neq-header.jpg
Stampa
09
Gen

Società Filarmonica di Trento, inaugurazione di Stagione all’insegna dello stile viennese

Apertura con i “The Philarmonics” per un concerto di inizio d’anno all’insegna di valzer, tango e jazz

 

Filartn 2017 the Philharmonics1Il concerto di apertura della Stagione 2017 della Società Filarmonica di Trento (giovedì 12 gennaio, ore 20.45) nella sala dei concerti di via Verdi è all’insegna dello stile viennese con un concerto di Buon Anno, con un programma pieno di fascino mitteleuropeo dove cade ogni tipo di frontiera, indirizzata a un ascolto spensierato e godibile. Un'introduzione a una stagione che intende indicare il fascino della cosiddetta musica “classica” alla sensibilità spontanea di ogni sorta di pubblico. Ritmi trascinanti, melodie seducenti, incantevoli quanto stupefacenti timbri strumentali creato da musicisti estrosi e perfetti provenienti dalle due orchestre simbolo della civiltà europea, la Wiener e la Berliner Philharmonie. 

A movimentare la serata un ensemble come “The Pilarmoics” che sa entrare immediatamente in sintonia con il pubblico e che per questo lascia spazio anche all'improvvisazione nella condotta delle singole composizioni come nello scorrere del programma. Una serata quindi poco convenzionale in sintonia con i giorni festivi d'inizio anno affidata a sette musicisti dal suono classico, dal virtuosismo attinto alle musiche etniche, da un ritmo trascinante preso dal mondo della danza, da un inesauribile gusto per l'improvvisazione. Un concentrato di talenti, di creatività ed estro sovranazionali come è la Wiener Philarmonie, dove le diverse origini dei singoli artisti garantiscono risultati stupefacenti nelle diverse tradizioni, dal valzer viennese al tango, dal klezmer al jazz latino, dalla classica alle danze boeme sino alla musica per film. Una garanzia per la loro serata: per il pubblico un'avventura appassionata assolutamente non convenzionale.

The Philharmonics” apre la stagione 2017 con un concerto in pieno stile viennese. Il tradizionale Neujahrskonzert (Concerto di Capodanno), che si tiene alla “Sala d’oro” del Musikverein della capitale austriaca, è forse uno dei concerti più noti e seguiti al mondo. La prima edizione si tenne il 31 dicembre 1939 per volere del direttore Clemens Krauss, che concepì un concerto dedicato alla figura di Johann Strauss jr (1825–99). 

Non a caso, il concerto si apre proprio con la Ciarda tratta da Il cavaliere Pásmán (1892), l’unica opera scritta dal compositore, che voleva provare a pubblico e critica di essere “in grado di comporre musica ben più impegnativa di quella da ballo”. Grazie anche alla trasmissione televisiva a partire dal 1959, il Neujahrskonzert è divenuto un’istituzione, e ben presto arricchì il suo programma con pagine di altri compositori. Non mancano così alcuni estratti operistici (stasera dalla Carmen di Bizet, 1875), opere sinfoniche quali la suite tratta dal balletto Romeo e Giulietta (1938) di Prokofiev e le brillanti pagine del violinista viennese Fritz Kreisler (1875–1962). Musiche del Novecento quali Summertimedall'opera Porgy and Bess (1935) di Gershwin si mescolano con leggerezza alle composizioni di Herny Mancini, autore di brani celeberrimi quali Moon River (dal film Colazione da Tiffany, 1961) e il tema della Pantera Rosa (1964). Un concerto che si muove a passo di danza (valzer, polke o il più moderno swing) accanto ad alcune delle melodie classiche più amate di sempre. Come da tradizione, ci sarà da aspettarsi qualche fuori programma e persino lo stravolgimento dell'intero programma perché i Philharmonics sono soliti improvvisare sul palcoscenico la loro “scaletta”, aggiungendo sorpresa alla sorpresa, conservando per il finale, il “forse” è d'obbligo, il Valzer Sul bel Danubio blu (1866) di Johann Strauss jr o la Marcia di Radetzky composta nel 1848 da suo padre.

Un po’ come a Vienna, ecco creata la perfetta occasione per parafrasare il classico augurio al pubblico: “Prosit Neujahr! La Filarmonica di Trento augura a tutti voi Buon Anno!”.

 

CULTURA & SPETTACOLI NEWS

Al via “Venice Music Master”

Pronta la terza edizione dell’alto corso di perfezionamento per i giovani musicisti

Di Giovanni Greto

venice music masterConfortata dal brillante successo delle edizioni precedenti, sta per partire la terza edizione estiva (a gennaio c’è stata la prima invernale) del “Venice Music Master” (VMM). Si tratta di corsi di alto perfezionamento musicale rivolti a giovani musicisti, solisti, concertisti e insegnanti, che si tengono presso il teatro La Fenice e il Conservatorio Benedetto Marcello. Si svolgeranno in due fasi: la prima dal 29 giugno al 4 luglio; la seconda dal 7 al 14 luglio.

