neq-header.jpg
Stampa
18
Apr

Ponte pasquale, primo bilancio e previsioni sulla stagione di Federalberghi Veneto

Michielli: «dal mercato segnali positivi, fiducia nei prossimi fine settimana»

bambini spiaggia mare ombrelloneLa primavera dei “ponti” è un assist all’estate. In barba al meteo-terrorismo, il primo “ponte” festivo della stagione è sbocciato quasi ovunque, con arrivi e presenze lusinghieri, mentre sul fronte delle prenotazioni in diverse località del litorale il fine settimana lungo di Pasqua è stato un periodo di buona semina per l’estate.

Secondo Federalberghi Veneto che ha analizzato il responso di oltre 2.700 associati, è andata molto bene alle terme, così come a Cortina, Jesolo e in tutto il comprensorio di Chioggia e Sottomarina. Bene anche il lago di Garda e gran parte delle città d’arte, dove a un andamento sostanzialmente positivo corrisponde la preoccupazione – sia dal punto di vista della sicurezza che sotto il profilo della concorrenza, per ora ancora sleale – legata al fenomeno in crescita dei portali per gli affitti turistici.

«Nel turismo c’è un sommerso da spavento, che vede Venezia tra le città italiane maggiormente interessate, con 5.166 alloggi messi a disposizione in un noto portale online – conferma il presidente regionale di Federalberghi Veneto e vice presidente nazionale, Marco Michielli –. Nella manovrina appena varata dal Governo è rispuntata la cedolare secca sugli affitti brevi, che potrebbe portare a una svolta già da maggio. Auspichiamo che si vada fino in fondo».

Tornando all’andamento del “ponte” di Pasqua, secondo Michielli «il segnale positivo che arriva dal mercato consente un moderato ottimismo. Dalla nostra abbiamo un calendario che quest’anno ha collocato la festività a metà del mese di aprile e, anche se la durata dei pernottamenti degli italiani non si discosta dalle 3-4 notti, quella dei turisti stranieri in alcune località ha superato la settimana. Direi bene, soprattutto tenendo conto delle occasioni di vacanza che si avranno nelle prossime due settimane, con i ponti del 25 aprile e del primo maggio, con l’esempio di Treviso “baciata” dagli Impressionisti in mostra fino al 1 maggio e dall’arrivo degli Alpini dal 12 al 14 maggio, a dimostrare che gli aventi di livello sono un volano formidabile».

Quanto ai singoli ambiti turistici, il mare con l’80% degli alberghi aperti a Pasqua (50 strutture su 65), Chioggia-Sottomarina e Isola Verde hanno sfiorato il tutto esaurito. «L’occupazione degli hotel è stata del 75% - spiega il presidente degli albergatori di Sottomarina, Giuliano Boscolo Cegion –. La primavera calda ha spinto le prenotazioni, mentre molti dei turisti che ci hanno raggiunti a Pasqua hanno prenotato già per l’estate, affascinati dalla possibilità di trovare, in un unico brand nell’arco di pochissimi chilometri, la spiaggia, la città d’arte e il parco della Laguna Sud. I prossimi ponti saranno in linea con il passato, meteo e previsioni permettendo». 

Jesolo conferma il suo appeal; per il ponte di Pasqua ha schierato 1.500 addetti negli 82 hotel aperti (contro i 50 dell’anno scorso), aderenti all’Associazione jesolana albergatori, che hanno registrato un’occupazione delle camere pari al 70%.  Oltre agli italiani, sono arrivati austriaci, tedeschi e svizzeri. Le previsioni per i prossimi due ponti sono molto buone. Bibione. Malgrado le cattive previsioni, rivelatesi poi una bufala, di turisti a Bibione se ne sono visti tantissimi. Lo dice il presidente dell’associazione Bibionese Albergatori Silvio Scolaro. «Con lunghe code davanti alle gelateria e 25 alberghi su 90 aperti, abbiamo registrato buoni indici di occupazione e anche le previsioni per i prossimi ponti, quando apriranno altri 5-6 alberghi, sono buone. Confidiamo inoltre nella Beach volley marathon, il più grande torneo al mondo con 20.000 atleti, che si svolgerà il 19 e 20 maggio e ci traghetterà verso l’estate» chiosa Boscolo Cegion. 

La Pasqua sul Lago di Garda è stata archiviata con risultati del tutto positivi, migliori persino dello scorso anno, attestandosi su una percentuale media di occupazione delle camere dell’80-85%. Il bel tempo e le alte temperature del periodo antecedente la Pasqua hanno fatto la loro parte, mentre non si è arrivati al tutto esaurito solo a causa delle previsioni atmosferiche incerte della vigilia che hanno bloccato le prenotazioni last minute. Per quanto riguarda la permanenza, gli italiani hanno fatto un week end corto (1-2 notti), mentre i turisti tedeschi hanno prenotato anche per 3-4 notti. 

