neq-header.jpg
Stampa
26
Dic

Veneto, per il settore delle costruzioni III trimestre 2016 in leggerissima ripresa

Mini scatto delle Pmi di settore. Ordini +0,3%, soffre -0,6% l’occupazione (in particolare nell’artigianato), peggiorano le previsioni per fine anno pur rimanendo positive

 

veneto andamento settore costruzioniNel terzo trimestre 2016, sulla base dell’indagine VenetoCongiuntura, il fatturato delle imprese di costruzioni interrompe la contrazione dei primi sei mesi e registra una lievissima crescita. In questo caso dello +0,1%. L’analisi congiunturale sul settore delle costruzioni, promossa congiuntamente da Edilcassa Veneto e Unioncamere del Veneto, è stata effettuata su un campione di 600 imprese con almeno un dipendente.

Prosegue l’alternanza di cali e crescite dello “zero virgola” nei fatturati dell’edilizia veneta, sintomo di un settore che non riesce proprio a scrollarsi di dosso questa lunga fase di difficoltà. Ma c’è una piccola ma significativa novità: si riduce nel terzo trimestre 2016 la differenza tra andamenti delle imprese artigiane e non artigiane, con un valore positivo per entrambe, pari a +0,1% per le imprese artigiane e +0,2% per le non artigiane. Dopo una fase nella quale la ripresa del settore era stata sentita solo dalle imprese non artigiane, il terzo trimestre 2016 sembra indicare una stabilità complessiva del mercato, pur in una dinamica congiunturale che presenta un incremento tanto lieve quanto poco significativo. Unico dato positivo, in uno scenario nel quale un incremento dello 0,1% non è qualificabile come un segnale di ripresa ma di stabilità, è il valore “più” per entrambi i settori, che in ottica di lungo periodo può far sperare in un debole incremento positivo anche per i prossimi mesi.

Osservando la dinamica per classi dimensionali emerge ancora una variazione negativa per le imprese di più piccole dimensioni, -0,3% le piccole imprese (fino a 5 addetti), mentre in positivo le medie (+0,7% quelle da 6 a 9 addetti) e quelle di grandi dimensioni (+0,4% quelle con più di 10 addetti). A livello provinciale risulta ancora negativa, ma in miglioramento, Vicenza (-1,5% a fronte del -2,35 del trimestre precedente), mentre Padova dopo il dato negativo del II° trimestre fa segnare un -0,1%. Benino Venezia (+0,6%), Belluno (+0,5%), Rovigo (+0,4%) e Treviso (+0,2%) tutte in campo positivo. 

Anche se la crisi sembra ormai alle spalle, la situazione di difficoltà permane in quanto il mercato non sembra garantire una ripresa trainata da adeguati investimenti. Sarà strategico comprendere le prossime mosse del Governo in tema di incentivi, in attesa dello sblocco del patto di stabilità.

«La dinamica del fatturato delle imprese di costruzioni – commenta Giuseppe Fedalto, Presidente di Unioncamere del Veneto – rimane piatta ed evidenzia una situazione ancora molto incerta. Pur accusando qualche difficoltà verso una vera e propria ripresa, il mercato delle costruzioni si mantiene comunque su livelli stabili, che tuttavia stentano a rafforzarsi. Le previsioni per i prossimi tre mesi non sembrano migliorare, in particolare per il mercato residenziale dove prosegue la frenata degli investimenti. Tuttavia – continua Fedalto - qualcosa si muove: a seguito del sisma in centro Italia, si osserva una maggiore attenzione agli investimenti nelle costruzioni da parte pubblica e si sta discutendo (finalmente) di una nuova politica industriale per il patrimonio edilizio italiano, con al centro nuove risorse per la rigenerazione urbana. E questo è di buon auspicio per tutto il settore».

«L’edilizia sta mostrando qualche segnale positivo e probabilmente siamo ad una svolta – afferma Enrico Maset, presidente di Edilcassa Veneto –, tuttavia è presto per parlare di ripresa. Ed è proprio in questo momento che da un lato serve prudenza e da un altro servono certezze, da quelle fiscali sui bonus per le ristrutturazioni, a quelle normative. In questo senso è un’ottima notizia che qualche ora fa il Consiglio Regionale del Veneto abbia prolungato sino a fine 2018 il piano casa regionale. Ma molto può già essere fatto in sede di finanziaria regionale e ci aspettiamo in questo senso elementi positivi per le nostre imprese. Ma un aiuto concreto alle piccole imprese lo deve dare il sistema bancario e finanziario, che fino ad oggi è rimasto al palo. La ripresa ci sarà se ognuno farà la sua parte».

