neq-header.jpg
Stampa
26
Dic

Veneto, per il settore delle costruzioni III trimestre 2016 in leggerissima ripresa

Mini scatto delle Pmi di settore. Ordini +0,3%, soffre -0,6% l’occupazione (in particolare nell’artigianato), peggiorano le previsioni per fine anno pur rimanendo positive

 

veneto andamento settore costruzioniNel terzo trimestre 2016, sulla base dell’indagine VenetoCongiuntura, il fatturato delle imprese di costruzioni interrompe la contrazione dei primi sei mesi e registra una lievissima crescita. In questo caso dello +0,1%. L’analisi congiunturale sul settore delle costruzioni, promossa congiuntamente da Edilcassa Veneto e Unioncamere del Veneto, è stata effettuata su un campione di 600 imprese con almeno un dipendente.

Prosegue l’alternanza di cali e crescite dello “zero virgola” nei fatturati dell’edilizia veneta, sintomo di un settore che non riesce proprio a scrollarsi di dosso questa lunga fase di difficoltà. Ma c’è una piccola ma significativa novità: si riduce nel terzo trimestre 2016 la differenza tra andamenti delle imprese artigiane e non artigiane, con un valore positivo per entrambe, pari a +0,1% per le imprese artigiane e +0,2% per le non artigiane. Dopo una fase nella quale la ripresa del settore era stata sentita solo dalle imprese non artigiane, il terzo trimestre 2016 sembra indicare una stabilità complessiva del mercato, pur in una dinamica congiunturale che presenta un incremento tanto lieve quanto poco significativo. Unico dato positivo, in uno scenario nel quale un incremento dello 0,1% non è qualificabile come un segnale di ripresa ma di stabilità, è il valore “più” per entrambi i settori, che in ottica di lungo periodo può far sperare in un debole incremento positivo anche per i prossimi mesi.

Osservando la dinamica per classi dimensionali emerge ancora una variazione negativa per le imprese di più piccole dimensioni, -0,3% le piccole imprese (fino a 5 addetti), mentre in positivo le medie (+0,7% quelle da 6 a 9 addetti) e quelle di grandi dimensioni (+0,4% quelle con più di 10 addetti). A livello provinciale risulta ancora negativa, ma in miglioramento, Vicenza (-1,5% a fronte del -2,35 del trimestre precedente), mentre Padova dopo il dato negativo del II° trimestre fa segnare un -0,1%. Benino Venezia (+0,6%), Belluno (+0,5%), Rovigo (+0,4%) e Treviso (+0,2%) tutte in campo positivo. 

Anche se la crisi sembra ormai alle spalle, la situazione di difficoltà permane in quanto il mercato non sembra garantire una ripresa trainata da adeguati investimenti. Sarà strategico comprendere le prossime mosse del Governo in tema di incentivi, in attesa dello sblocco del patto di stabilità.

«La dinamica del fatturato delle imprese di costruzioni – commenta Giuseppe Fedalto, Presidente di Unioncamere del Veneto – rimane piatta ed evidenzia una situazione ancora molto incerta. Pur accusando qualche difficoltà verso una vera e propria ripresa, il mercato delle costruzioni si mantiene comunque su livelli stabili, che tuttavia stentano a rafforzarsi. Le previsioni per i prossimi tre mesi non sembrano migliorare, in particolare per il mercato residenziale dove prosegue la frenata degli investimenti. Tuttavia – continua Fedalto - qualcosa si muove: a seguito del sisma in centro Italia, si osserva una maggiore attenzione agli investimenti nelle costruzioni da parte pubblica e si sta discutendo (finalmente) di una nuova politica industriale per il patrimonio edilizio italiano, con al centro nuove risorse per la rigenerazione urbana. E questo è di buon auspicio per tutto il settore».

«L’edilizia sta mostrando qualche segnale positivo e probabilmente siamo ad una svolta – afferma Enrico Maset, presidente di Edilcassa Veneto –, tuttavia è presto per parlare di ripresa. Ed è proprio in questo momento che da un lato serve prudenza e da un altro servono certezze, da quelle fiscali sui bonus per le ristrutturazioni, a quelle normative. In questo senso è un’ottima notizia che qualche ora fa il Consiglio Regionale del Veneto abbia prolungato sino a fine 2018 il piano casa regionale. Ma molto può già essere fatto in sede di finanziaria regionale e ci aspettiamo in questo senso elementi positivi per le nostre imprese. Ma un aiuto concreto alle piccole imprese lo deve dare il sistema bancario e finanziario, che fino ad oggi è rimasto al palo. La ripresa ci sarà se ognuno farà la sua parte».