Leggi tutto...

“The life in a day”: Estate Fenice celebra il 50 anni dell’album del Beatles “Stg Pepper”

Il progetto speciale in scena sabato 1 luglio

Di Giovanni Greto

sgt pepper 1All’interno del cartellone “Estate Fenice” – 15 spettacoli e tre appuntamenti filosofici dal 27 giugno al 6 agosto – spicca un progetto speciale dedicato ai Beatles, “The life in a day”, per celebrare il 50° anno dalla pubblicazione (1 giugno 1967 in Gran Bretagna, qualche mese dopo in Italia) dell’album “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band”.

Leggi tutto...

Presentata la stagione 2017 della Biennale Danza di Venezia

L’XI edizione del festival in programma dal 23 giugno al 1 luglio

Di Giovanni Greto

biennale danza 2017L’undicesimo Festival Internazionale di Danza contemporanea (23 giugno-1luglio) è stato brevemente illustrato nella sede della Biennale dal presidente Paolo Baratta, accanto al quale sedeva l’artista canadese Marie Chouinard, per quattro anni responsabile del settore Danza della Fondazione veneziana.

Leggi tutto...

Al via l’edizone 95 del Festival Lirico Arena di Verona

Dal 23 giugno al 26 agosto in programma 12 eventi con numerose repliche

0. 2012 Arena di Verona Foto Ennevi 2017Il Festival lirico Arena di Verona prende il via il 23 giugno con uno dei titoli più amati dal pubblico areniano: Nabucco di Giuseppe Verdi, in programma per 12 serate fino al 26 agosto.

Leggi tutto...

Teatro “La Fenice” di Venezia: presentata la Stagione 2017-’18

In programma, tra l’altro, otto nuovi allestimenti lirici. Bilancio della gestione Chiariot in partenza per la guida del Maggio Musicale di Firenze

Di Giovanni Greto

Gran Teatro La Fenice internoE’ tempo di bilanci e di addii, in casa Fenice, quando l’arrivo dell’estate è il segnale per la presentazione della nuova stagione artistica. Davanti ad una nutrita platea, collocata insolitamente nel foyer del Teatro, anziché nelle sale Apollinee, per la concomitanza di un convegno internazionale su nuove proposte di letture e messa in scena delle opere veneziane di Monteverdi, il sovrintendente Cristiano Chiarot, affiancato dal direttore artistico Fortunato Ortombina, si è soffermato sulla situazione odierna del Teatro, prima di introdurre la stagione che verrà.

Leggi tutto...

“Conversazioni 2017” a Vicenza con anteprima con il giapponese Teatro No

Nei luoghi della città (teatri Olimico e Astra, palazzi Leoni Montanari e Chiericati) dal 14 settembre al 15 ottobre 2017 e anteprima il 23 giugno

Di Giovanni Greto

presentazione conversazioni 2017 vicenza“Conversazioni 2017. Il teatro e le Arti” è il titolo del 70° ciclo di spettacoli classici che si svolgerà a Vicenza nei teatri Olimpico ed Astra e nei palazzi Leoni Montanari e Chiericati dal 14 settembre al 15 ottobre. 

Leggi tutto...

Al via l’edizione 2017 del “Premio Hemingway Lignano Sabbiadoro”

L’evento all’insegna della fotografia con l’opera di Nino Migliori, “Premio Hemingway” 2017

Nino MiglioriIl suo “Lumen” rivela «una misteriosa bellezza scultorea, offrendo sconosciute sensazioni ancestrali, sfiorando il buio con le tremule fiammelle delle candele»: con queste motivazioni il “Premio Hemingway” 2017 è andato, per la fotografia, a un grande maestro italiano, l’artista bolognese Nino Migliori, classe 1926, protagonista di uno dei percorsi più diramati e interessanti della cultura d'immagine europea. Ogni suo lavoro, infatti, è frutto di un progetto preciso sul potere della immagine, tema che ha caratterizzato tutta la sua produzione.

Leggi tutto...