Entrando nel dettaglio dell’indagine, l’andamento degli ordini rimane pressoché stabile, con una variazione del +0,3% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Le imprese non artigiane hanno segnato una variazione più marcata (+0,6%) rispetto a quelle artigiane (+0,1%) che però risultano in miglioramento rispetto allo scorso trimestre dove avevano segnano una diminuzione (-0,5%). Sotto il profilo dimensionale le piccole imprese presentano una variazione negativa (-0,2%) bilanciata dall’andamento positivo delle medie e grandi imprese (rispettivamente +1,1% e +0,6%). 

A livello territoriale ad esclusione di Vicenza e Padova che hanno registrato variazioni negative (-0,7% e -0,4%) le altre province hanno evidenziato variazioni positive. In particolare spicca la variazione di Venezia con un aumento del +1,2% seguita da quella di Rovigo (+0,8%) e di Treviso (+0,7%).

Il livello dei prezzi ha registrato un aumento del +1,2% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Le imprese artigiane hanno accusato una crescita del +1,2 per cento mentre quelle non artigiane del +1,1%. Per quanto riguarda il profilo dimensionale, come accaduto lo scorso trimestre, l’aumento dei prezzi è stato più marcato per le imprese di media e piccola dimensione (rispettivamente +1,3% e +1,2%), a seguire le grandi imprese (+1%). A livello territoriale a soffrire maggiormente dell’incremento dei prezzi sono Treviso (+1,9%) e Padova (+1,7%) mentre sono risultate sotto la media regionale le variazioni delle altre province.

L’occupazione ha registrato una diminuzione del -0,6% su base annua determinata dalla variazione particolarmente negativa delle imprese artigiane (-1%) mentre quelle non artigiane risultano in lieve ribasso (-0,3%). A livello dimensionale la perdita occupazionale interessa le imprese di piccole dimensioni (-2,3%) che risultano in contrapposizione con le variazioni positive delle medie imprese (+1,8%). Stabile la situazione delle imprese di grandi dimensioni. Sotto il profilo territoriale il dato occupazionale registra variazioni particolarmente negative per la provincia di Treviso (-3%) seguita da Rovigo (-0,9%) mentre spicca positiva quella di Padova (+1%).

Le previsioni sull’andamento del mercato residenziale per i prossimi tre mesi sottolineano il perdurare di una frenata degli investimenti in questo settore e peggiorano rispetto a trimestri precedenti. L’inversione di tendenza tanto attesa da molti operatori non si è concretizzata e anzi si acuiscono le attese negative. Come deboli rimangono gli indicatori sul fronte dell’edilizia non residenziale di nuova costruzione, nonostante alcune buone performance di settori come il commerciale nei trimestri precedenti. 

Anche nel terzo trimestre rimangono stabili le aspettative delle imprese per il mercato delle ristrutturazioni, con un dato pari a +34,7 punti percentuali, simile a quello del trimestre precedente, che conferma ormai da un anno il valore medio delle aspettative, un valore di circa 16 punti percentuali superiore a quello del primo trimestre 2015, segno ormai del definitivo consolidamento di questo mercato. E’ un mercato che presenta aspettative positive anche in ragione degli effetti sull’allargamento delle defiscalizzazioni, che amplia il giudizio positivo delle imprese, soprattutto di quelle artigiane, che vedono in questo settore l’unico ambito di lavoro positivo per il futuro. Dal punto di vista territoriale le aspettative migliori le registrano le province di Vicenza, Venezia e Padova, mentre meno positive sono le province di Rovigo e Belluno.

Per il settore delle opere pubbliche in aumento le aspettative delle imprese che si attendono un mercato invariato, con l’81,9% dei rispondenti che si attende. Previsioni stazionarie (oltre quattro imprese su cinque vede il mercato stabile), segno probabilmente del perdurare di aspettative inizialmente non troppo positive rispetto all’introduzione del nuovo codice degli appalti, che come noto ha creato un blocco rilevante su tutto il comparto come certificato da ANAC, ma anche di una normalizzazione in corso che potrebbe essere più positiva nei prossimi mesi, con lo sblocco del patto di stabilità a partire dal 1° gennaio 2017.

