neq-header.jpg
Stampa
02
Gen

Venezia, Casa dei Tre Oci: le fotografie di Renè Burri e di Ferdinando Scianna.

Ultimi giorni per visitare l’interessante proposta

Di Giovanni Greto

casa tre ociSta per concludersi l’8 gennaio la possibilità di visitare due diversi progetti espositivi autonomi, ospitati nella Casa dei Tre Oci. Al secondo piano, “Il Ghetto di Venezia 500 anni dopo” propone una selezione di 44 scatti in bianco e nero del reportage di Ferdinando Scianna (Bagheria, 4 luglio 1943) che la Fondazione di Venezia, impegnata a diffondere la cultura fotografica in Italia e in particolare a Venezia, ha commissionato al Maestro siciliano, in occasione dei 500 anni dalla istituzione del Ghetto di Venezia (29 marzo 1516).

Come scrive il presidente Giampietro Brunello nella prima prefazione al Catalogo Marsilio, il racconto e la ricerca fotografica hanno tra i principali obiettivi “quello di evidenziare e testimoniare la totale integrazione, fusione del quartiere nella vita cittadina”. E’ “la scommessa di un committente d’arte che crede nella fotografia come espressione del nostro tempo e confida nella creatività e nell’innovazione dell’opera di un grande fotografo”. In tal modo, la Casa dei Tre Oci, ex casa-studio dell’artista Mario De Maria (Marius Pictor), quattro anni dopo un lungo ed accurato restauro, “continua il suo percorso di crescita leggendo il presente ed evocando il passato attraverso la fotografia”.

Il bello di una foto, altre al godimento di un’immagine ben realizzata, è che spesso fa notare a chi la guarda uno o più particolari, che l’occhio nudo in un breve lasso di tempo non era riuscito ad individuare.

Federico Scianna, durante alcune visite a Venezia tra i mesi di maggio e giugno scorsi, si è dimostrato curioso, rispettoso e senza alcun pregiudizio nel descrivere la vita e l’ambiente di una storica comunità. Nonostante stia diradando i propri lavori, Scianna è stato tentato dalla difficile sfida, anche se “subito è scattata l’angoscia che dopo 50 anni di mestiere conosco così bene e non è mai scomparsa. E se non ce la faccio?”.

Acquistano un fascino diverso con gli occhi dell’Autore, luoghi come il campo del Ghetto Nuovo visto dall’alto della Kosher-House “Giardino del Melograno”; le classiche case basse che nei secoli si sono sviluppate in altezza fino a farle definire grattacieli. Sembrano raccontare qualche cosa di importante, esprimere un sentimento, i diversi ritratti, a partire da quello di Ziva Kraus, una gran dama della cultura internazionale, presenza ineludibile nel Ghetto, titolare della prestigiosa Ikona, galleria di mostre fotografiche. Sembra parlare, l’immagine dei visitatori di una comunità ebraica americana, l’obiettivo fermato nel momento di attraversamento del ponte del Ghetto vecchio o quella di turisti ebrei con la Kippah intesta, seduti in un lucido sandalo, guidato da un gondoliere in divisa, visto di spalle, immortalati sorridenti, pronti a salpare per un giro in laguna.

C’è sacralità. Estrema serietà e teatralità nei volti e nei gesti dei rabbini in preghiera, mentre è come un pugno allo stomaco la foto di tre pietre d’inciampo, mattonelle in ottone che si incontrano davanti all’ultima residenza nota dei deportati, a ricordare una fine barbaramente tragica, nei forni del campo di sterminio di Auschwitz, causata dall’incomprensibile, innata cattiveria dell’uomo, un bubbone putrido, difficile da estirpare, oggi come allora.

Il catalogo, cartonato ricoperto, è stato stampato in una confortevole edizione bilingue (italiano e inglese). Da segnalare, prima di tre brevi testi – quello di Denis Curti, direttore artistico della Casa dei tre Oci e curatore della mostra; quello di Donatella Calabi, che commenta il reportage; una postilla finale del fotografo, che confessa la sua passione per un mestiere difficile e l’umiltà, la tenacia e l’attenzione costante – la seconda prefazione, quella del Presidente della Comunità ebraica di Venezia, Paolo Gnignati che così si esprime a proposito della Comunità e del Ghetto: “lo scopo primario della Comunità ebraica è quello di assicurare il mantenimento della connotazione del Ghetto di Venezia, un tempo simbolo drammatico e reale di esclusione e di segregazione, come luogo anche attuale e futuro di vita ebraica, come crocevia culturale, come luogo di studio, di testimonianza civile, di diffusione dei principii di solidarietà, accoglienza e tolleranza, di incontro tra ebrei e non ebrei”.

