neq-header.jpg
Stampa
26
Dic

A Natale la “differenziata” non va in vacanza

I consigli del “Rifiutologo” per separare correttamente i rifiuti delle Feste: dalla carta dei regali alle luci del presepe agli avanzi del cenone

 

rifiuti raccolta differenziata contenitori iStockScartare i regali è il momento clou del Natale. Subito dopo, però, arriva l’incombenza di pulire la casa dai “residui”: imballaggi, polistirolo, carta, nastri e biglietti d’auguri. Per fare un regalo all’ambiente e non mandare la raccolta differenziata in vacanza, ecco i consigli del “Rifiutologo”, l’app per smartphone e tablet di AcegasApsAmga con cui separare bene i rifiuti e vivere così un Natale ecologico. 

Pacchetti e regali

Alla voce “carte da regalo” il “Rifiutologo” spiega che la carta argentata da pacchetti va tra i rifiuti indifferenziati. Gli imballaggi voluminosi in cartone (per esempio le scatole dei giocattoli) devono essere ridotti di volume e conferiti nella carta, sia che si tratti di cassonetti in strada che di raccolta porta a porta.

Nastri e fiocchi vanno invece con i rifiuti indifferenziati. Il consiglio, comunque, è riciclarli per altri regali, se non sono danneggiati: anche così si dà una mano all’ambiente.

Rifiuti organici

Mediamente il 43% dei rifiuti prodotti dagli italiani nel corso delle festività natalizie è costituito dal cibo: si stima infatti che in Italia tra Natale e Capodanno sono circa 440.000 le tonnellate di cibo che finiscono nella spazzatura. 

Ridurre gli sprechi di cibo permette non solo un sensibile risparmio sull’economia domestica, ma porta anche alla diminuzione della produzione dei rifiuti. Inoltre è sempre possibile aiutare le Associazioni volontarie locali che gestiscono le mense per i poveri, portando loro le pietanze non consumate nel corso dei tradizionali cenoni e pranzi. 

Quando non possibile, è importante differenziare correttamente conferendo questi rifiuti nel contenitore della frazione organica o, per chi ne fosse provvisto, possono essere riutilizzati attraverso l’uso della compostiera, un contenitore che trasforma gli scarti organici (residui dei pasti, erba e fogliame) in concime attraverso un processo di degradazione naturale.

Imballaggi in plastica e polistirolo

Gli imballaggi in plastica o polistirolo vanno invece nella raccolta della plastica. Ma se sono di grandi dimensioni (come gli involucri di grossi elettrodomestici) vanno conferiti presso le stazioni ecologiche. 

I sacchetti che contenevano i regali, se di plastica e puliti, possono essere gettati insieme a tutta la plastica. Invece i giocattoli non elettronici (che funzionano senza corrente elettrica) come macchinine o pupazzi, anche se di plastica, vanno nell’indifferenziato. Attenzione però: se sono in buone condizioni possono essere oggetto di raccolte a scopo benefico, in generale AcegasApsAmga consiglia in questi casi di donare alle onlus del territorio qualsiasi bene che sia ancora funzionante e utilizzabile. 

Alberi di Natale 

Gli abeti senza radici, non più trapiantabili, possono essere trasformati in fertilizzante da riutilizzare in agricoltura. Non vanno dunque abbandonati accanto ai cassonetti ma, come segnala il “Rifiutologo”, possono essere portati al centro di raccolta oppure, se presente, gettati nel cassonetto dei rifiuti vegetali (sfalci e potature). Se nel proprio comune è attivo il servizio di ritiro dei rifiuti verdi, è possibile chiederne il ritiro gratuito a domicilio. 

Gli alberi sintetici “finti”, invece, vanno nella raccolta indifferenziata. Se di grandi dimensioni, vanno portati al centro di raccolta.

Altri rifiuti natalizi

Dopo i brindisi è importante non buttare le bottiglie nell’indifferenziato, ma conferirle nei contenitori di raccolta del vetro: si tratta di un materiale che può essere riciclato all’infinito. 

Un altro rifiuto tipico della stagione natalizia deriva dalle file di luci che hanno decorato alberi, presepi e terrazzi. Quando non funzionando non più diventano dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) e devono essere consegnate alle stazioni ecologiche, dal momento che contengono sostanze pericolose e dannose per la salute oltre che per l’ambiente.

Infine, le candele di cera, vanno invece nei contenitori per rifiuti indifferenziati.