ECONOMIA NEWS

Italia primo produttore di gelato in Ue: consumi per un controvalore di 3 miliardi di euro

Secondo Coldiretti i consumi nel 2017 sono cresciuti del 10% attestandosi a 6 kg procapite

coni gelatoIl caldo record ha fatto volare a quasi 3 miliardi di euro i consumi di gelato nel 2017 e l'Italia diventa il primo produttore europeo. E' quanto stima la Coldiretti in occasione del Sigep (Salone internazionale di gelateria, pasticceria e panificazione artigianali) a Rimini, che sancisce il primato italiano nella produzione.

Leggi tutto...

Geox ricavi 2017 a 884 milioni di euro

Cambio al vertice: Matteo Mascazzini nuovo amministratore delegato al posto di Gregorio Bosco. Boom delle vendite sul canale e-commerce (+26%)

geox negozioGeox ha registrato nel 2017 ricavi pari a 884,5 milioni di euro, sostanzialmente in linea con l'esercizio precedente: -1,8% a cambi correnti, -1,7% a cambi costanti. Il dato è stato reso noto dalla società dopo il consiglio di amministrazione che ha cooptato in consiglio Matteo Mascazzini che assumerà il ruolo di amministratore delegato dal 1 febbraio dopo le dimissioni dell'attuale amministratore delegato Gregorio Borgo. 

Leggi tutto...

Settore edile Emilia Romagna: si rafforza la ripresa

Nel III trimestre 2017 il volume d’affari sale dell’1,8%. Aumenta ancora l’occupazione (+7,2%), ma prosegue la riduzione della base imprenditoriale (-1.131 imprese, -1,7%)

cantiere edile gru ponteggiSpiragli di luce che si fanno più ampi. Questa metafora emerge dall’indagine sulla congiuntura delle costruzioni realizzata da Camere di commercio e Unioncamere Emilia-Romagna. Lasciandosi alle spalle l’andamento congiunturale oscillante dei dodici mesi precedenti, l’industria regionale delle costruzioni ha rafforzato la tendenza espansiva. Nel terzo trimestre il volume d’affari a prezzi correnti è aumentato dell’1,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Leggi tutto...

Eni avvia il nuovo supercalcolatore nel Green Data Center di Ferrera Erbognone

Si tratta dell’unità di calcolo industriale più potente al mondo, capace di elaborare fino a 22,4 petaflop (22,4 milioni di miliardi di operazioni matematiche in un secondo)

supercomputerEni ha avviato presso la propria infrastruttura di supercalcolo, situata nel Green Data Center di Ferrera Erbognone, il nuovo supercalcolatore denominato “HPC4”, quadruplicando la potenza dell'intera infrastruttura e rendendola la più potente al mondo a livello industriale.

Leggi tutto...

L’oleodotto Siot di Trieste festeggia i 50 anni con record traffico

Oltre 40 milioni di tonnellate di greggio trasferite nel 2017 dal porto in Europa senza alcun incidente 

porto trieste pontile petroliferoLa Società Italiana l'Oleodotto Transalpino (Siot) ha festeggiato nel 2017 i 50 anni di attività stabilendo un nuovo record: 42,4 milioni di tonnellate (oltre un milione in più) di petrolio greggio. Queste sono state scaricate nel porto di Trieste da 502 petroliere provenienti da ogni parte del mondo. La Siot, Gruppo Tal, trasferisce il greggio tramite oleodotti in Germania, Austria e Repubblica Ceca. 

Leggi tutto...

Friuli Innovazione protagonista a Bruxelles

E’ la realtà con il più alto numero di progetti vinti sui bandi di Supporto all'innovazione in tutta Europa

Friuli InnovazioneE’ Friuli Innovazione la realtà con il più alto numero di progetti vinti sui bandi di Supporto all'innovazione in tutta Europa. Ben 6 negli ultimi 2 anni, focalizzati su temi importanti quali il supporto alla nascita di nuove imprese, la proprietà intellettuale, il coordinamento dei fondi comunitari, Industria 4.0 e performance energetiche delle PMI.

Leggi tutto...