Oltre alle foto, è interessante la visione di una video-confessione di 60 minuti di Scianna, durante la quale scorrono immagini di foto famose, a partire da quelle delle feste religiose in Sicilia, che segnarono l’inizio di un’amicizia e collaborazione con Leonardo Sciascia; un filmato che riprende il fotografo intento a ritrarre la modella Marpessa Hennink, a rievocare quelle scattate per il catalogo Dolce&Gabbana del 1987, che segnò un nuovo, originale approccio nel campo della moda.

Appaiono totalmente diverse nel modo di esprimersi le oltre cento immagini, distribuite tra pianterreno e piano nobile, di “Utopia”, del fotografo svizzero Renè Burri (1933-2014). Eppure i due professionisti sono accomunati dal fatto di essere entrambi membri della prestigiosa agenzia fotografica Magnus (Burri dal 1959, fino a diventarne Presidente; Scianna dal 1989), fondata nel 1947 da Henri Cartier-Bresson, George Rodger, Robert Capa, David “Chim” Seymour.

Curata da Hans-Michael Koetzle, in stretta collaborazione con Burri, “Utopia” riunisce per la prima volta le fotografie (in bianco e nero, in prevalenza, e a colori) più significative dell’Autore – edifici famosi e ritratti di architetti – e testimonia il suo interesse per l’architettura nei contesti sociale e culturale. A tal proposito, in mostra trovano ampio spazio le immagini della costruzione di quell’impresa utopica che è stata Brasilia, la capitale moderna del Brasile, creata nel 1960 da Oscar Niemeyer, proprio mentre in campo musicale stava nascendo la Bossanova che avrebbe conquistato le platee di tutto il mondo. Ampio spazio è riservato anche a Le Corbusier, che influenzò talmente il giovane fotografo, al punto che Burri, con i suoi 3000 negativi a riguardo, è considerato il portavoce visivo e ufficiale dell’architetto svizzero. Non poteva mancare, visto il primario interesse di Burri verso la Cina – un’antica civiltà che a metà del secolo scorso cercò nuove soluzioni per superare la carestia, l’analfabetismo e l’aumento demografico vorticoso – uno scatto del 1989, a colori, dedicato alle proteste in piazza Tiananmen di Pechino, dove l’arroganza crudele e spietata spezzò un anelito generale di libertà. Anche in questo caso, “Utopia” rispecchia la passione di Burri per i viaggi attorno al mondo, in particolare verso quelle regioni in cui gli eventi contemporanei si sono svolti in un contesto storico eccezionalmente ricco. Ecco dunque, accanto a piazza Tiananmen, le foto della caduta del muro di Berlino, della porta di Magdeburgo, il carattere “sovietico” della Camera dei Deputati di Berlino est, colta dall’obiettivo nel 1989, una panoramica desolante sulla Maarad street di Beirut(1991).

CULTURA & SPETTACOLI NEWS

Per “I concerti delle 18” il recital pianistico di Michele Campanella

Al Teatro “Verdi” di Pordenone programma monografico su Liszt

Michele Campanella 2“I concerti delle 18” - l’innovativo spazio musicale ideato dal Teatro “Verdi” per offrire al pubblico un ascolto profondo di musicisti diversi per età, esperienze e attività - entrano nel vivo con un incontro-concerto tutto dedicato a Franz Liszt.

Leggi tutto...

L’Orchestra Concerto de’ Cavalieri per alla Società Filarmonica di Trento

L’ensemble specializzata nella musica antica italiana propone un programma spaziante da Vivaldi a Corelli passando per Albinoni, Scarlatti e Sarro

filartn Concerto de Cavalieri strings credit Paolo Soriani 1Il Concerto de’ Cavalieri si è rapidamente imposto all’attenzione del pubblico come una delle formazioni di maggiore interesse nel panorama della musica antica italiana ed è protagonista della serata musicale organizzata dalla Società Filarmonica di Trento per lunedì 19 febbraio (ore 20.30).

Leggi tutto...