No agli abbandoni in strada

In nessun caso i rifiuti vanno abbandonati in giro. L’inciviltà di chi lascia i rifiuti in strada è un costo per la collettività che può essere prevenuto avvalendosi anche del servizio gratuito di raccolta a domicilio degli ingombranti (mobili, grandi elettrodomestici, divani, etc).

AMBIENTE NEWS

Il ministero dell'Ambiente finanzia con 1 milione di euro il progetto trentino di condivisione velocipedi

Si potenzierà il progetto nato nel 2014 per diffondere la cultura della mobilità in bicicletta

trentino Bike sharingUn Trentino sempre più in bicicletta che ora potrà contare su un ulteriore finanziamento di 1,6 milioni di euro (di cui 1 milione proveniente dal ministero dell’Ambiente) per diffondere la mobilità sostenibile nei tragitti casa-scuola e casa-lavoro.

Leggi tutto...

Legambiente: Milano e Venezia nel 2017 sforato PM10 sopra i limiti per 59 giorni

Record a Torino (70 giorni), ma anche le altre città delNordEst non vanno meglio 

inquinamento tumori smog cancerogeno adenocarcinoma polmoniDa gennaio a oggi a Torino salgono a 70 i giorni di superamento delle polveri sottili PM10, mentre Milano è arrivata a quota 59 giorni. Male anche Pavia (66 giorni), Cremona (65) e Padova (60). E’ quanto denuncia Legambiente, che ha aggiornato i dati della campagna “Pm10 ti tengo d'occhio”.

Leggi tutto...

Università di Padova, studio per la predizione al computer dell’andamento delle foreste

La ricerca basata sulla misurazione della biodiversità a grandi scale con un approccio fisico-statistico 

foresta amazzonica panorama aereoUno dei modi di quantificare la biodiversità di un ecosistema è misurare il numero delle diverse specie che lo popolano. Un’alta biodiversità è indice di sostenibilità perché garantisce a cascata un supporto alla vita (ciclo dei nutrienti, formazione del suolo e produzione primaria), un miglior approvvigionamento (produzione di cibo, acqua potabile, materiali o combustibile), una corretta regolazione (del clima e delle maree, depurazione dell'acqua, impollinazione e controllo delle infestazioni) e, non ultimo, un impatto culturale, sia esso estetico, spirituale o educativo.

Leggi tutto...

Antismog: in Padania scattano i limiti con cui tutti i Comuni devono agire insieme

Galletti: «a giorni nuovo finanziamento per mobilità sostenibile specie per svecchiare il parco circolante delle auto»

italia dal satellite smog pianura padana 3In Pianura Padana scattano i provvedimenti antismog per il superamento continuativo delle soglie di attenzione per oltre 35 giorni consecutivi. Provvedimenti che riguardano tutto il territorio, dal Piemonte al Veneto e all’Emilia Romagna.

Leggi tutto...

Bonificare terreni contaminati da tricloroetilene con pioppi rafforzati da probiotici

Nuova metodica a basso impatto ambientale (e bassi costi) sviluppata dai ricercatori dell’Università di Washington

Pascolo Pioppeto San RossoreUn gruppo di ricercatori dell’Università di Washington, unitamente ad alcune imprese, ha condotto il primo esperimento su larga scala in un sito di bonifica usando pioppi rafforzati con un probiotico per pulire le acque sotterranee contaminate da tricloroetilene, un inquinante piuttosto comune nelle aree industriali, pericoloso per gli esseri umani se ingerito con l’acqua o inalato con l’aria. I risultati sono stati pubblicati dalla rivista Environmental Science & Technology.

Leggi tutto...

Dalle temperature ai ghiacciai la ricerca racconta un clima che cambia

Alla Fbk di Trento convegno sugli effetti del riscaldamento globale in Trentino

Stelvio 2010 ghiacciaio ortlesIl clima cambia, anche in Trentino: dalle temperature alle precipitazioni, dalla neve ai ghiacciai, i dati scientifici raccolti in tutti gli ambiti connessi con questa problematica davvero globale, oltre che epocale, mostrano che anche qui, come nel resto delle Alpi, gli effetti del riscaldamento del pianeta si fanno sentire. Se ne è parlato alla Fondazione Bruno Kessler (Fbk) in un convegno promosso dagli enti che aderiscono all’Osservatorio Trentino sul Clima e che si occupano di ricerca e monitoraggio del territorio. 

Leggi tutto...