Entrando nel dettaglio dell’indagine, l’andamento degli ordini rimane pressoché stabile, con una variazione del +0,3% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Le imprese non artigiane hanno segnato una variazione più marcata (+0,6%) rispetto a quelle artigiane (+0,1%) che però risultano in miglioramento rispetto allo scorso trimestre dove avevano segnano una diminuzione (-0,5%). Sotto il profilo dimensionale le piccole imprese presentano una variazione negativa (-0,2%) bilanciata dall’andamento positivo delle medie e grandi imprese (rispettivamente +1,1% e +0,6%). 

A livello territoriale ad esclusione di Vicenza e Padova che hanno registrato variazioni negative (-0,7% e -0,4%) le altre province hanno evidenziato variazioni positive. In particolare spicca la variazione di Venezia con un aumento del +1,2% seguita da quella di Rovigo (+0,8%) e di Treviso (+0,7%).

Il livello dei prezzi ha registrato un aumento del +1,2% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Le imprese artigiane hanno accusato una crescita del +1,2 per cento mentre quelle non artigiane del +1,1%. Per quanto riguarda il profilo dimensionale, come accaduto lo scorso trimestre, l’aumento dei prezzi è stato più marcato per le imprese di media e piccola dimensione (rispettivamente +1,3% e +1,2%), a seguire le grandi imprese (+1%). A livello territoriale a soffrire maggiormente dell’incremento dei prezzi sono Treviso (+1,9%) e Padova (+1,7%) mentre sono risultate sotto la media regionale le variazioni delle altre province.

L’occupazione ha registrato una diminuzione del -0,6% su base annua determinata dalla variazione particolarmente negativa delle imprese artigiane (-1%) mentre quelle non artigiane risultano in lieve ribasso (-0,3%). A livello dimensionale la perdita occupazionale interessa le imprese di piccole dimensioni (-2,3%) che risultano in contrapposizione con le variazioni positive delle medie imprese (+1,8%). Stabile la situazione delle imprese di grandi dimensioni. Sotto il profilo territoriale il dato occupazionale registra variazioni particolarmente negative per la provincia di Treviso (-3%) seguita da Rovigo (-0,9%) mentre spicca positiva quella di Padova (+1%).

Le previsioni sull’andamento del mercato residenziale per i prossimi tre mesi sottolineano il perdurare di una frenata degli investimenti in questo settore e peggiorano rispetto a trimestri precedenti. L’inversione di tendenza tanto attesa da molti operatori non si è concretizzata e anzi si acuiscono le attese negative. Come deboli rimangono gli indicatori sul fronte dell’edilizia non residenziale di nuova costruzione, nonostante alcune buone performance di settori come il commerciale nei trimestri precedenti. 

Anche nel terzo trimestre rimangono stabili le aspettative delle imprese per il mercato delle ristrutturazioni, con un dato pari a +34,7 punti percentuali, simile a quello del trimestre precedente, che conferma ormai da un anno il valore medio delle aspettative, un valore di circa 16 punti percentuali superiore a quello del primo trimestre 2015, segno ormai del definitivo consolidamento di questo mercato. E’ un mercato che presenta aspettative positive anche in ragione degli effetti sull’allargamento delle defiscalizzazioni, che amplia il giudizio positivo delle imprese, soprattutto di quelle artigiane, che vedono in questo settore l’unico ambito di lavoro positivo per il futuro. Dal punto di vista territoriale le aspettative migliori le registrano le province di Vicenza, Venezia e Padova, mentre meno positive sono le province di Rovigo e Belluno.

Per il settore delle opere pubbliche in aumento le aspettative delle imprese che si attendono un mercato invariato, con l’81,9% dei rispondenti che si attende. Previsioni stazionarie (oltre quattro imprese su cinque vede il mercato stabile), segno probabilmente del perdurare di aspettative inizialmente non troppo positive rispetto all’introduzione del nuovo codice degli appalti, che come noto ha creato un blocco rilevante su tutto il comparto come certificato da ANAC, ma anche di una normalizzazione in corso che potrebbe essere più positiva nei prossimi mesi, con lo sblocco del patto di stabilità a partire dal 1° gennaio 2017.

ECONOMIA NEWS

Le bioeconomie in Europa presentato da Banca Intesa Sanpaolo il terzo rapporto

Il settore in Italia (2015) fattura 251 miliardi di euro, l’8,1% della produzione nazionale . In rapporto al totale della produzione, Italia seconda solo alla Spagna (10,8%), superando la Francia (7,5%), la Germania (6,1%) e il Regno Unito (4,7%) 


bioeconomia provetta piantaLa Direzione studi e ricerche di Intesa Sanpaolo, SRM ed Assobiotec hanno presentato nella sala delle assemblee del Banco di Napoli il terzo rapporto dedicato alla bioeconomia in Europa.

