neq-header.jpg
Stampa
02
Gen

Venezia, Casa dei Tre Oci: le fotografie di Renè Burri e di Ferdinando Scianna.

Ultimi giorni per visitare l’interessante proposta

Di Giovanni Greto

casa tre ociSta per concludersi l’8 gennaio la possibilità di visitare due diversi progetti espositivi autonomi, ospitati nella Casa dei Tre Oci. Al secondo piano, “Il Ghetto di Venezia 500 anni dopo” propone una selezione di 44 scatti in bianco e nero del reportage di Ferdinando Scianna (Bagheria, 4 luglio 1943) che la Fondazione di Venezia, impegnata a diffondere la cultura fotografica in Italia e in particolare a Venezia, ha commissionato al Maestro siciliano, in occasione dei 500 anni dalla istituzione del Ghetto di Venezia (29 marzo 1516).

Come scrive il presidente Giampietro Brunello nella prima prefazione al Catalogo Marsilio, il racconto e la ricerca fotografica hanno tra i principali obiettivi “quello di evidenziare e testimoniare la totale integrazione, fusione del quartiere nella vita cittadina”. E’ “la scommessa di un committente d’arte che crede nella fotografia come espressione del nostro tempo e confida nella creatività e nell’innovazione dell’opera di un grande fotografo”. In tal modo, la Casa dei Tre Oci, ex casa-studio dell’artista Mario De Maria (Marius Pictor), quattro anni dopo un lungo ed accurato restauro, “continua il suo percorso di crescita leggendo il presente ed evocando il passato attraverso la fotografia”.

Il bello di una foto, altre al godimento di un’immagine ben realizzata, è che spesso fa notare a chi la guarda uno o più particolari, che l’occhio nudo in un breve lasso di tempo non era riuscito ad individuare.

Federico Scianna, durante alcune visite a Venezia tra i mesi di maggio e giugno scorsi, si è dimostrato curioso, rispettoso e senza alcun pregiudizio nel descrivere la vita e l’ambiente di una storica comunità. Nonostante stia diradando i propri lavori, Scianna è stato tentato dalla difficile sfida, anche se “subito è scattata l’angoscia che dopo 50 anni di mestiere conosco così bene e non è mai scomparsa. E se non ce la faccio?”.

Acquistano un fascino diverso con gli occhi dell’Autore, luoghi come il campo del Ghetto Nuovo visto dall’alto della Kosher-House “Giardino del Melograno”; le classiche case basse che nei secoli si sono sviluppate in altezza fino a farle definire grattacieli. Sembrano raccontare qualche cosa di importante, esprimere un sentimento, i diversi ritratti, a partire da quello di Ziva Kraus, una gran dama della cultura internazionale, presenza ineludibile nel Ghetto, titolare della prestigiosa Ikona, galleria di mostre fotografiche. Sembra parlare, l’immagine dei visitatori di una comunità ebraica americana, l’obiettivo fermato nel momento di attraversamento del ponte del Ghetto vecchio o quella di turisti ebrei con la Kippah intesta, seduti in un lucido sandalo, guidato da un gondoliere in divisa, visto di spalle, immortalati sorridenti, pronti a salpare per un giro in laguna.

C’è sacralità. Estrema serietà e teatralità nei volti e nei gesti dei rabbini in preghiera, mentre è come un pugno allo stomaco la foto di tre pietre d’inciampo, mattonelle in ottone che si incontrano davanti all’ultima residenza nota dei deportati, a ricordare una fine barbaramente tragica, nei forni del campo di sterminio di Auschwitz, causata dall’incomprensibile, innata cattiveria dell’uomo, un bubbone putrido, difficile da estirpare, oggi come allora.