I “Cameristi di Santa Ceclia” al “Ridotto” del Teatro “Verdi” di Trieste per la Stagione della Chamber Music

Pagine per flauto e quartetto d’archi nel programma del concerto all’insegna della “felicità ivnentiva” di Mozart, Boccherini e Reicha

Cameristi Santa Cecilia di RomaE’ dedicato alla “Felicità inventiva”, leitmotiv delle migliori pagine composte per Quartetto d’Archi e flauto solista da Wolfgang Amadeus Mozart, Luigi Boccherini ed Antonin Reicha, il secondo concerto in calendario per la Stagione cameristica 2018 dell’Associazione Chamber Music Trieste.

Leggi tutto...

Parma è Capitale italiana della cultura 2020

La soddisfazione del sindaco Pizzarottii del presidente della regione Bonaccini. Saranno aperti nuovi spazi e “sonorizzati” i quartieri

parma 2020Nel 2017 aveva chinato il capo a Pistoia nonostante volesse celebrare con la nomina a capitale italiana della cultura i 2200 anni di vita, questa volta ce l'ha fatta forte di un dossier corposo ed articolato e della spinta di tutta la città, dal mondo delle imprese a quello della cultura passando per la politica. Al secondo tentativo Parma conquista il titolo ambito di cuore culturale del paese. 

Leggi tutto...

Al Teatro “Verdi” di Pordenone Axelrod dirige la Filarmonica “Arturo Toscanini” con Maurizio Baglini al pianoforte e Daniele Titti al clarinetto

Il concerto è interamente dedicato al musical americano, da Ellington a Gershwin

John AxelrodConcerto irresistibile quello di sabato 17 febbraio (ore 20.45) al Teatro “Verdi” di Pordenone per una delle serate musicali più attese del cartellone 2017/2018: John Axelrod - direttore generale della Real Orquesta Sinfónica de Sevilla (ROSS) – salirà sul podio per dirigere la Filarmonica “Arturo Toscanini”, con due solisti d’eccezione: Maurizio Baglini al pianoforte e al primo clarinetto dell’orchestra Daniele Titti.

Leggi tutto...

A palazzo Loredan a Venezia la mostra “Il mondo che non c’era. L’arte precolombiana nella collezione Ligabue”

La ricchezza culturale delle civiltà precolombiana poi saccheggiata dai Conquistadores europei

il mondo che non c eraGuardando la mostra “Il Mondo che non c’era” si impone una riflessione. Civiltà culturalmente avanzate, rimaste sconosciute per millenni, sono state sterminate dai “Conquistadores” europei, non appena scoperte. “Conquistatori”. Sembra un sostantivo dalla connotazione positiva. Si conquista la vetta di una montagna, il titolo mondiale di uno sport, un uomo, una donna, e via discorrendo. Ma quando si cancellano con la violenza e con l’inganno popoli che non volevano far del male all’invasore e li si depreda dei loro averi, dando vita ad una vergognosa corsa all’oro (il leggendario “Eldorado”), se si è una persona dotata di un’anima, minimo minimo, si dovrebbe essere tormentati dal rimorso vita natural durante.

Leggi tutto...

Fondazione Arena di Verona, il direttore Allemandi e il violinsta Krylov protagonisti del secondo concerto della Stagione sinfonica

Al Teatro Filarmonico saranno eseguite pagine di Paganini, Berlioz e Kodály

Orchestra e Coro dellArena di Verona FotoEnnevi 260517Venerdì 16 febbraio (ore 20.00; replica sabato 17 febbraio, ore 17.00), prosegue la Stagione sinfonica 2018 di Fondazione Arena al Teatro Filarmonico di Verona con il secondo concerto in programma su musiche di Paganini, Berlioz e Kodály.

Leggi tutto...

Negli spazi di Ca’ Foscari a Venezia la mostra “Il gioiello della Via della Seta: arte buddhista di Dunhuang”

Per la prima volta in Italia, la mostra ha già fatto tappa al Paul Getty Conservation Institute di Los Angeles e alla The Prince’s School of Traditional Arts di Londra

Dunhuang arte rupestre buddha 2Per la prima volta in Italia, negli Spazi Espositivi dell’Università Ca’ Foscari, sarà possibile “esplorare” il magnifico complesso rupestre di Dunhuang, situato nella provincia occidentale cinese del Gansu, fra l’altopiano del Tibet, la Mongolia e il deserto del Gobi, grazie alla mostra “Il gioiello della Via della Seta: Arte buddhista di Dunhuang” che si terrà dal 22 febbraio all’8 aprile nella sede centrale dell’ateneo veneziano.