Leggi tutto...

La B&B Frutta di Bussolengo (Verona) cresce con un'attenzione all’ambiente e all’educazione alimentare

Proseguono i lavori per i nuovi magazzini frigorifero (8.000 mq) a Santa Maria di Zevio 

BBfruttaProseguono i lavori per la costruzione della nuova sede della B&B Frutta di Bussolengo che sta realizzando a Santa Maria di Zevio (Verona) oltre 8.000 metri quadrati di magazzini frigorifero per un investimento di 5 milioni di euro per lo stoccaggio delle mele commercializzate in tutto il mondo con i marchi  “Rossella” e “Appeal” che saranno completati per la campagna 2017-2018. Un’eccellenza agroalimentare italiana nel mondo, ottenuta da un’attenta selezione della materia prima e fasi di lavorazione in cui il prodotto viene controllato e selezionato manualmente da operatori qualificati.


Leggi tutto...

Barbara Jäger (Business Pool, Bolzano/Innsbruck) eletta nuova presidente dei prestatori di servizi nell’Unione (Confcommercio imprese Bolzano)

«Decisive le competenze linguistiche e sociali dei collaboratori»

Barbara Jäger la nuova presidente dei prestatori di servizi nellUnioneBarbara Jäger (Business Pool, Bolzano/Innsbruck) è la nuova presidente dei prestatori di servizi nell’Unione Confcommercio Imprese di Bolzano. L’esperta di recruiting, organizzazione e sviluppo del personale è stata eletta per acclamazione in occasione della recente seduta del direttivo dei prestatori di servizi, succedendo così a Christoph Rainer, che ha guidato la categoria nei passati sette anni e che continuerà a prestare la propria collaborazione in seno al direttivo del gruppo.

Leggi tutto...

Veneto leader dell’export
con 884 miliardi di euro di beni e prodotti nei paesi membri UE in 50 anni

Bellati: «crescita del Veneto legata al mercato unico, ma c’è ancora troppa concorrenza sleale».
Pozza: «richiesto un rinnovato slancio unitario, una forte volontà politica per assicurare azioni efficienti ed immediate per cittadini e imprese»

convegno 50anni ue cciaa trevisoUn export di 884 miliardi di euro. A tanto ammonta, secondo le stime del Centro Studi Unioncamere Veneto, il valore attualizzato e cumulato delle esportazioni di beni e prodotti del Veneto in Europa dall'entrata in vigore dell'unione doganale tra i Paesi della CEE (1 luglio 1968) ad oggi. Si tratta di circa sei volte il Pil regionale e di circa il 60% del Pil italiano attuali. 

Leggi tutto...

A22: il consiglio di amministrazione approva il bilancio 2016

Utile netto a 71,7 milioni di euro (in calo rispetto ai 76,3 milioni del 2015) su un totale di 331,1 milioni di euro di ricavi

Sede A22L’Autostrada del Brennero continua ad essere una gallina dalle uova d’oro: il consiglio di amministrazione della società ha approvato il bilancio 2016 (che dovrà essere ratificato dall’assemblea dei soci il prossimo 27 aprile) che chiude con un utile netto di esercizio pari a 71,7 milioni di euro, leggermente in calo rispetto al risultato conseguito nel 2015 (76,3 milioni di euro). Soddisfatti il presidente Andrea Girardi e l’amministratore delegato Walter Pardatscher di A22: «anche nel 2016 la Società ha effettuato importanti investimenti volti ad un miglioramento delle infrastrutture autostradali e degli standard di sicurezza dell’A22».

Leggi tutto...

Artigianato Emilia Romagna: segnali di miglioramento per la produzione dalla “Giornata regionale”

A Bologna un incontro promosso dalla Regione con Cna e Confartigianato Costi: «continuiamo a lavorare insieme per affrontare le sfide del nuovo mercato»

artiginatoaSegnali di miglioramento per la produzione delle aziende artigiane nel 2016, un comparto pronto a cogliere le sfide di industria 4.0 e la “green economy”. È quanto in sintesi emerso a Bologna nel corso dei lavori della “Giornata regionale dell’artigianato” promossa dalla Regione Emilia-Romagna in collaborazione con Cna e Confartigianato e alla presenza dei presidenti Paolo Govoni (Cna) e Marco Granelli (Confartigianato), per fare il punto sullo stato di salute e sulle prospettive future del settore.

Leggi tutto...