Il catalogo, cartonato ricoperto, è stato stampato in una confortevole edizione bilingue (italiano e inglese). Da segnalare, prima di tre brevi testi – quello di Denis Curti, direttore artistico della Casa dei tre Oci e curatore della mostra; quello di Donatella Calabi, che commenta il reportage; una postilla finale del fotografo, che confessa la sua passione per un mestiere difficile e l’umiltà, la tenacia e l’attenzione costante – la seconda prefazione, quella del Presidente della Comunità ebraica di Venezia, Paolo Gnignati che così si esprime a proposito della Comunità e del Ghetto: “lo scopo primario della Comunità ebraica è quello di assicurare il mantenimento della connotazione del Ghetto di Venezia, un tempo simbolo drammatico e reale di esclusione e di segregazione, come luogo anche attuale e futuro di vita ebraica, come crocevia culturale, come luogo di studio, di testimonianza civile, di diffusione dei principii di solidarietà, accoglienza e tolleranza, di incontro tra ebrei e non ebrei”.

Oltre alle foto, è interessante la visione di una video-confessione di 60 minuti di Scianna, durante la quale scorrono immagini di foto famose, a partire da quelle delle feste religiose in Sicilia, che segnarono l’inizio di un’amicizia e collaborazione con Leonardo Sciascia; un filmato che riprende il fotografo intento a ritrarre la modella Marpessa Hennink, a rievocare quelle scattate per il catalogo Dolce&Gabbana del 1987, che segnò un nuovo, originale approccio nel campo della moda.

Appaiono totalmente diverse nel modo di esprimersi le oltre cento immagini, distribuite tra pianterreno e piano nobile, di “Utopia”, del fotografo svizzero Renè Burri (1933-2014). Eppure i due professionisti sono accomunati dal fatto di essere entrambi membri della prestigiosa agenzia fotografica Magnus (Burri dal 1959, fino a diventarne Presidente; Scianna dal 1989), fondata nel 1947 da Henri Cartier-Bresson, George Rodger, Robert Capa, David “Chim” Seymour.

Curata da Hans-Michael Koetzle, in stretta collaborazione con Burri, “Utopia” riunisce per la prima volta le fotografie (in bianco e nero, in prevalenza, e a colori) più significative dell’Autore – edifici famosi e ritratti di architetti – e testimonia il suo interesse per l’architettura nei contesti sociale e culturale. A tal proposito, in mostra trovano ampio spazio le immagini della costruzione di quell’impresa utopica che è stata Brasilia, la capitale moderna del Brasile, creata nel 1960 da Oscar Niemeyer, proprio mentre in campo musicale stava nascendo la Bossanova che avrebbe conquistato le platee di tutto il mondo. Ampio spazio è riservato anche a Le Corbusier, che influenzò talmente il giovane fotografo, al punto che Burri, con i suoi 3000 negativi a riguardo, è considerato il portavoce visivo e ufficiale dell’architetto svizzero. Non poteva mancare, visto il primario interesse di Burri verso la Cina – un’antica civiltà che a metà del secolo scorso cercò nuove soluzioni per superare la carestia, l’analfabetismo e l’aumento demografico vorticoso – uno scatto del 1989, a colori, dedicato alle proteste in piazza Tiananmen di Pechino, dove l’arroganza crudele e spietata spezzò un anelito generale di libertà. Anche in questo caso, “Utopia” rispecchia la passione di Burri per i viaggi attorno al mondo, in particolare verso quelle regioni in cui gli eventi contemporanei si sono svolti in un contesto storico eccezionalmente ricco. Ecco dunque, accanto a piazza Tiananmen, le foto della caduta del muro di Berlino, della porta di Magdeburgo, il carattere “sovietico” della Camera dei Deputati di Berlino est, colta dall’obiettivo nel 1989, una panoramica desolante sulla Maarad street di Beirut(1991).

