e cerchiamo inquesto senso un rapporto diretto con l’industria attraverso un interessediretto dell’Istituto – Cro meets Industry in programma proprio ilprossimo 11 dicembre ad Aviano – e, inoltre, con rapporti specifici conla realtà locale. Abbiamo prodotto una serie di brevetti e tre spin-offnonostante le grandi difficoltà che abbiamo, anzitutto legislativa.Rientriamo nella sanità – ha aggiunto Cappelletti - e siamo governati daquelle leggi, non da norme universitarie. Siamo soggetti alle grandi normepubbliche – non possiamo essere minoranza in una società, non possiamoavere perdite a bilancio e dobbiamo rispettare il codice degli appalti.C’è in corso al ministero un riesame della questione perché o sisuperano questi gap o è tutto molto difficile. Nonostante questo, qualcosasiamo riusciti a fare».



Infine, Roberto Della Marina, vice presidente Area Science Park, ha detto che «ècambiato scenario e modello di business dei Parchi che sono una palestra incui si accelerano tutti i processi, anche di nascita crescita e morte delleimprese. Se una volta il Parco era un’aggregazione tematica di impreseaffini ora è una aggregazione distakeholder, di persone che nella catena del valore potranno avere uninteresse nello sviluppo dell’idea».

I vincitori della prima edizione di “Startup FVG” sono i seguenti. Primo premio a CYTOFIND DIAGNOSTIC, azienda friulana specializzata nelle tecnologie biotecnologiche per il miglioramento o della diagnostica e della terapia del cancro. Al secondo posto, e primo della sezione ICT – WEB, con un servizio di video interpretariato professionale da remoto in lingue verbali e dei segni, disponibile via web e mobile app su qualunque  computer e dispositivo mobile, la veneta VEASYT LIVE! Terza, sulle sedici che hanno concorso alla fase finale, e prima nel segmento industria, la friulana FINGERSAFE.

ECONOMIA NEWS

Le politiche per il lavoro e per il territorio nell'Euregio Tirolese

A Trento convegno sul mercato del lavoro euroregionale

irettore di Dipartimento Michael Mayr nel corso del suo intervento convegno dellEuregio sulle politiche per il lavoro e per il territorioPolitiche attive e passive del lavoro, ammortizzatori sociali, sfide e impegni futuri in un mercato del lavoro euro-regionale sempre più interconnesso: questi i temi affrontati presso Trentino School of Management di Trento nel seminario “Le politiche per il lavoro e per il territorio nell'Euregio - situazione attuale e prospettive future” organizzato da Lares, il laboratorio relazioni di lavoro e sindacali di Tsm, in collaborazione con l'IPL - Istituto promozione lavoratori (Alto Adige) e dalla Arbeiterkammer Tirol (Camera del lavoro del Tirolo), con il patrocinio del GECT Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino.

Leggi tutto...

Forum su strategie, buone pratiche e implicazioni per la trasformazione digitale dell’industria, promosso da Confindustria Padova e Unindustria Treviso

Del Sole: «sui “competence center” e sul digitale serve cambio di passo»

ENRICO DEL SOLE delegato ricerca innovazione confindustria padovaPostazioni di lavoro dotate di tablet per gestire i flussi, raccolta dati in tempo reale, macchine che dialogano, logistica integrata, servizi in cloud. Sono solo un esempio della trasformazione digitale in atto nelle PMI italiane che sta cambiando i modelli di business e l’organizzazione della produzione e che per la stragrande maggioranza ridurrà i costi aziendali (78%), porterà grandi aumenti di produttività (74%) e, tra i maggiori vantaggi, il miglioramento della relazione con i clienti (80%) e dell’organizzazione (74%).

Leggi tutto...

Siglato accordo pluriennale di collaborazione tra Deutsche Bank e Cassa Centrale Banca

Prevista la distribuzione di prodotti di credito al consumo del gruppo tedesco tramite la rete di sportelli del gruppo creditizio cooperativo trentino

cassa centrale banca trento sedeLa trentina Cassa Centrale Banca, candidata a capogruppo del costituendo Gruppo Bancario Cooperativo e Cassa Centrale Banca - al quale aderiscono oltre 110 banche di Credito cooperativo, Raiffeisen e Casse Rurali, e la divisione di credito al consumo di Deutsche Bank SpA, hanno sottoscritto un articolato accordo di collaborazione.

Leggi tutto...

Alto Adige, da Roma 180 milioni di euro dal fondo Ue coesione

Il “Noi” Techpark avrà una filiale dedicata al settore automotive a Brunico

centro tecnologico in BrasileUn centro di competenza dedicato al settore della componentistica per auto sorgerà a Brunico, il “NOI” Techpark dell'automotive, e collaborerà con il parco tecnologico di Bolzano.

Leggi tutto...