La veneta OVS (Gruppo Coin) dà il via ad 11 negozi in Slovenia

Con l’apertura dei nuovi punti che si sostituiscono agli esistenti “Charles Vögele”, il marchio raggiunge i 20 negozi. A breve ulteriore espansione in Svizzera, Austria, Germania e Ungheria

negozio ovs firenzeIl marchio italiano Ovs Spa, leader del “fast fashion” appartenente al gruppo Coin, ha avviato un piano di espansione in Slovenia, con l'apertura di 11 negozi, per una superficie di vendita dagli 800 ai 1.000 metri quadrati.

Leggi tutto...

La “nuova” Itas supera tutti gli obiettivi del 2016 pensando a consolidare i risultati ottenuti

Il gruppo assicurativo trentino chiude con un utile consolidato ante-imposte di 25,6 milioni di euro e prosegue con successo il processo di integrazione post acquisizione dell’inglese RSA

Itas direttore ermanno grassi e presidente giovanni di benedettoAd un anno dall’integrazione delle attività italiane dell’inglese Rsa, Itas mette a segno un altro anno positivo, registrando un utile ante-imposte consolidato pari a 25,6 milioni di euro, ampiamente superiore agli obiettivi prefissati da piano industriale. Nonostante le sfidanti condizioni del mercato, il patrimonio del gruppo assicurativo trentino sfiora oggi i 387 milioni di euro, con un aumento di oltre 9 milioni di euro rispetto al 2015. Il patrimonio della capogruppo Itas Mutua vale da solo 329 milioni di euro (+10,2% rispetto al 2015) e la raccolta premi è ora di oltre 740 milioni di euro.

Leggi tutto...

Mediocredito Trentino Alto Adige approva il bilancio 2016

La banca ritorna in utile un anno in anticipo rispetto alle previsioni del piano industriale grazie al buon andamento dell’economia in Trentino Alto Adige, Veneto e Lombardia

Mediocredito Trentino Alto Adige approva il bilancio 2016 direttore Diego Pelizzari con presidente Franco SenesiMediocredito Trentino Alto Adige archivia il 2016 con l’incremento dei volumi di attività, grazie alla graduale ripresa dell’economia e all’incremento della domanda per investimenti da parte delle piccole e medie imprese.

Leggi tutto...

Confcommercio E-R, un grave errore l'abolizione dei buoni lavoro

Postacchini: «si è eliminato uno strumento legale, tracciabile, soggetto a copertura previdenziale e assicurativa, idoneo a coprire prestazioni di lavoro saltuarie e occasionali, e che tutelava nel contempo il lavoratore»

Voucher buono LavoroProsegue la protesta delle categorie economiche a seguito dell’improvvisa e immotivata abrogazione dei buoni lavoro. Per il presidente di Confcommercio Emilia Romagna Enrico Postacchini si tratta di «un grave errore».

Leggi tutto...

Aeroporto Brescia Montichiari: al via il primo collegamento “all-cargo” su Hong Kong via Baku

Silk Way Italia opera al “Gabriele D’Annunzio” con tre collegamenti settimanali

Aeroporto montichiari brescia aero cargo Silk Way Italia merci Alibaba 2Catullo S.p.A., società di gestione degli aeroporti di Verona e Brescia, Save S.p.A., società di gestione dell’aeroporto di Venezia (e azionista di peso del “Catullo”), SW Italia e STO Express hanno annunciato l’attivazione del primo collegamento “all-cargo” su Hong Kong via Baku all’aeroporto di Brescia Montichiari.

Leggi tutto...

Granarolo acquisisce il 60% brasiliana Allfood

Si tratta del principale importatore e distributore prodotti alimentari europei in Brasile 

logo GranaroloGranarolo, il maggiore operatore agroindustriale a capitale Italiano, ha acquisito il 60% di Allfood, primario importatore e distributore di prodotti tipici europei in Brasile. Si tratta della seconda operazione in Brasile negli ultimi due anni da parte del Gruppo emiliano: a fine 2015, Granarolo ha acquisito una partecipazione del 60% di Yema, società specializzata nella produzione e commercializzazione di una vasta gamma di prodotti caseari.

Leggi tutto...

Voucher: per Confcommercio Udine si tratta di «abrogazione demagogica»

Da Pozzo: «lo strumento è stato valido per regolarizzare i picchi stagionali di attività e situazioni di emergenza da parte delle aziende»

voucher buono lavoro valore 75 euroPer il presidente di Confcommercio Udine, Giovanni Da Pozzo l'abrogazione dei voucher è «una decisione demagogica, legata alle convenienze della politica, che ha però come effetto un grave danno alle imprese, già messe all'angolo da pressione fiscale e burocrazia».