Appello dell’Istituto Ramazzini a Martina: «Italia freni l’Ue su impiego del glifosato»

«Lo studio mette in evidenza effetti su salute»

glifosatoIl centro di ricerca sul cancro dell'Istituto Ramazzini di Bologna ha scritto al ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, per chiedere che l'Italia freni in sede Ue sulle autorizzazioni per il Glifosato, il pesticida più diffuso, allegando uno studio che «mette in evidenza effetti sulla salute», parte di un complesso lavoro a lungo termine.

Leggi tutto...

Qualità dell'aria: da domenica 1 ottobre scattano le misure antismog condivise tra Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto

In rete mappe, date e orari dei blocchi e interventi emergenziali dei comuni interessati, in vigore fino al 31 marzo 2018

smog inquinamento atmosfericoDa domenica 1 ottobre e fino al 31 marzo 2018, in 30 comuni dell’Emilia-Romagna dal lunedì al venerdì e nelle domeniche ecologiche dalle ore 8.30 alle 18.30 non potranno circolare i veicoli diesel fino all’Euro 3 e benzina fino all'Euro 1 e i ciclomotori pre-Euro. Inoltre, in tutti i comuni dell’Emilia-Romagna sotto i 300 metri di quota, nelle unità immobiliari con altri sistemi di riscaldamento scatta il divieto di utilizzo dei camini con efficienza energetica inferiore al 75% e in quelli aperti alimentati a legna.

Leggi tutto...

La mobilità trentina sta cambiando volto: il ruolo della trazione elettrica sarà preponderante nel prossimo futuro

Convegno a Trento sulle modifiche nel sistema dei trasporti e delle relative tecnologie

renault zoe colonnina ricarica con supporto batterie rigenerate autoIl futuro a medio termine della mobilità trentina, pubblica e privata, passa da un ruolo sempre più rilevante della trazione elettrica, sia per l’automobile che per le biciclette a pedalata assistita. Un convegno a Trento ha fatto il punto sulla situazione e sui possibili scenari del prossimo futuro.

Leggi tutto...

“Dieselgate”: 5.000 morti aggiuntivi all'anno in Europa per eccesso emissioni da motori diesel

Secondo una ricerca dell’Istituto meteorologico norvegese e l'istituto internazionale Iiasa. l'Italia è tra i paesi maggiormente colpiti con 1.250 morti aggiuntivi all’anno per la violazione dei limiti da parte delle case costruttrici

smog scritta su vetro inquinamentoIl surplus di emissioni dei veicoli diesel, rispetto a quanto dichiarato dalle case automobilistiche, emerso a seguito dello scandalo “Dieselgate” che ha coinvolto dapprima la Volkswagen per poi allargarsi anche ad altri costruttori europei, avrebbe causato in Italia 1.250 morti aggiuntivi all'anno.

Leggi tutto...

“Italia in bici”: NordEst in testa, Sicilia in coda

Il rapporto di Legambiente “A Bi CI” fotografa un’Italia che pedala divisa in due. Al Cosmobike di Verona allarme degli operatori contro l’elaborazione delle bici elettriche per farle correre di più

fiera verona cosmobike 2017 saloneCi sono regioni come Trentino Alto Adige, Emilia Romagna e Veneto, dove l'uso quotidiano della bici come mezzo di trasporto è in linea con la media europea (8% dei cittadini). In Sicilia invece la bici come mezzo di trasporto coinvolge neanche dell'1% dei lavoratori e degli studenti.

Leggi tutto...

Nella Riserva della Biosfera Delta del Po il primo Forum mondiale dei giovani Mab Unesco

La presentazione a Venezia. Coinvolti 300 delegati provenienti da 90 paesi

biosfera unesco DeltaPo casino pescaIl primo Forum mondiale dei giovani MaB all'interno del Programma l'Uomo e la Biosfera (MAB) dell'Unesco si terrà dal 18 al 22 settembre nel cuore della Riserva di Biosfera del Delta del Po.

Leggi tutto...

“TriesteNext” 2017 al centro il futuro della scienza sul mare verso Esof 2020

Dal 21 al 23 settembre la manifestazione scientifica 

TriesteNext«Lo sviluppo economico sul mare incontra la tradizione scientifica nell'edizione 2017 di TriesteNext» ha detto la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, nel presentare la nuova edizione della manifestazione scientifica triestina, che si terrà dal 21 al 23 settembre nel capoluogo giuliano.

Leggi tutto...