CULTURA & SPETTACOLI NEWS

La pianista monegasca Sophie Pacini in recital alla Società Filarmonica di Trento

Concerto spaziante da Chopin, Beethoven a Liszt

sophie paciniIl viaggio di ricerca musicale di nuovi interpreti da proporre al proprio pubblico da parte della Società Filarmonica di Trento ha trovato una prima fermata appena di là dalle Alpi, nella città di Monaco dove nel 1991 nasceva, da padre italiano, Sophie Pacini, pianista raffinata formatasi poi al Mozarteum di Salisburgo e guidata al diploma da Pavel Gililov che venerdì 17 febbraio (ore 20.45) s’esibisce sul palco della sala dei concerti di Via Verdi. 

Leggi tutto...

Per la Stagione d’opera invernale della Fonazione Arena di Verona “I Capuleti e i Montecchi”

Al Teatro Filarmonico l’opera di Bellini dal 19 al 26 febbraio

2013 TF I Capuleti e i Montecchi atto I 03 11 dl foto Ennevi 126Domenica 19 febbraio 2017 (ore 15.30; replica martedì 21 febbraio, ore 19.00; giovedì 23 febbraio, ore 20.00; domenica 26 febbraio, ore 15.30) al Teatro Filarmonico debutta l’opera “I Capuleti e i Montecchi” di Vincenzo Bellini, terzo titolo operistico della Stagione artistica 2016-2017.

Leggi tutto...

A Trento torna l’Operetta con “La duchessa del Bal Tabarin”

In scena giovedì 16 febbraio al Teatro Sociale a cura della Compagnia “Teatro Musica Novecento”

Duchessa del bal tabarin 2Al Teatro Sociale di Trento, giovedì 16 febbraio (ore 20.30) torna l’operetta con un titolo di Carlo Lombardo, del quale la Compagnia “Teatro Musica Novecento” porta in scena la sua opera prima, “La duchessa del Bal Tabarin”.

Leggi tutto...

Viaggio nella letteratura flautistica del XIX secolo al “Tartini” di Trieste

Il Quartetto di flauti del Conservatorio interpreta «Arabesques, quattro flauti a Parigi”

Concerto n. 5 15 febbraio 2017 quattro flauti Foto quartetto n.2 copiaIl flauto e la letteratura musicale fiorita intorno a questo strumento nel corso del XIX secolo, sono al centro del concerto della Stagione inverno – primavera 2017 del Conservatorio “Tartini” di Trieste:  mercoledì 15 febbraio (ore 20.30) nella Sala Tartini, sipario su “Arabesques, Quattro flauti a Parigi”, il concerto che vedrà protagoniste Arianna Russolo, Lucia Jankovski, Daniela Petkoska e Urša Časar, ovvero il Quartetto di Flauti del Tartini.

Leggi tutto...

Il "Romantik Duo” Miriam Prandi (violoncello) e Alexander Romanovsky (piano) per la Stagione della Chamber Music Trieste

Nella sala dei concerti del “Verdi” di Trieste in programma pagine di Schumann, Mendelssohn e Chopin

prandi romanovskiSi preannuncia come un vero “Romantik Duo”, quello formato dalla violoncellista Miriam Prandi, sensibilissima interprete allieva di Natalia Gutman e capace di esprimere al meglio le composizioni di Giovanni Sollima, e dal pianista russo Alexander Romanovsky, vincitore del prestigioso Concorso “Busoni” di Bolzano. Due musicisti di raro talento, capaci di mettere d’accordo critica, pubblico e teatri nelle ultime stagioni, e per questo impegnatissimi sulle scene musicali di tutto il mondo, sia sul versante solistico che con il loro affiatato Ensemble.

Leggi tutto...

