neq-header.jpg
Stampa
28
Dic

Atrofia muscolare: ricercatori al lavoro su una terapia non-invasiva

Pubblicati su “Science Translational Medicine” i risultati di uno studio clinico condotto in collaborazione con il Cibio di Trento su una malattia neurodegenerativa che si manifesta nella popolazione maschile

Unitn Cibio Maria PennutoCome una corsia preferenziale che permette di arrivare alla meta in modo diretto, veloce, sicuro. È la strada che potrebbe aprire uno studio clinico sull’atrofia muscolare spinale e bulbare pubblicato da “Science Translational Medicine” nei giorni scorsi: la strategia utilizzata consiste nel somministrare un composto per via intranasale, la quale permette di raggiungere i neuroni malati e i tessuti periferici attraverso il sistema nervoso centrale.

L'atrofia muscolare spinale e bulbare (in sigla SBMA, che sta per “Spinal and Bulbar Muscular Atrophy”), nota anche come malattia di Kennedy, è una malattia neurodegenerativa dalle conseguenze pesanti. Comporta la perdita dei motoneuroni che partono dal midollo spinale e che controllano il movimento del corpo e il movimento della muscolatura scheletrica. Tale malattia è dovuta a una mutazione del recettore degli androgeni e si manifesta nella popolazione maschile perché gli uomini hanno elevati livelli di androgeni rispetto alle donne. 

Tra gli autori dello studio pubblicato su “Science Translational Medicine” ci sono Maria Josè Polanco, Diana Piol, Mathilde Chivet e Maria Pennuto, tutte ricercatrici attive al Dulbecco Telethon Institute del Centro di Biologia integrata – Cibio dell’Università di Trento, alcuni colleghi che da tempo collaborano con loro: Andrew C. B. Cato, Albert R. La Spada, Fabio Sambataro, Kenneth H. Fischbeck e Illana Gozes e ricercatori di altre istituzioni. 

«Il nostro studio – spiegano le ricercatrici del Cibio – identifica una molecola (peptide), una proteina solubile, che può essere assunta per via intranasale e che in questo modo passa direttamente nel sistema nervoso centrale raggiungendo così quei neuroni che controllano i movimenti del corpo e dello scheletro, neuroni che invece è difficile raggiungere per via endovenosa o intramuscolare. Inoltre, abbiamo verificato che il peptide ha effetto anche su tessuti periferici, quali il muscolo scheletrico stesso». Quale potrebbe essere il risultato? «La proteina, una volta raggiunti i motoneuroni malati, riduce i livelli del recettore degli androgeni mutato e quindi rallenta il progredire della malattia mitigandone le conseguenze». 

Lo studio è stato cofinanziato da Telethon (Italia e USA), dalla Provincia di Trento e da altre associazioni nazionali e internazionali. 

 

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.