Al via il concorso “The#FossilSeaChallenge”: le Dolomiti e il loro rapporto con l'acqua

Iniziativa dei territori delle Dolomiti Unesco riservato alle scuole superiori di secondo grado. Iscrizioni fino al 31 ottobre 

dolomiti MarmoladaI territori delle Dolomiti Unesco (le province di Trento, Bolzano, Belluno, Pordenone e Udine) per promuovere il Bene Naturale patrimonio dell'Umanità hanno dato vita al concorso “The#FossilSeaChallenge”, le Dolomiti e il loro rapporto con l'acqua. Fino al 31 ottobre tutte le classi delle scuole secondarie di secondo grado di tutto il territorio dolomitico possono partecipare al concorso compilando un modulo reperibile sul sito della Fondazione Dolomiti all'indirizzo http://www.dolomitiunesco.info/attivita/fossil-sea-challenge/

Leggi tutto...

Orsi: in Trentino sono tra i 50 e 60

L’Alto Adige esce dai programmi europei “Life Ursus” e “WolfAlps”

PAB orso m13Mentre l’uccisione dell’orsa KJ2 fa ancora discutere con l’interrogazione e la denuncia presentata da un parlamentare M5S a Roma, la provincia di Trento ha diffuso i dati “ufficiali” circa la presenza dell’orso e i relativi costi.

Leggi tutto...

I riscaldamenti climatici alterano il regime delle alluvioni in Europa

Le inondazioni arrivano prima in area nord-orientale del continente. Studio congiunto della Technische Universität di Vienna in collaborazione con l’Università di Bologna

alluvione modena 2014Il riscaldamento globale ha modificato il regime stagionale delle alluvioni in Europa. Ad esempio, a causa dello scioglimento sempre più anticipato delle nevi, nell'area nord-orientale del continente le inondazioni tendono a verificarsi con un mese di anticipo - all'inizio della primavera - rispetto a quanto accadeva negli anni '60 e '70 del secolo scorso. Nell'area adriatica, il riscaldamento del Mediterraneo ha fatto slittare in avanti di un mese - alla fine dell'autunno - il periodo di massima allerta per le inondazioni.

Leggi tutto...

Goletta Verde: il 40% dei campioni di mare è una fogna, soprattutto al Sud

Persistono le cattive abitudini di utilizzare il WC come un immondezzaio per smaltire rifiuti solidi: dagli scarti alimentari ad assorbenti igienici femminili, profilattici e bastoncini per le orecchie

scarico a mare fogna a forcatelle brindisiBuona parte dei mari italiani continua ad essere inquinato da scarichi fognari non sufficientemente depurati. Il 40% dei campioni di acqua di mare prelevati quest'anno lungo tutta la costa italiana da Goletta Verde di Legambiente è risultato inquinato, con cariche batteriche elevate. In particolare, su 260 punti esaminati, sono 105 quelli in cui c'erano batteri “oltre i limiti di legge”, specie nel Sud Italia.

Leggi tutto...

Per Goletta Verde sono inquinate le foci del Brenta (a Chioggia) e del Piave (a Jesolo)

Su dieci campionamenti effettuati lungo la costa veneta, due sono risultate oltre i limiti di legge a causa degli scarichi fognari non depurati

goletta verdeLa consueta indagine sulla qualità delle acque dei mari condotta da Goletta Verde ha evidenziato due “punti neri” sulle coste del Veneto. Su dieci campionamenti eseguiti in corrispondenza delle foci di fiumi e nei pressi di scarichi di depuratori, due risultano fuori dai limiti di legge: la foce del fiume Brenta, in località Isola Verde, a Chioggia, e la foce del fiume Piave, presso Lido di Jesolo, a Jesolo.

Leggi tutto...

Dolomiti Unesco: 800.000 euro per il Parco Dolomiti friulane

Saranno finanziati interventi per la viabilità, monitoraggio e valorizzazione culturale

parco naturale dolomiti friulane mappaIl Parco naturale delle Dolomiti Friulane, che comprende otto comuni della provincia di Pordenone e i due Forni in quella di Udine, riceverà 800.000 euro di contributi nell’ambito delle attività Dolomiti Unesco con cui andrà ad operare nei prossimi mesi in numerosi settori di propria competenza.

Leggi tutto...

Nasce a Modena il progetto sperimentale per l'Ue per produrre carburanti ecologici da alghe

Tere Group allestisce un camion dimostrativo ad impatto zero per dimostrare l’efficienza del procedimento di trasformazione

Camion NEMO Tere GroupUn camion laboratorio ad impatto zero, alimentato a biometano di origine vegetale. Si chiamerà “Memo” e girerà i paesi europei per dimostrare la prestazione di alghe hi-tech “Algamoil” ideate dalla modenese Tere Group per il recupero dell'anidride carbonica e dei rifiuti organici agricoli quali pollina e residui di vinificazione.

Leggi tutto...

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.