Da una prima elaborazione dei dati di “GardaPass Booking”, centrale di prenotazione di Federalberghi Garda Veneto, un’ulteriore nota positiva è l’aumento di presenze di italiani nel periodo pasquale: il 30% contro la media annuale che si attesta al 16%.  Per i ponti del 25 aprile e del 1° maggio si riscontrano buone medie di prenotazione e, confidando in previsioni meteorologiche non troppo allarmistiche, la primavera si potrebbe chiudere con segno positivo. Per i ponti dell’Ascensione, Pentecoste e Corpus Domini (maggio e giugno), si conferma una folta presenza di turisti stranieri (circa il 90%), soprattutto di area germanica.

«Questa primavera sembra un ottimo trampolino di lancio verso l’estate, dopo due annate consecutive altamente positive», spiega il presidente di Federalberghi Garda Veneto, Marco Lucchini.

Quanto alle città d’arte, Venezia si conferma regina con il 95% delle camere occupate negli hotel che aderiscono all’Associazione veneziana albergatori tra sabato e domenica scorsi, mentre per l’estate si prevede il tutto esaurito. Se la città lagunare basta da sola a richiamare sempre una foltissima schiera di turisti, in questi giorni un ruolo importante lo hanno giocato le mostre di David Lachappelle e di Mien Hirst, valore aggiunto di altissimo livello in una città che spesso soffre per un turismo distratto mordi e fuggi. 

Una Pasqua non eccezionale, ma buona, a Verona. «Il tempo ha tenuto e la frequentazione della città è stata medio-alta – dichiara il presidente degli albergatori scaligeri, Giulio Cavara –. Continuano a soffrire gli alberghi situati nella cintura urbana, per effetto delle locazioni turistiche legate ai portali online: si parla di 2.000 appartamenti. Finché non si metterà mano seriamente a questo fenomeno, non avremo un monitoraggio reale della situazione, con conseguenze immaginabili anche sotto il profilo della sicurezza. Per quanto riguarda gli eventi, il Vinitaly è stato, come sempre, un’ottima occasione per fare marketing sul territorio». 

A Padova è stata «una Pasqua “ni”, con diverse camere libere - secondo il commento di Monica Soranzo, presidente degli albergatori della città del Santo -. Non è andata bene come potevamo aspettarci, però abbiamo già buoni numeri per il prossimo weekend, che coinciderà con l’evento della maratona, il 23 aprile. Per le previsioni sul 1 maggio c’è ancora tempo…».

Le colline del Prosecco e l’alto Trevigiano hanno registrato una Pasqua felice anche sul piano ricettivo-alberghiero e su quello della ristorazione, ma il “botto” l’ha fatto il capoluogo. Baciata dalla mostra sugli Impressionisti, Treviso si prepara in gran spolvero ai prossimi due ponti e soprattutto al boom finale dell’Adunata nazionale degli alpini, in programma a metà maggio (gli alberghi sono full ed è già praticamente impossibile trovare una stanza libera).DTD Pierluigi Benini

Quanto alla montagna, le Dolomiti sono viaggiate a due velocità nel ponte di Pasqua. Da un lato Cortina che, se non ha fatto il tutto esaurito, ha registrato buoni risultati, con pernottamenti medi negli alberghi di 3 notti, grazie anche alle piste innevate, che rimarranno aperte fino al 1 maggio. «Chi non scia – spiega la presidente degli albergatori, Roberta Alverà – potrà contare su molte altre occasioni di svago, dalle escursioni ai tour in bicicletta». Dall’altro lato c’è tutta la ricchezza della montagna del Bellunese, ma qui le Dolomiti non hanno registrato risultati esaltanti, come conferma il presidente degli albergatori bellunesi, Walter De Cassan: «poca neve, impianti chiusi, brutto tempo».

Per il settore termale la novità di quest’anno è costituita dai francesi, arrivati in gran numero nelle strutture alberghiere di Abano e Montegrotto. Come spiega il Gruppo albergatori, le notti medie degli italiani a Pasqua sono state 3-4; quelle degli stranieri tra le 7 e le 10, realizzando il quasi tutto esaurito nei 60 Hotel aderenti a Federalberghi. Anche in questo caso il meteo, che per le terme non è rilevante come per altre località, e che comunque prevedeva lampi e tuoni, è stato puntualmente smentito. «Per i ponti del 25 aprile e del 1 maggio siamo già al 90% di occupazione delle camere», fa sapere l’associazione.

TROVA ...

Questo sito utilizza i cookie. Procedendo la navigazione su questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.