neq-header.jpg
Stampa
04
Apr

Grande Guerra: presentato in Veneto il più grande archivio digitale d’Italia

on Mercoledì, 04 Aprile 2012 15:45.

GRANDE GUERRA STIVAL E CADEDDUStoria, reperti e vicende umane sulla rete. Il solo Veneto ebbe 48.374 caduti

Ricordare i 48.374 caduti veneti della prima guerra mondiale; costituire un archivio storico in gran parte inedito scaturito dalla collaborazione tra studiosi e famiglie; riscoprire e approfondire uno degli eventi che ha segnato per sempre il Veneto dello scorso millennio, mettere a disposizione delle giovani generazioni uno strumento moderno per conoscere e capire il proprio passato, costituire il più grande archivio italiano digitale disponibile sulla rete sulla guerra 1915-’18 per accompagnare il cammino verso il centenario della fine del conflitto, nel 2018. Sono questi i principali obiettivi dell’Archivio Della Memoria sulla Grande Guerra, un’iniziativa realizzata dal Centro Studi Storico Militari sulla Grande Guerra “Piero Pieri” di Vittorio Veneto con il contributo della Regione del Veneto attraverso i fondi per la valorizzazione dell’identità veneta, presentato nella sede della Giunta regionale a Venezia, alla presenza, tra gli altri, dell’assessore all’identità veneta, Daniele Stival, del presidente del Centro Studi Militari, Lorenzo Cadeddu, e dei rappresentanti dei tre Comuni veneti più coinvolti nel primo conflitto mondiale, Vittorio Veneto, Nervesa della Battaglia e San Donà di Piave.

Stampa
04
Apr

V Conto Energia: 28.000 tra installatori ed edili di Confartigianato Imprese Veneto si appellano al Governo

on Mercoledì, 04 Aprile 2012 15:42.

Metalsistem inauguazione impianto fotovoltaico stabilimento dettaglio pannelloLa richiesta è di non penalizzate l’efficienza energetica e l’indotto generato dall’installazione di moduli fotovoltaici

28.000 titolari di imprese artigiane venete edili e di installazione, assieme ai loro 60.000 collaboratori, uniscono le loro voci per dire “NO alla riduzione degli incentivi al fotovoltaico, alle rinnovabili ed alla efficienza energetica”. Non v’è certezza. Ma, dalle indiscrezioni sulle bozze del V conto energia circolate in questi ultimi giorni, che trovano però conferma da esternazioni di ministri importanti come Corrado Passera (che ha recentemente affermato “in passato si è speso troppo e male, ecco perché ora l'esecutivo interverrà riallineando gli incentivi a quelli degli altri Paesi”), si prospettano tempi durissimi per le imprese italiane e venete impegnate nella green economy.

Stampa
04
Apr

Qualità urbana, Trento e Bolzano nelle retrovie dell’indagine dell’Università Bicocca. Bene Trieste (2 posto), Vicenza (24) e Padova (25)

on Mercoledì, 04 Aprile 2012 15:19.

Trento asse via Verdi piazza Duomo 1Pesa la mancanza di collegamenti con l’esterno

Secondo un’indagine svolta dall’Università Bicocca di Milano sui 103 capoluoghi di provincia italiani da un gruppo di economisti, l’attrattività di città come Trento e Bolzano finisce nelle retrovie (rispettivamente al 72 e 75 posto), mentre realtà come quella di Trieste si pone al secondo posto subito dopo la leader della classifica Pisa, incalzata al posto di consolazione da Bologna. Città venete come Vicenza, Padova, Belluno e Verona si piazzano rispettivamente al 24, 25, 44 e 52 posto in classifica, mentre il fondo della graduatoria è occupato da città del profondo Sud come Enna, Caltanisetta e Potenza.

Stampa
04
Apr

IMU, Confindustria Padova critica sulla nuova tassa: una stangata da 164 milioni di euro in più sulle imprese

on Mercoledì, 04 Aprile 2012 08:47.

logo confindustria si venetoAppello di Pavin ai sindaci a “deliberare l’aliquota minima ai fini dell’Imu dovuta nel 2012”.

E al Governo: “non tiri la corda. Dopo i sacrifici di sole tasse, ora tagliare la spesa”

Se l’abolizione dell’Irap resta una chimera per le imprese (stando alla delega fiscale del Governo), la stangata dell’Imu è invece una certezza. L’anticipo al 2012 della nuova imposta municipale unica, che da quest’anno sostituisce l’Ici, comporterà per le imprese manifatturiere del Veneto il pagamento di 523 milioni di euro, con un maggiore esborso di 164 milioni rispetto alla vecchia Ici. A Padova il gettito stimato è di 93,6 milioni, 35 milioni più del 2011. L’aumento della tassazione per le imprese venete sarà del 45,7% (+59,2% a Padova), se prima il Governo e poi i Comuni confermeranno l’aliquota base del 7,6 per mille per il saldo di dicembre. Ma l’eventuale ritocco in su dell’aliquota, che i primi cittadini potranno decidere entro il 30 settembre, determinerebbe incrementi anche del 200% sulle singole imprese. Una doccia ancora più gelata in quanto allunga una spirale di rincari che, da inizio dell’anno, ha già messo in fila accise sulla benzina e sull’energia, addizionali Irpef regionale e comunale, elettricità e prossimamente l’Iva. Il tutto in un momento già gravato da una profonda crisi economica e da bilanci in affanno.