Le ricerche sugli impianti cocleari premiate dalla Fondazione Medisite francese per la neuroscienza

Il riconoscimento a Francesco Pavani, direttore del programma di dottorato in “Cognitive and Brain Sciences” del Centro interdipartimentale Mente/Cervello (CIMeC) dell’Università di Trento

Unitn premio per impianti cocleari Francesco Pavani e Alessandro FarnéPremio di ricerca francese per Francesco Pavani, direttore del programma di dottorato in “Cognitive and Brain Sciences” del Centro interdipartimentale Mente/Cervello (CIMeC) dell’Università di Trento. Pavani ha ricevuto il premio “Neuroscience 2016” della Fondazione Medisite che, creata nel 2014 sotto l'egida della Fondation de France, intende sostenere i gruppi di studiosi impegnati nelle neuroscienze, nella ricerca di base come in quella clinica.

Leggi tutto...

I “Balli Veneziani” per il primo concerto dei Sonatori de la Gioiosa Marca all’Auditorium “Lo Squero”

Sabato 11 febbraio, in concomitanza con l’apertura del Carnevale di Venezia, eseguita la musica da ballo tipica del ’600

Sonatori De La Gioiosa Marca e1461050503160Sabato 11 febbraio (ore 17.00) si esibiranno per la prima volta all’Auditorium “Lo Squero” della Fondazione Cini all’isola di San Giorgio a Venezia I Sonatori de la Gioiosa Marca, ensemble strumentale dallo stile personale e coinvolgente.

Leggi tutto...

Il Quartetto Lyskamm per il secondo appuntamento della Stagione di concerti di Musikàmera

Appuntamento nelle Sale Apollinee del Teatro La Fenice di Venezia per l’esecuzione di quartetti di Bartok e di Ravel

Di Giovanni Greto

Quartetto LyskammIl Quartetto Lyskamm sarà protagonista del secondo appuntamento della stagione di concerti di musica da camera promossa da Musikàmera in collaborazione con il Teatro La Fenice. Sabato 11 febbraio 2017 (ore 20.00; replica domenica 12 febbraio 2017, ore 20.00), nelle Sale Apollinee del Teatro in Campo San Fantin la formazione italiana eseguirà due capolavori della letteratura quartettistica: il Quartetto per archi n. 6 di Béla Bartók e il Quartetto per archi in fa maggiore di Maurice Ravel.

Leggi tutto...

Mart, presentato il programma di attività 2017

Il 2016 si è chiuso con l’aumento dei visitatori, la riduzione dei costi operativi, la riorganizzazione delle Collezioni museali e la nuova pianta organica. Soddisfazione del direttore Maraniello e della presidente Vescovi

MART Ilaria vescovi gianfranco maranielloÈ positivo il bilancio annuale del Mart. Sono tanti gli indicatori che consentono di esprimere soddisfazione, tra cui il numero dei visitatori in crescita. Un museo pubblico è però molto più dei propri visitatori e degli indicatori economici: è patrimonio, attività, progetti, ricerca, comunità, territorio, sinergie, persone.
Il 2016 è stato un anno di sfide importanti – alcune delle quali non ancora chiuse – e gli evidenti risultati sono un invito a procedere nella direzione segnata, per migliorare ancora e costantemente. I risultati di gestione del museo sono stati presentati dalla presidente Ilaria Vescovi e dal direttore Gianfranco Maraniello.

Leggi tutto...

“Maestros napolitanos: Francesco Durante - José de Nebra” alla Fondazione Cini di Venezia

Concerto di chiusura dei Seminari di musica antica all’insegna della musica napoletana nella Spagna barocca

Di Giovanni Greto

Squero fondazione Cini Venezia 1Come ogni anno, a conclusione dei Seminari di Musica Antica Egida Sartori e Laura Alvini, diretti da Pedro Memelsdorff (7-10 febbraio), ci sarà un concerto, venerdì 10 febbraio (ore18.00), di ringraziamento alla Fondazione Cini, che come sempre li ospita, e nello stesso tempo di apertura verso un pubblico di appassionati e di studiosi. Per la prima volta il luogo prescelto è il nuovo auditorium Lo Squero, che si sta imponendo nel cuore di molti spettatori per la qualità acustica e la collocazione in mezzo alla laguna.

Leggi tutto...