Oi Pomodoro Nord Italia: al via piano 2018-2020

Supporto a programmazione filiera e più impegno in ricerca 

concentrato di pomodoro pomodoriL’assemblea dell'OI Pomodoro da Industria del Nord Italia ha dato il via libera al programma triennale delle attività 2018-2020 in base al quale l'organizzazione interprofessionale, dalla prossima campagna, «supporterà l'attività di programmazione produttiva della filiera, incrementerà il proprio impegno in ambito di ricerca, avrà maggior capacità di intervento in caso di emergenze e valorizzerà ulteriormente la produzione del Nord Italia».

Leggi tutto...

Eni conferma investimenti a Ravenna per 2 miliardi di euro in quattro anni

Obiettivo il miglioramento della produzione di gas in Adriatico

piattaforma petroliferaEni conferma gli investimenti su Ravenna e l'aumento dell'attività produttiva di gas in Adriatico. In un vertice con il sindaco Michele De Pascale, il “Roca” in rappresentanza delle aziende dell'offshore, i sindacati, Eni ha confermato l'investimento di due miliardi di euro nei prossimi quattro anni in attività di sviluppo e mantenimento degli asset nell'offshore adriatico e ha ribadito che il programma di rilancio «procede nel pieno rispetto degli impegni assunti ad aprile 2017».

Leggi tutto...

Mediocredito FVG verso il modello “fabbrica prodotto”

Casco: «la banca sarà centro nazionale per factoring Gruppo Iccrea»

 mediocredito fvg presidente Emilio Casco«Banca Mediocredito del Friuli Venezia Giulia, grazie all'accordo con il gruppo Iccrea, potrà distribuire su tutto il territorio nazionale i prodotti e i servizi che saranno gestiti a Udine secondo il modello di “fabbrica prodotto”» ha detto il presidente di Mediocredito FVG, Emilio Casco, sentito dalla Prima commissione del Consiglio regionale.

Leggi tutto...

Presentato a Venezia il progetto di deposito Gnl a Porto Marghera

32.000 mc. stoccaggio per Tir e navi nel Canale Sud. Brugnaro: «ci candidiamo anche per ospitare anche il centro di ricerca mondiale sulla fusione nucleare»

porto marghera GnlUn deposito di gas naturale per il rifornimento di mezzi pesanti e navi, e in prospettiva la candidatura a ospitare un centro di ricerca mondiale sulla fusione nucleare, sono i progetti del comune di Venezia per la rivitalizzazione di Porto Marghera, in occasione delle celebrazioni per il centesimo anniversario della creazione del polo industriale.

Leggi tutto...

Mercato auto Europa 2017: in tutti i paesi crescita positiva

Nell’anno immatricolati 15.631.687, +3,4% sul 2016. Il calo delle immatricolazioni Diesel fa crescere l’inquinamento di CO2

122017 UE EFTA Mercato auto 2Con un giorno lavorativo in meno, dicembre si è chiuso con - 4,9% di nuove automobili vendute: nei 28 paesi Ue+Efta sono state immatricolate 1.136.552 unità e tutti i principali paesi hanno chiuso il mese in negativo, con la sola eccezione della Spagna. Il dato non ha comunque influito sul buon risultato raggiunto durante il 2017, in crescita del 3,4% rispetto al 2016 con un totale di 15.631.687 immatricolazioni.

Leggi tutto...

Ntv potenzia a maggio i collegamenti Italo Evo del NordEst

Sulla tratta Torino-Milano-Venezia previsti 6 collegamenti al giorno, che saliranno a 14 a luglio 

treno ntv italo evoDa maggio l'alta velocità di Ntv arriva anche sulla Milano-Venezia, con una nuova tratta che coprirà il NordEst. Dal primo maggio i treni Italo porteranno i propri viaggiatori sulla linea Torino-Milano-Venezia in poco più di tre ore.

Leggi tutto...

Italian exibition group fatturato 2017 a 129 milioni di euro, utile a 8 milioni

Presentato il piano quinquennale di sviluppo basato su ampliamenti logistici dei poli di Rimini e Vicenza, senza escludere integrazioni con altre realtà fieristiche del territorio

Italian exibition group da sx presidente Lorenzo Cagnoni e vicepresidente Matteo MarzottoUn 2017 chiuso con un fatturato di 129 milioni di euro, in crescita del 3,4% sul 2016, un risultato netto consolidato atteso sopra gli otto milioni di euro, la distribuzione di dividendi per dieci milioni di euro, l'ampliamento del quartiere fieristico di Rimini che diventa di 129.000 metri quadrati. Questi i dati principali dell'esercizio 2017 di Ieg-Italian Exhibition Group, la società nata dall'integrazione di Rimini Fiera e Fiera di Vicenza. 