Stampa
04
Apr

L’ambasciatore Usa in Italia Thorne visita la base Dal Molin di Vicenza assieme a Zaia

on Mercoledì, 04 Aprile 2012 08:00.

FOTO DAL MOLINRibadita la volontà di proseguire la collaborazione Italia-USA

Visita alla base Dal Molin di Vicenza per un gruppo di ospiti d’eccezione. L’ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, David Thorne, ha visitato il cantiere della base assieme al presidente della regione del Veneto, al prefetto Melchiorre Fallica, al sindaco di Vicenza Achille Variati e al capo struttura di missione per Dal Molin Paolo Costa. Hanno fatto gli onori di casa il comandante italiano della base Col. Edoardo Maggian, il Direttore del Comando Europeo per le Installazioni US Army in Europa Kathleen Marin e il comandante della Guarnigione U.S. Army di Vicenza Col. David Buckingham.

Stampa
03
Apr

Vinitaly 2012, Trentino in chiaroscuro

on Martedì, 03 Aprile 2012 21:42.

vinitaly 2012 fronza mellarini dalpezIl salone più importante del mondo vitivinicolo doveva essere l’occasione del rilancio del vino trentino, che però nessuno ha visto

Il Vinitaly 2012 doveva essere l’occasione del rilancio del vino trentino, ma così non è stato, almeno per la maggioranza degli operatori e gli esperti del settore. Anche il momento istituzionale con la presenza dell’assessore provinciale all’agricoltura e commercio, Tiziano Mellarini, i vertici della Camera di commercio guidati dal presidente Adriano Dalpez e di Trentino Marketing non è riuscito a fugare l’impressione che l’attuale gestione del mondo vitivinicolo trentino abbia poche idee e assai confuse, cosa che contribuisce ancor di più l’idea di finanziare con 300.000 euro di denari pubblici un film attorno al Marzemino, sì uno dei vini simbolo della produzione enoica trentina, ma che rappresenta pur sempre un magrissimo 3% del totale della produzione locale. Sarà, ma se nelle intenzioni dei proponenti l’intenzione era quella di sollevare l’attenzione internazionale sul mondo vitivinicolo locale, meglio sarebbe stato finanziare un documentario sui produttori più caratteristici del mondo enologico locale, che non mancano affatto e sono pure conosciuti ed apprezzati all’estero.

Stampa
03
Apr

La regione del Veneto dichiara lo stato di crisi idrica su tutto il territorio

on Martedì, 03 Aprile 2012 20:34.

luca zaia Provvedimento valido fino al 30 aprile. Ora si spera nelle annunciate piogge

Il presidente della regione del Veneto, Luca Zaia, con propria ordinanza ha dichiarato lo stato di crisi idrica su tutto il territorio veneto. Il provvedimento è stato preso a causa del perdurare delle anomale condizioni meteorologiche che hanno determinato una situazione di grave insufficienza nei bacini idrici dei corsi d'acqua, con ripercussioni negative sui livelli delle falde sotterranee e sugli approvvigionamenti idropotabili. Il provvedimento, valido fino al 30 aprile, potrà subire modifiche in relazione all'andamento meteorologico.

Stampa
03
Apr

Grazie alla sua virtuosità gestionale, alla provincia di Vicenza il Governo riconosce maggiori risorse finanziarie

on Martedì, 03 Aprile 2012 19:58.

Attilio Schneck presidente Autoserenissima A31 A4 provincia VicenzaSoddisfatto il presidente Attilio Schneck: “se tutto va per il meglio, potremmo avere nuove risorse per circa 5 milioni di euro da spendere nel 2012”

La provincia di Vicenza è un ente virtuoso, uno dei migliori del Paese. Lo dicono i dati di una gestione oculata e responsabile, puntualmente accertata e riconosciuta dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con un decreto (attualmente alla firma del Ministro) che elenca gli enti virtuosi d’Italia: 4 Province (Vicenza, Lodi, Sondrio e Bari) e 143 Comuni (tra cui 10 vicentini: Arcugnano, Arzignano, Breganze, Brendola, Castelgomberto, Malo, Tezze sul Brenta, Trissino, Valdagno e Zanè). In sostanza si tratta degli enti pubblici più bravi a ridurre le spese e a riscuotere le tasse, dimostrando autonomia finanziaria rispetto ai trasferimenti degli enti superiori e rispettando il patto di stabilità.

Stampa
03
Apr

Picasso e Vollard. Il genio e il mercante

on Martedì, 03 Aprile 2012 19:56.