Il “Vinny Golia Trio” al cinema Torresino di padova

Prosegue la rassegna Jazz “Centrodarte17”

di Giovanni Greto

Vinny Golia milano 730x490Martedì 7 febbraio (ore 21.00) al cinema Torresino di Padova per la rassegna Centrodarte17 si riascolta, con un trio inedito, il sassofonista Vinny Golia, protagonista di primo piano della scena free jazz californiana, accompagnato da Bernard Santacruz al contrabbasso e Cristiano Calcagnile alla batteria.

Leggi tutto...

Il virtuosismo di Uto Ughi e dei Solisti Veneti a Rovereto

Appuntamento al Teatro Zandonai con il più famoso violinista italiano impegnato nell’esecuzione di Bach, Haydn e Sarasate

uto ughi claudio scimoneA Rovereto un evento artistico di assoluta eccezione: il 10 febbraio (ore 20.45) nel Teatro Zandonai di Rovereto i Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone accompagneranno il più famoso violinista italiano Uto Ughi in un recital di eccezione.

Leggi tutto...

Nuova proposta musicale di Ada Montellanico

Esce per Incipit Records il nuovo CD in memoria di Abbey Lincoln, “Abbey’s Road”

Di Giovanni Greto

ada montellanico abbeys roadA distanza di cinque anni dall’incisione di “Suono di donna”, Ada Montellanico  ritorna in uno studio di registrazione, spinta dal desiderio di dare concretezza ad un nuovo progetto dedicato a composizioni scritte e/o interpretate da Abbey Lincoln (Chicago, 6 agosto 1930 – New York, 14 agosto 2010). L’artista si chiamava in realtà Annamarie Wooldridge. Abbey Lincoln è un nome d’arte creatogli ad inizio carriera dal suo manager, il quale pensò a “Westminster Abbey” e ad “Abraham Lincoln” unendo insieme la seconda parte di ciascuno dei due sostantivi.

Leggi tutto...

A Pordenone decolla l’edizione 2017 di “Musicainsieme”

Domenica 5 febbraio all’Auditorium “Zanussi” il duo Tchakerian-Redaelli all’insegna della musica russa

sonig tchakerian1Sarà “Musicainsieme” 2017 a siglare l’avvio della Stagione musicale annuale a Casa Zanussi, domenica 5 febbraio (ore 11.00) all’Auditorium Lino Zanussi con un grande concerto, affidato a un duo che esprime la migliore tradizione cameristica italiana: la violinista veneta di origine armena Sonig Tchakerian e la pianista milanese Stefania Redaelli.

Leggi tutto...

“Artico. Ultima frontiera”: reportage in bianco e nero del territorio ghiacciato

Mostra con 120 immagini di tre fotografi visitabile alla Casa dei tre Oci fino al prossimo 2 aprile

Di Giovanni Greto

Mostra casa tre oci artico ultima frontiera Carsten Egevang East Greenland Scoresbysund 2016 Carsten EgevangLa Casa dei tre Oci, ormai sinonimo consolidato di fotografia per la città di Venezia, dedica il suo ultimo progetto artistico agli spazi immensamente candidi dell’oceano Artico. Paesaggi di rara bellezza, legati ad una fauna di orsi polari, renne, foche, trichechi, volpi, lepri, caribù, attirano chi si reca in visita di “Artico. Ultima frontiera”.

Leggi tutto...

A Rovereto terzo appuntamento con “Musica Macchina” con l’Orchestra di Bolzano e Trento “Haydn”

All’auditorium Melotti Giovanni Battista Rigon dirige pagine di Tommasini, Ravel e Sciarrino

18 09 2016 Orchestra Haydn dir Valcuha Lunedì 6 febbraio (ore 21.00) all'Auditorium “Melotti” di Rovereto (Tn) il terzo appuntamento stagionale con la rassegna “Musica Macchina” promossa dal Centro Servizi Culturali S. Chiara con l'Orchestra “Haydn” di Bolzano e Trento diretta  da Giovanni Battista Rigon. Il concerto, realizzato in collaborazione con l'Associazione Filarmonica di Rovereto e “Settenovecento” – Incontri Musicali a Rovereto, prevede l'esecuzione di  pagine musicali di Vincenzo Tommasini (1878-1950), Maurice Ravel (1875-1937) e Salvatore Sciarrino (1947).