Il duo Duo Volodymyr Lavrynenko e Olena Guliei, pianoforte e violoncello ad Udine

L’ensemble vincitrice del “Premio Trio di Trieste 2015” s’esibisce nell’aula magna del collegio Uccellis

30. Duo Lavrynenko GulieiSi preannuncia elegante e vivacissimo il concerto che, giovedì 8 giugno a Udine, vedrà protagonista l’Ensemble vincitore del Concorso internazionale “Premio Trio di Trieste” 2015, il Duo Volodymyr Lavrynenko e Olena Guliei, pianoforte e violoncello. L’appuntamento è in programma alle 18 nell’aula magna del Collegio Educandato “Uccellis”, per iniziativa dell’Associazione Chamber Music Trieste nell’ambito del Convegno “Open windows of Europe”. La sera prima, mercoledì 7 giugno, saranno di scena alla Fazioli Concert Hall di Sacile alle 20.45 per la rassegna “Winners”.  In programma l’esecuzione di pagine di Beethoven e Prokof’ev ad ingresso è libero.

Leggi tutto...

Il jazz giapponese di Suga Dairo

“Solo piano at Velvetsun” è pubblicato da Velvetsun Products

di Giovanni Greto

suga dairoA Tokyo molte “Live House”, i piccoli locali che fanno musica dal vivo, si trovano vicino alle stazioni della “Chuo Sen”, una linea ferroviaria di trasporti assai frequentata perché collega da est ad ovest numerosi comuni della capitale coprendo distanze considerevoli.

Leggi tutto...

Al via la XVIII edizione del concorso internazionale “Premio Trio di Trieste”

In lizza otto formazioni che hanno già passato le preselezioni

10. Trio Kanon Italia Giappone LargeDopo la prima selezione del “Premio Trio di Trieste”, il concorso internazionale annoverato fra i pochissimi imperdibili in tutto il mondo per gli ensemble in carriera e per i teatri di circuitazione, che a Trieste guardano come a una preziosa fucina cameristica, erede della indimenticata tradizione e cifra stilistica del suo grande “Trio”, decolla la XVIII edizione del Premio promosso dall’Associazione Chamber Music di Trieste e diretto dalla pianista e musicologa Fedra Florit.

Leggi tutto...

Uri Caine e il Quintetto di Dave Douglas al teatro Olimpico per Vicenza Jazz

Due ore abbondanti di buona musica assai gradite dal pubblico

Di Giovanni Greto

Uri caine dave DouglasFa sempre piacere ritornare al teatro Olimpico di Vicenza, uno dei capolavori dell’architetto Andrea Palladio (1508-1580), il quale lo progettò pochi mesi prima di morire, non riuscendo a vederlo realizzato (verrà inaugurato nel 1583). La XXII edizione delle “New Conversations Vicenza Jazz” si è aperta con una doppia esibizione senza soluzione di continuità dalle 21.16 alle 23.22. Una decisione saggia, che ha da una parte annullato il numero degli spettatori che spesso si defilano tra la prima e la seconda proposta, dall’altra ha mantenuto intatta l’attenzione, evitando la lunga pausa tra un set e l’altro.

Leggi tutto...

Orchestra Haydn di Bolzano e Trento la Stagione sinfonica con la IX sinfonia di Mahler

Sir Jeffrey Tate  dirige gli orchestrali nella partitura composta a Dobbiaco in Alto Adige nel 1908

Sir Jeffry Tate orchestra HaydnTorna sul podio dell’Orchestra regionale “Haydn” di Bolzano e Trento per l’ultimo appuntamento della 57a Stagione sinfonica Sir Jeffrey Tate, medico prima ancora che direttore d’orchestra, titolare di una lunga e fortunatissima carriera che lo ha portato sul podio di gloriosi complessi internazionali. 

Leggi tutto...

A Parma in mostra due millenni di cultura del cibo

Quando l’archeologia sposa l’alimentazione e la sua evoluzione

Parma mostra archeologia e alimentazione presentazioneOltre due millenni di cultura dell'alimentazione rivivono attraverso preziosi reperti provenienti da importanti raccolte museali nella grande mostra allestita dal 2 giugno al 16 luglio (con una ripresa dal 9 settembre al 22 ottobre) negli spazi della Galleria San Ludovico, a Parma. Città che nel 2017 celebra, anche con questa rassegna, i 2.200 anni dalla sua fondazione.

Leggi tutto...

Fondazione Arena di Verona decimo concerto sinfonico al Teatro Filarmonico

Roman Brogli-Sacher dirige musiche di Brahms ed Elgar

FOndazione arena verona teatro filarmonico orchestraCon il decimo Concerto, in programma venerdì 26 maggio alle 20.00 e sabato 27 maggio alle 17.00, si conclude la Stagione Sinfonica 2016-2017 della Fondazione Arena al Teatro Filarmonico di Verona. L’Orchestra e il Coro preparato da Vito Lombardi saranno diretti da Roman Brogli-Sacher; in programma la Sinfonia n 1 op. 68 in do minore di Johannes Brahms e From the Bavarian Highlands op. 27 per coro e orchestra di Edward Elgar.