Editoria: secondo il rapporto Asig presentato a Bologna cala (-10%) la diffusione cartacea e digitale dei giornali

Ad Ediland Meeting il punto sulla situazione dell’editoria italiana. Nel 2016 fatturato pubblicità quotidiani -6,7% 

notizie giornali quotidianiUn calo del 10,1% nella diffusione cartacea giornaliera e, soprattutto, un calo del 9,6% nella diffusione digitale per un fatturato pubblicitario sceso del 6,7%. Sono i dati del “Rapporto sull'industria italiana dei quotidiani” presentato nel corso di “Ediland Meeting” 2017 svolto a Bologna.

Leggi tutto...

Itas: il presidente Di Benedetto si dimette dopo le critiche interne al suo operato

Le pressioni di almeno 8 consiglieri di amministrazione hanno avuto la meglio. Ora i poteri passano nelle mani del vicepresidente Consoli in attesa della nuova nomina prevista per l’11 ottobre

Itas Giovanni Di BenedettoEra nell’aria già dalla settimana scorsa, quando il precedente consiglio di amministrazione di Itas aveva lasciato a mezz’aria un documento di dura critica nei confronti dell’operato del presidente Giovanni Di Benedetto, colpevole di non avere governato con sufficiente capacità e decisione lo scandalo che ha coinvolto il Gruppo e travolto il suo ex direttore generale Ermanno Grassi, cui si può aggiungere anche la nomina del nuovo direttore generale Raffaele Agrusti, molto vicino allo stesso Di Benedetto ma indigesto a molti consiglieri.

Leggi tutto...

Cciaa unica del Friuli Venezia Gulia: la Regione valuta il ricorso contro il ministero dell’Economia

Paoletti: «che fastidio dà a Cciaa della Venezia Giulia?» 

FVG Antonio Paoletti Pres CCIAA Trieste Sergio Bolzonello e Alberto Marchiori Pres Confcommercio FVGLa Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia sta valutando l'opportunità di ricorrere contro la decisione del Governo Gentiloni di non accorpare le Camere di commercio della regione in un unico soggetto come vorrebbe invece la Regione.

Leggi tutto...

Tunnel ferroviario del Brennero: a Confindustria Trento dibattito tra politici, imprenditori e vertici delle Ferrovie

Zobele: «opera infrastrutturale più importante per decenni a venire» 

tunnel ferroviario brennero sezione tracciato«Per il nostro territorio si tratta dell'opera infrastrutturale più importante per i decenni a venire, eppure in Trentino se ne parla davvero poco»: questo l’incipit in apertura del seminario organizzato da Confindustria Trento per fare il punto sui lavori della nuova linea ferroviaria del Brennero ed in particolari sulle due varianti che interessano la provincia di Trento, destinate ad oltrepassare gli abitati di Trento e Rovereto.

Leggi tutto...

MareFvg: il cluster “ospite d’onore” alla Conferenza sulla “Blue Economy” del Mar Nero

A Varna sul Mar Nero missione di sviluppo al “Maritime Cluster for Blue Growth»

Logo Blue NetMareFVG,il cluster delle tecnologie marittime del Friuli Venezia Giulia, ha appena concluso un’importante missione sul Mar Nero, fra Bulgaria e Georgia, il cui cuore è stato il Consortium Meeting del progetto “Maritime Cluster for Blue Growth – Blue NET”, svoltosi nella città di Varna, importante porto della penisola balcanica. 

Leggi tutto...

Aeroporto Bolzano secondo solo a Linate per i voli privati

Cresce la domanda di un servizio a grande marginalità e a rilevante indotto, anche turistico

aerotaxiCresce nel mondo la domanda (e la relativa offerta) di trasporto aereo executive, quello che normalmente è svolto da aero taxi ed elicotteri provati per trasporti rapidi da un punto all’altro del Paese e oltre.

Leggi tutto...

Arriva il progetto “Hub portuale Ravenna” per sviluppo porto

Costo di 235 milioni euro per approfondimento fondali e nuove aree 

porto di ravenna nave portacointainer rimorchiatore gruNuovi interventi nel porto di Ravenna con il progetto “Hub portuale Ravenna”. Il piano, presentato nel capoluogo romagnolo, prevede una serie di operazioni per la valorizzazione del porto della città, tra cui alcuni interventi per l'approfondimento dei fondali per permettere l'ingresso di navi più grandi e la realizzazione di un nuovo terminal container e nuove aree destinate alla logistica.

Leggi tutto...

Semestrale Gruppo Itas con risultato in deciso calo a 7,8 milioni di euro (11,2 nel 2016)

Al vertice del Gruppo continuano le fibrillazioni sulla gestione del presidente Di Benedetto: probabile un regolamento di conti dopo lo scandalo che ha coinvolto la Compagnia

Casa ITAS TrentoIl Gruppo assicurativo Itas chiude il bilancio del I semestre 2017 in deciso calo rispetto all’analogo periodo del 2016 a causa degli eventi atmosferici che hanno interessato gran parte del NordEst. L'utile consolidato di giugno a 7,8 milioni di euro (11,2 nel semestre 2016). Escludendo l’impatto straordinario delle avversità atmosferiche verificatesi nel semestre (10,2 milioni netti) l’utile raggiunge 18 milioni di euro. 