Leggi tutto...

Società Filarmonica di Trento, prosegue la Stagione con il recital pianistico di Yulianna Avdeeva

Seconda donna a trionfare al concorso “Chopin” dopo Martha Argerich, in programma l’esecuzione di pagine di Bach e Chopin

05.Avdeeva C Schneider 8Prosegue la Stagione dei concerti della Società Filarmonica di Trento con l’appuntamento con una prestigiosa pianista mercoledì 14 febbraio (ore 20.30). La popolarità internazionale di Yulianna Avdeeva si deve alla sua indiscutibile vittoria al concorso Chopin del 2010, prima donna a trionfare in 45 anni dopo Martha Argerich. Da allora la pianista russa, nata a Mosca nel 1985, ha intrapreso una carriera di livello mondiale percorsa con discrezione, senza nessuna frenesia. 

Leggi tutto...

Il magico violoncello di Mario Brunello inaugura la Stagione sinfonica della Fondazione Arena di Verona

Il musicista nel doppio ruolo di solista e direttore interpreta pagine di Bach, Kourliandski e Saint-Saëns

Brunello GiulioFavotto 7Venerdì 9 febbraio (ore 20.00; replica sabato 10 febbraio alle ore 17.00), la Fondazione Arena inaugura la Stagione sinfonica 2018 al Teatro Filarmonico di Verona con un concerto di Mario Brunello nel doppio ruolo di sirettore dell’Orchestra areniana ed interprete solista sia al violoncello che al violoncello piccolo.

Leggi tutto...

Teatro “Verdi” di Pordenone: ai nastri di partenza la nuova edizione de “I concerti delle 18”

Il palcoscenico diventa territorio aperto al dialogo tra artisti e pubblico intorno alla musica un crocevia di idee, sperimentazioni e proposte formative. Sei appuntamenti da febbraio a maggio

Michele Campanella 2Al via la nuova edizione de “I concerti delle 18”, uno spazio musicale innovativo dove il palcoscenico del Teatro “Verdi” di Pordenone diventa vero e proprio territorio culturale creativo. Dal 6 febbraio a 2 maggio, per sei diversi incontri-concerto (con inizio alle ore18.00), artisti e pubblico condivideranno lo spazio e il dialogo attorno all’esperienza musicale.

Leggi tutto...

In mostra al Castello Estense di Ferrara la collezione Cavallini Sgarbi

Visibili 130 opere tra dipinti e sculture, dall'inizio del Quattrocento alla metà del Novecento

mostra Cavallini SgarbiCentotrenta opere tra dipinti e sculture, dall'inizio del Quattrocento alla metà del Novecento: è “La Collezione Cavallini Sgarbi. Da Niccolò dell'Arca a Gaetano Previati. Tesori d'arte per Ferrara” appena inaugurata negli spazi del Castello Estense, frutto di circa quarant'anni di collezionismo appassionato realizzato da Vittorio Sgarbi con la madre Caterina “Rina” Cavallini e con la presenza silenziosa di Giuseppe Sgarbi, scomparso pochi giorni fa a 97 anni.

Leggi tutto...

“The Grandfather Platform” a Palazzo Magnani di Bologna

Incontri ravvicinati con gli affreschi dei Carracci per un viaggio emozionale sospeso tra il tempo e lo spazio

The Grandfather PlatformUn viaggio nel tempo e nello spazio, dentro e attraverso superfici, storia e futuro. Un’esperienza per i sensi e per l'anima in un’originale mostra d’arte che, grazie ad una monumentale piattaforma interattiva, consente incontri ravvicinati con gli affreschi realizzati da Ludovico, Agostino e Annibale Carracci nel tardo Cinquecento, tra vibrazioni dallo spazio, buchi neri e realtà aumentata. E’ “The Grandfather Platform”, “opera site specific” pensata dall’artista milanese Luca Pozzi per Palazzo Magnani.

Leggi tutto...