Leggi tutto...

Teatro Filarmonico di Verona chiusura della Stagione lirica con “Il viaggio a Reims” di Rossini

L’opera proposta per la prima volta con l’originale scenografia a fumetti

Fondazione arena verona viaggio a reims rossini scenografia 3Con “Il viaggio a Reims” di Gioachino Rossini, si conclude la Stagione d’opera della 2016-2017 di Fondazione Arena. L’allestimento vede il ritorno di Pier Francesco Maestrini e Joshua Held, rispettivamente alla regia e alle animazioni, mentre scene e costumi sono firmati da Alfredo Troisi. Orchestra, Coro e Solisti saranno diretti da Francesco Ommassini. Rappresentazioni al Teatro Filarmonico martedì 23 maggio alle 19.00, giovedì 25 maggio alle 20.00 e domenica 28 maggio alle 15.30.

Leggi tutto...

Centro Bru Zane, prosegue con successo il festival dedicato a Fernand de la Tombelle

Il compositore francese attivo tra il XIX e il XX secolo ha spaziato tra numerosi generi musicali

Di Giovanni Greto

Palazzetto Bru Zane SalaProsegue con estremo interesse ed attenzione da parte del pubblico il festival primaverile del Palazzetto Bru Zane dedicato a “Fernand de La Tombelle gentiluomo della Belle Epoque”. Il Centro di musica romantica francese, che ha sede in un palazzo veneziano del 1695, rimesso a nuovo dalla Fondazione Bru, ha per vocazione la riscoperta del patrimonio musicale francese del XIX secolo (1780-1920), riportando alla luce, o addirittura riscoprendo, compositori le cui opere meritano di essere eseguite, stimolando approfondimenti e confronti con quelle di autori più famosi del medesimo periodo.

Leggi tutto...

Nella cattedrale di SanGiusto a Trieste appuntamento con il «Cantus Dei Gloriae»

Appuntamento nell’ambito dei Concerti del Conservatorio “Tartini” con la musica sacra francese

trieste cantus dei gloriaeRiflettori sulla musica sacra francese con il suggestivo concerto in cartellone venerdì 19 maggio (ore 20.00) nella Cattedrale di San Giusto a Trieste, nell’ambito della Stagione concertistica di primavera – estate del Conservatorio “Tartini”.

Leggi tutto...

Presentato a Trento il “Festival Biblico” 2017

Evento che abbraccia le diocesi del NordEst sul tema “Felice chi ha la strada nel cuore”. Dal 19 al 21 maggio, 28 appuntamenti con un percorso nella vita e nella Bibbia, con linguaggi diversi e pubblici 

Festival Biblico mostra arcivescovo lauro tisi“Felice chi ha la strada nel cuore”. La citazione biblica (salmo 84) è il filo conduttore che guida i passi del Festival Biblico 2017, dedicato al tema del viaggio nella Bibbia e nella vita, nelle sue numerose declinazioni, reali e metaforiche, esplorate attraverso vari linguaggi, pensati per tutte le età.

Leggi tutto...

Stagione dei concerti della Chamber Music Trieste: arriva il Streichsextett Wien-Berlin

Il Sestetto d’Archi dei Wiener e Berliner Philarmoniker è un Ensemble delle “prime parti” delle Orchestre più prestigiose d’Europa

sestettoMagia degli interpreti e del repertorio, per un concerto che si preannuncia memorabile e che spicca fra gli eventi clou della Stagione cameristica 2017 di Chamber Music Trieste: lunedì 22 maggio (ore 20.30) al Teatro Verdi di Trieste – Sala Victor De Sabata, il sipario si alzerà sul Streichsextett Wien-Berlin, il Sestetto d’Archi dei Wiener e Berliner Philarmoniker, un Ensemble di ‘all stars’ degli strumenti a corda selezionati fra le prime parti delle Orchestre più prestigiose d’Europa.

Leggi tutto...

Il Museo Morandi di Bologna resta all'ex Forno del pane (che già ospita il Mambo)

Il Comune ha deciso la collocazione definitiva con il Mambo liberando gli spazi a Palazzo D’Accursio

sede museo mambo bolognaIl Museo Morandi di Bologna trova definitivamente casa nell'ex Forno del pane, l'edificio che già ospita il Mambo, il Museo di arte moderna e contemporanea, con il quale formerà un percorso dedicato all'arte contemporanea. L'amministrazione comunale ha deciso di confermare l'orientamento del consiglio di amministrazione dell'Istituzione Bologna musei, ponendo fine a una querelle che non mancherà di far discutere. 

Leggi tutto...

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.