Pablo Picasso La Minotauromachia 1935 Acquaforte e raschietto Collezione privata  Succession Picasso 1A Venezia presso l’Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, 150 opere raccontano l’intenso rapporto tra il mercante d’arte Ambroise Vollard e quello che diventerà il più grande artista del XX secolo, Pablo Picasso.

Dal 6 aprile all’8 luglio 2012, l’Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti di Venezia ospita la mostra Picasso e Vollard. Il genio e il mercante che, per la prima volta, illustra il lungo e contrastato sodalizio intercorso tra il mercante d’arte Ambroise Vollard e Pablo Picasso. L’iniziativa, propone nelle sale di Palazzo Franchetti un percorso espositivo con oltre 150 opere, tra cui la serie completa delle 100 incisioni della Suite Vollard, la Minotauromachia, forse l’assoluto capolavoro grafico di Picasso, le 30 acqueforti originali per l’Histoire Naturelle di Buffon, le acqueforti dei Saltimbanchi.

Stampa
03
Apr

Pronto il piano strategico di internazionalizzazione dell’economia del Friuli Venezia Giulia

on Martedì, 03 Aprile 2012 19:53.

FVGSilvia Acerbi Presidente Informest e Federica Seganti 1L’assessore Seganti presenta le linee dell’iniziativa progettata da Informest per conto della Regione

Si sviluppa su 4 assi il piano strategico per l'internazionalizzazione 2012-2014 realizzato da Informest per conto della Regione: il rilancio dell'export, la diversificazione degli strumenti e delle strategie di internazionalizzazione, la diffusione dell'aggregazione di impresa e del paternariato territoriale per l'internazionalizzazione. Il programma “è figlio della riforma, fortemente incisiva, che riunisce tutti gli strumenti regionali dedicati alla promozione delle aziende regionali sui mercati esteri ed è stata varata lo scorso anno dalla Regione” spiega l'assessore regionale alle attività produttive, Federica Seganti, che ha aperto il convegno organizzato al Mib sul tema “Internazionalizzazione. Strategie per operazioni di successo” organizzato dalla direzione centrale Attività produttive assieme a Friulia.

Stampa
03
Apr

Quindici studenti dell’istituto tecnico Kennedy di Pordenone studiano alla Durante&Vivan le tecniche di ricerca, sviluppo e controllo qualità nel settore degli adesivi polimerici.

on Martedì, 03 Aprile 2012 05:58.

Studenti in azienda 1Un progetto di alternanza scuola-lavoro per introdurre i giovani negli ambienti produttivi e orientare le loro future scelte professionali

Si è concluso il periodo di alternanza scuola - lavoro organizzato dall'Istituto Tecnico J.F. Kennedy di Pordenone con la Durante & Vivan, azienda che opera nel settore adesivi dal 1962 e leader nel mercato Italiano per gli adesivi su legno che ha avviato un processo di internazionalizzazione con l'apertura di filiali in Turchia e in Cina.

Il progetto, sostenuto dalla regione Friuli Venezia Giulia, attraverso i finanziamenti del fondo sociale europeo, è durato 5 settimane e ha coinvolto direttamente 15 studenti della classe IV dell'indirizzo chimico dell’Istituto, il tutor aziendale dott. Venier (Responsabile Ricerca e Sviluppo), e la referente scolastica prof.ssa Biasotto.

Stampa
03
Apr

A marzo prosegue il crollo del mercato dell’auto: -26,7%, con il gruppo Fiat che fa peggio

on Martedì, 03 Aprile 2012 05:53.

Federauto,Unrae e Anfia chiedono al Governo Monti provvedimenti per rilanciare il settore strangolato dagli effetti dell’aumento dell’Iva e dalla crescita dei costi dei carburanti. Servono provvedimenti per rimodulare la fiscalità sull’auto aziendale, eccessivamente penalizzata rispetto all’Europa

A marzo prosegue il crollo del mercato dell’auto, con un nuovo calo del 26.7%, con il gruppo Fiat che fa peggio della media, andando oltre il 30% di calo, vedendo ridursi la propria quota di mercato nazionale sotto il 25% causa eventi contingenti (come lo sciopero delle bisarche che hanno impedito la distribuzione e la cnosegna delle vetture vendute) e, soprattutto, la miope strategia aziendale che ha limitato negli ultimi anni la gamma di prodotto, oggi oltre modo ridotta e poco in linea con le richieste di un mercato sempre più segmentato e sofisticato. Se la crisi sul nuovo fa piangere flotti di lacrime da parte degli operatori, nemmeno il mercato dell’usato sorride, visto che a marzo sono stati registrati 391.863 trasferimenti di proprietà di auto usate, con un calo dell'8,22% rispetto a marzo 2011, durante il quale ne furono registrati 426.972 (a febbraio i trasferimenti di proprietà di auto usate erano stati invece 339.756). Il mese scorso, il volume globale delle vendite (530.000 autovetture) ha interessato per il 26,06% auto nuove e per il 73,94% auto usate.

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.