Mart 2018: i programmi espositivi e le prospettive per il consolidamento dell’istituzione culturale trentina in Italia e all’estero

Maraniello: «alle Olimpiadi 2020 presenteremo progetti di ricerca sul Novecento a Tokyo»

Mart Gianfranco Maraniello e Ilaria Vescovi nella piazza del Mart Foto Daniele MontigianiIl Mart, Museo d’arte moderna di Rovereto e Trento, si conferma una realtà sempre più consolidata nel campo della cultura ed in particolare dell’arte moderna e del Novecento in Italia e, soprattutto, all’estero. Il suo direttore, Gianfranco Maraniello, ha fatto il punto della situazione e della programmazione relativa al 2018 e agli anni futuri, coinvolgendo anche gli sponsor che affiancano il Museo.

Leggi tutto...

“Centrodarte 18”, la nuova rassegna della storica associazione patavina.

11 appuntamenti da febbraio a maggio all’insegna della musica di qualità

di Giovanni Greto

centrodarte18Sulla scia di un successo di pubblico in costante crescita, a dimostrazione che musica di ricerca non è sinonimo di musica “di nicchia”, con il concerto del trio Brotzmann – Parker – Drake alla Sala dei Giganti al Liviano (ore 21.00, un orario valido per tutti i concerti), si apre venerdì 2 febbraio la nuova stagione del Centro d’Arte, associazione che si conferma sempre più una realtà imprescindibile della produzione culturale di Padova, radicata solidamente fin dalle sue origini a quella dell’Università, ma anche della vita musicale di una città tradizionalmente aperta alle più vivaci esperienze internazionali.

Leggi tutto...

“Otello” di Verdi inaugura la Stagione lirica della Fondazione Arena di Verona

Appuntamento al Teatro Filarmonico dal 4 all’11 febbraio

FOndazione arenaverona presentazione 2018 OTELLO Micheli Fogliani Gasdia Zanettin Benedikt Stoyanov FotoEnneviDomenica 4 febbraio 2018 (ore 15.30; repliche martedì 6 febbraio, ore 19.00 - giovedì 8 febbraio, ore 20.00 - domenica 11 febbraio ore 15.30) torna sulla scena del Teatro Filarmonico di Verona, dopo quasi 30 anni, “Otello” di Giuseppe Verdi con cui la Fondazione Arena inaugura ufficialmente la Stagione lirica 2018.

Leggi tutto...

Orchestra “Haydn”: concerto evento con lo Stradivari di Anna Tifu

Sul podio la bacchetta di John Axelrod. In programma il celebre concerto per violino e orchestra di Mendelssohn Bartholdy, oltre a pagine di Schreker e Weill

tifu axelrod«Anna è uno dei talenti più straordinari che mi sia capitato d’incontrare». Così il violinista Salvatore Accardo parla della 32enne violinista Anna Tifu, che sarà protagonista del prossimo appuntamento della 58a Stagione concertistica dell’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento.

Leggi tutto...

Il violoncello di Adolfo Gutiérrez Arenas alla Società Filarmonica di Trento

In duo con la pianista Nicola Eimer, proposte pagine di Bloch, Brahms, Beethoven e Franck

Adolfo Gutierrez Arenas3Interessante appuntamento con il duo Adolfo Gutiérrez Arenas (violoncello) e Nicola Eimer (pianoforte) quello di lunedì 29 gennaio (ore 20.30) alla sala dei concerti della Società Filarmonica di Trento.

Leggi tutto...

La XVIII edizione del “Festival Verdi” di Parma mostra la sua “rivoluzione”

Abbado: «iniziativa ormai entrata nel circuito festival internazionali di prestigio»

festival verdi parmaL'anno scorso ha fatto scalpore lo “Stiffelio” con la regia di Graham Vick andato in scena nel secentesco teatro Farnese. Quest'anno al festival Verdi di Parma, per la diciottesima edizione, le esperienze “rivoluzionarie”, o almeno insolite, sono almeno due. 

Leggi tutto...

Teatro Comunale di Modena: la Stagione lirica riparte con “Il Trittico” di Puccini

Repliche nei teatri di Piacenza, Reggio Emilia e Ferrara. Anna Pirozzi e Ambrogio Maestri tra gli interpreti del capolavoro in tre atti unici

trittico pucciniCon “Il Trittico” di Giacomo Puccini, capolavoro costituito dai tre atti unici (Il Tabarro, Suor Angelica e Gianni Schicchi), il 26 gennaio (ore 20.00) riprende la stagione lirica del Teatro Comunale di Modena. 

Leggi tutto...

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.