Leggi tutto...

Fallisce (per il momento) l’Opa totalitaria Lactalis su Parmalat

Il gruppo francese riapre adesioni a Opa per rimuovere il titolo dal listino di Piazza Affari spostando il termine per aderire dal 29 marzo al 4 aprile. Invariata l’offerta economica, più bassa della quotazione corrente

parmalat carone latte uhtIl Gruppo Lactalis riapre il periodo di adesione all'Opa su Parmalat, allungando dal 29 marzo al 4 aprile il termine per consegnare le azioni detenute. Il gruppo francese, prendendo atto del fatto che il livello di adesioni all'Opa totalitaria finora l'ha portata a detenere una quota di capitale inferiore alla soglia del 90% necessaria per avviare le procedure per la rimozione del titolo dal listino di Piazza Affari a Milano, arrivando all’89,55% del totale circolante.

Leggi tutto...

Bankitalia, ecco la nuova banconota da 50 euro in circolazione dal 4 aprile

Prosegue l’aggiornamento dei biglietti di carta moneta per proteggerli dagli attacchi dei falsari. Pronti 9 miliardi di pezzi che saranno sul mercato affiancando i tagli già in circolazione

nuova banconota 50 euroBankitalia ha avviato una campagna di promozione e comunicazione rivolta agli operatori professionali e al pubblico generico per accompagnare l’introduzione dei nuovi biglietti da 50 euro che inizieranno a circolare il prossimo 4 aprile.

Leggi tutto...

Nasce in Friuli Venezia Giulia, grazie a Friuli Innovazione, il polo per tecnologie additive

Iniziativa in collaborazione con il cluster Comet Metalmeccanica FVG. Feruglio: «tecnologie che si stanno diffondendo rapidamente nella produzione»

stampante 3D additive manifacturing 2Formare in Friuli Venezia Giulia risorse umane con alta specializzazione nelle tecnologie additive in modo molto più rapido che in altre regioni europee e fare in modo che le aziende manifatturiere del territorio possano adottare con facilità queste tecnologie, accrescendo così la loro competitività a livello internazionale.

Leggi tutto...

Stevanato Group: 
fatturato 2016 a 456,1 milioni di euro (+35,3%)

Per l’azienda padovana prosegue il percorso di crescita a doppia cifra

Franco Stevanato Amministratore Delegato Stevanato GroupProsegue il percorso di crescita a doppia cifra di Stevanato Group, specializzato in prodotti, processi e soluzioni per l’industria farmaceutica (packaging da tubo vetro, sistemi in plastica stampati ad iniezione, macchinari per la trasformazione del tubo vetro e sistemi di ispezione, apparecchiature per assemblaggio e soluzioni per la serializzazione).

Leggi tutto...

Veneto Sviluppo: il nuovo presidente è Fabrizio Spagna

Manager e finanziere veneziano, presidente e fondatore di Axia Financial Research. Zaia: «la Finanziaria regionale ha nuovamente una solida guida»

venetosviluppoIl consiglio di amministrazione della finanziaria regionale Veneto Sviluppo ha nominato il suo decimo presidente della storia societaria : si tratta dell'economista e manager veneziano Fabrizio Spagna, classe '65, laureato in economia monetaria a Ca' Foscari di Venezia e specializzato in finanza quantitativa.

Leggi tutto...

Credit Agricole FriulAdria: +8% utile bilancio 2016

Crescita puntando su mutui, agroalimentare e innovazione 

Credit Agricole FriulAdria direttore Roberto Ghisellini presidente Chiara MioIl Consiglio di amministrazione riunito a Pordenone ha approvato il bilancio 2016 di Crédit Agricole FriulAdria che verrà sottoposto all'assemblea degli azionisti di sabato 22 aprile. L'istituto continua a crescere puntando su mutui, agroalimentare e innovazione.

Leggi tutto...

IX rapporto annuale sui distretti industriali di Banca Intesa Sanpaolo: NordEst in vetta

Distretto Prosecco Conegliano-Valdobbiadene in testa per crescita del fatturato (+136%), seguito dall’occhialeria bellunese e dall’alimentare di Parma. Otto distretti veneti tra i primi 15 distretti italiani per fatturato

grafica distretti industriali Fotolia 17132239 XLIl consigliere delegato di Intesa Sanpaolo Carlo Messina, il capo economista Gregorio De Felice e il responsabile della ricerca Industry & Banking Fabrizio Guelpa hanno presentato la nona edizione del Rapporto annuale delle imprese distrettuali.

Leggi tutto...

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.