Leggi tutto...

Unioncamere Veneto obiettivo dare slancio a imprese

Pozza: «siamo la seconda economia italiana dopo la Lombardia. Nella crisi abbiamo tenuto botta». Presentato il nuovo segretario Crosta 

unioncamere veneto sx Giuseppe Fedalto Mario Pozza Roberto CrostaIn un quadro nazionale profondamente mutato, in cui le Camere di Commercio (da 105 passeranno a 60 con un taglio ormai consolidato del diritto annuale del 50%) assumono nuove funzioni strategiche, il Sistema camerale veneto – primo in Italia – ha anticipato la riforma procedendo in autonomia già nel 2015 all’accorpamento delle Camere di Venezia e Rovigo e nel 2016 di Belluno e Treviso. 

Leggi tutto...

Per la Friulana Imel commessa da 9,9 milioni in Bieloussia per linea per verniciatura camion

Operazione assistita da Sace e Intesa Sanpaolo 

IMELOperazione da 9,9 milioni di euro in Bielorussia per Imel Spa, società friulana specializzata nell'automazione industriale che realizzerà una linea completa per la verniciatura di componenti di camion. 

Leggi tutto...

Addio speck: la famiglia Senfter vende e si concentra nel campo turistico

La sua quota in GSI (50%) ceduta ai soci di Unibon 

B Senfter newsNonostante il mercato dei salumi tipici altoatesini viaggi a gonfie vele, la famiglia Senfter ha deciso di cedere la sua quota nei Grandi Salumifici Italiani cui hanno ceduto il marchio del celebre speck altoatesino per concentrarsi nel settore turistico.

Leggi tutto...

Alimentare di qualità: il primato italiano mondiale vale 14 miliardi di euro

E potrebbe valere anche di più se si stroncasse il fenomeno dei plagi, frequenti specie all’estero, che fattura oltre 60 miliardi di euro

CESTO FALSI prodotti tipici italianiL’Italia è leader mondiale nella qualità a tavola con il fatturato al consumo dei prodotti a denominazione Dop, Igp e Stg che è salito a circa 14 miliardi di euro dei quali ben 4 miliardi realizzati all’estero. E’ quanto stima la Coldiretti in occasione della divulgazione dei dati Istat sui prodotti agroalimentari di qualità che conferma la tendenza crescente al rafforzamento del settore nelle sue diverse dimensioni.

Leggi tutto...

Artigianato in Emilia Romagna: la crescita c’è

Secondo l’indagine di Unioncamere, l’espansione della produzione artigiana nell’industria si conferma all’1,8%. Cala il numero delle imprese attive nell’industria e nell’edilizia

congiuntura artigianato emiliaSegnali incoraggianti per l’artigianato emiliano-romagnolo nel terzo trimestre 2017 che si è chiuso con una conferma della congiuntura positiva, su livelli non toccati in precedenza dal terzo trimestre del 2010, trainata dal mercato interno, anche se con elementi di incertezza sul fronte di quello estero. Questo emerge dall’indagine sulla congiuntura dell’artigianato realizzata da Camere di commercio e Unioncamere Emilia-Romagna.

Leggi tutto...

I “competence center” diventano realtà: arriva decreto con 40 milioni di finanziamenti

Università e imprese più vicine, in attesa bando Mise. Pronto a decollare quello del NordEst

competence center graficaSi concretizza il primo passo per la realizzazione dei “competence center”, i centri di competenza ad alta specializzazione, previsti dal piano “Impresa 4.0”, che favoriranno l'incontro tra il mondo della ricerca e le imprese.

Leggi tutto...

Italia 2018: le previsioni indicano una ripresa che rallenta

Secondo la Cgia l’Italia torna ad essere l’ultimo paese in Europa per crescita

cgia crescita pil anni crisiSebbene il peggio sia alle spalle, la ripresa economica consolidatasi nel 2017 (+1,5% circa) rischia di affievolirsi già a partire da quest’anno. Secondo l’Ufficio studi della Cgia, gli ultimi dati di previsione elaborati dalla Commissione europea per il 2018 sono molto indicativi: il Pil reale del Paese è destinato ad aumentare dell’1,3%.

Leggi tutto...

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.