Leggi tutto...

Bcc Friuli Venezia Giulia semestrale con forte crescita +5,3% annuo

Per il credito cooperativo utile netto aggregato a 10 milioni 

BCC FVG logo 3DLa massa operativa delle 15 banche di credito cooperativo (Bcc) attive in Friuli Venezia Giulia a giugno risulta pari a 15 miliardi di euro, in aumento su base annua (+5,33%). La raccolta totale ammonta a oltre 9,4 miliardi (+6,27%). La raccolta diretta, pari a oltre 6,4 miliardi, si presenta in rialzo del 2,77%, quella indiretta è a circa 3 miliardi (+14,75%).

Leggi tutto...

Autobrennero, approvata la semestrale che vede in crescita del 2,79% il fatturato a 179 milioni di euro

Approvati anche due progetti di valenza europea per la sicurezza stradale

Truck PlatooningIl bilancio del primo semestre 2017 di Autostrada del Brennero S.p.A. si chiude positivamente con traffico in aumento e diminuzione dei costi di produzione rispetto all’anno precedente, in presenza delle tariffe ferme dal 2014.

Leggi tutto...

Confcommercio Friuli Venezia Giulia, nel II trimestre 2017 in crescita il numero delle imprese del terziario

Saldo positivo per 323 attività, mentre gli altri settori sono in negativo per 662 unità

presentazione indagine terziario fvgIl terziario continua a contrastare il calo delle imprese in Friuli Venezia Giulia. Secondo l'indagine congiunturale di Format Research sul secondo trimestre 2017, commissionata da Confcommercio regionale, a fine anno in regione saranno nate 6.597 nuove imprese (4.683 del terziario, 1.914 degli altri settori) e saranno cessate 6.936 imprese (4.360 del terziario, 2.576 degli altri settori).

Leggi tutto...

“Dar fondo ai Fondi”: a Padova riunita la Confcommercio del NordEst per cogliere l’opportunità dei finanziamenti europei

Le risorse europee fondamentali per dare supporto allo sviluppo e innovazione delle imprese del Terziario 

confcommercio presidenti NordEst Bort Zanon Marchiori postacchiniFondi europei: un’opportunità che le piccole e medie imprese devono saper cogliere, ma con gli strumenti giusti. Ne sono convinte le Confcommercio del NordEst che a Padova si sono riunite per la III tappa dell’evento organizzato dalla Confederazione in tutta Italia (le tappe precedenti si sono svolte a Torino e a Palermo).

Leggi tutto...

Agcom illegittima la fatturazione a 4 settimane dei servizi che hanno trasformato l’anno da 12 a 13 mesi

Trucchetto che ha incrementato le tariffe annuali dell’8%. Avviati procedimenti nei confronti di Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb che non hanno ottemperato a delibera Autorità

agcomL'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AgCom), relatore il Commissario Francesco Posteraro, ha deciso di avviare procedimenti sanzionatori nei confronti degli operatori telefonici Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb per il mancato rispetto delle disposizioni relative alla cadenza delle fatturazioni e dei rinnovi delle offerte di comunicazioni elettroniche.

Leggi tutto...

Confindustria Friuli Venezia Giulia: II trimestre 2016 miglioramenti lenti

Molto positiva congiuntura, rallenta crescita tendenziale annua. Bono: «la crescita rimane ancora troppo lenta»

grafico indice crescita 3dL’andamento di crescita riscontrato ormai da più di un anno per l'economia del Friuli Venezia Giulia sta continuando, ma i miglioramenti sono però lenti e incerti. Il quadro emerge dall'indagine congiunturale sullo stato dell'economia relativo al secondo trimestre 2017, svolto da Confindustria regionale.

Leggi tutto...

Italia spaccata in due dai consumi. A NordEst bene solo Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna

Male Veneto e Friuli Venezia Giulia. Secondo Confesercenti solo sei regioni hanno recuperato i livelli di spesa del 2007. Tutte le altre 14 sono ancora sotto

italia tricolore 3d penisola stivale belpaeseIl motore Italia gira ancora a ritmo ridotto, con ben 14 regioni che hanno un livello di consumi, secondo l’indagine effeturata da Confesercenti, al di sotto del livello di spesa medio del 2007. La ripresa è ancora troppo frammentata e concentrata nel Centro Nord del Paese.

Leggi tutto...

Commercio in Emilia Romagna, confermata la congiuntura negativa

Nel II trimestre 2017 nuova flessione delle vendite al dettaglio in quasi tutti i canali di vendita. La crisi dei consumi non è ancora cessata

supermercato carrello spesa vuoto crisi consumiSecondo l’indagine condotta da Unioncamere Emilia Romagna, nel secondo trimestre si registra una nuova flessione delle vendite (-0,9%). Il segno negativo domina in modo omogeneo lo specializzato, alimentare e non, mentre aumentano lievemente le vendite per iper, super e grandi magazzini.

Leggi tutto...

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.