Leggi tutto...

Alla mostra “Oltre l’Uomo: da Leonardo alle biotecnologie” di Schio arriva un presito di “Real Bodies”

In mostra organi umani plastilinati dal notevole effetto scenografico e scientifico

real bodies piede plastilinatoAlla mostra vicentina “Oltre l’Uomo: da Leonardo alle Biotecnologie”, sabato 4 febbraio a Schio alle ore 16.00 verrà svelata al pubblico una teca in vetro contenente organi umani provenienti dalla mostra americana “Real Bodies”, attualmente a Milano, dove ha registrato in pochi mesi oltre 150.000 visitatori. “Real Bodies” è una mostra itinerante che presenta veri e propri corpi umani che ha visto code chilometriche agli ingressi anche nelle recenti edizioni di Jesolo e Lisbona, per un totale complessivo di circa 400.000 visitatori.

Leggi tutto...

Il Trio Boccherini per la Stagione della Filarmonica di Trento

In programma pagine di Sibelius, Beethoven, Kodály e Cras

filartn Trio BoccheriniPer il cartellone della Società Filarmonica di Trento, martedì 7 febbraio (ore 20.45) sul palco della sala dei concerti di via Verdi arriva il Trio Boccherini fondato a Berlino nel 2014 da tre giovanissimi musicisti (Suyeon Kang, violino; Vicki Powell, viola; Paolo Bonomini, violoncello) dalle più diverse provenienze geografiche e culturali.

Leggi tutto...

“Prima dell’alfabeto. Viaggio in Mesopotamia alle origini della scrittura” a Venezia

Palazzo Loredan ospita fino al 25 aprile l’ultima proposta della fondazione Giancarlo Ligabue

Di Giovanni Greto

babilonia ligabue prima dellalabetoNon è una mostra da vedere in fretta, perché la si deve assaporare. Ed è preferibile entrare nelle cinque stanze, in momenti ed orari di bassa frequenza. “Facile a dirsi!”, potrebbe replicare qualcuno. Bisogna anche possedere la virtù della pazienza, per indagare e riflettere su tutto quanto la mostra offre, stimolando il visitatore. 

Leggi tutto...

Orchestra Haydn: a Bolzano e Trento il Requiem di Fauré con il Coro di Stato della Lettonia

Martedì 31 gennaio a Bolzano e mercoledì 1 febbraio a Trento sul podio c'è Arvo Volmer. Solisti Sabina von Walther e Johannes Held

Coro di Stato della Lettonia Nell'ottavo appuntamento del 57° cartellone concertistico l'Orchestra Haydn di Bolzano e Trento proporrà il Requiem op. 48 per soprano, baritono, coro misto, organo e orchestra di Gabriel Fauré. Martedì 31 gennaio all'Auditorium di Bolzano (ore 20) e mercoledì 1 febbraio all'Auditorium di Trento (ore 20.30) il direttore principale dell'Orchestra, l'estone Arvo Volmer dirigerà la celebre partitura dell'autore francese preceduta da una selezione di Lieder tratti dal ciclo "Des Knaben Wunderhorn" (Il corno magico del fanciullo) di Gustav Mahler e dal "Gesang der Geister über den Wassern" (Canto degli Spiriti sulle acque) per coro e orchestra di Franz Schubert. Solisti la soprano Sabina von Walther, il baritono Johannes Held e le voci del Coro di Stato della Lettonia, per la prima volta ospite dell'Orchestra Haydn.

Info: www.haydn.it

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.